Anestesia e Rianimazione

storia dell'Anestesia e della Rianimazione

L’assorbitore di anidride carbonica di Ralph Waters

L’ANESTESIOLOGIA DI INIZIO NOVECENTO ED IL PROBLEMA DELL’ESPULSIONE DELL’ANIDRIDE CARBONICA Sebbene gli “assorbitori” di anidride carbonica (CO2) fossero stati precedentemente usati negli umani, il dr Ralph Waters (1883-1979) sviluppò il primo assorbitore maneggevole e facilmente trasportabile. Ispirato dal lavoro del dr Dennis E. Jackson (1878-1980), Waters sviluppò ed iniziò a testare, intorno al 1919, il… Continua a leggere L’assorbitore di anidride carbonica di Ralph Waters

Dalla vela il catetere di Swan-Ganz

DALLA VELA IL CATETERE DI SWAN-GANZ Il catetere di Swan-Ganz, noto anche come catetere arterioso polmonare (PAC), è un dispositivo di monitoraggio emodinamico invasivo utilizzato in anestesia e soprattutto in terapia intensiva. Esso è costituito da un catetere a più lumi, dotato alla sua estremità di un palloncino gonfiabile. Tramite un introduttore, inserito in una… Continua a leggere Dalla vela il catetere di Swan-Ganz

I diorami dello Science Museum: la prima anestesia generale

I DIORAMI DELLO “SCIENCE MUSEUM” DI LONDRA: LA PRIMA ANESTESIA GENERALE Il diorama, basato su un dagherrotipo originale della scena, mostra il dott. John Collins Warren (1778-1856) nell’esecuzione della prima operazione chirurgica eseguita con un anestetico generale presso l’Ospedale del Massachusetts a Boston il 16 ottobre 1846. Il dottor Thomas Morton (1819-1868), un pioniere nel… Continua a leggere I diorami dello Science Museum: la prima anestesia generale

Il cono di Trendelenburg

IL CONO DI TRENDELENBURG Questo strumento veniva utilizzato per rilasciare l’anestetico attraverso un’apertura chirurgica nella trachea del paziente. La tecnica dell’anestesia endotracheale fu introdotta nel 1871 dal grande chirurgo tedesco Friedrich Trendelenburg (1844-1924).  L’etere o il cloroformio potevano essere intrisi attraverso un panno all’interno di un cono, e rilasciati tramite evaporazione. Il cono aveva una serie… Continua a leggere Il cono di Trendelenburg

Il tentativo di una compressione selettiva dei tronchi nervosi a fini anestesiologici

L’ANESTESIA PRIMA CHE NASCESSE L’ANESTESIA MODERNA: LA COMPRESSIONE SELETTIVA DEI TRONCHI NERVOSI A fine settecento, fu opera del chirurgo James Moore il tentativo di una selettiva compressione dei tronchi nervosi per la chirurgia degli arti. Moore realizzò allo scopo dei speciali morsetti. Con questa tecnica, nel 1784, il celebre chirurgo John Hunter praticò con un certo… Continua a leggere Il tentativo di una compressione selettiva dei tronchi nervosi a fini anestesiologici

Un’utopia dell’anestesiologia: la narcosi eterea per via rettale

UN’UTOPIA DELLA’ANESTESIOLOGIA: LA NARCOSI ETEREA PER VIA RETTALE Si è appena diffuso l’eco delle prime anestesie generali e delle proprietà meravigliose dell’etere solforico che Roux, in un intervento all’Accademia delle Scienze di Parigi (1847), si chiede se per l’anestesia non sia possibile utilizzare come via d’introduzione l’ultima porzione dell’apparato digerente ove, come noto, l’assorbimento si fa con… Continua a leggere Un’utopia dell’anestesiologia: la narcosi eterea per via rettale

Esordi dell’anestesia spinale

ESORDI DELL’ANESTESIA SPINALE La prima analgesia spinale fu somministrata nel 1885 da James Leonard Corning (1855–1923), un neurologo di New York. Egli stava somministrando cocaina sui nervi spinali di un cane allorché accidentalmente perforò la dura madre. La prima anestesia spinale programmata per intervento chirurgico fu somministrata da August Bier (1861–1949) il 16 agosto 1898, a… Continua a leggere Esordi dell’anestesia spinale

Storia dell’anestesia neuroassiale

STORIA DELL’ANESTESIA NEUROASSIALE Friedrich Gaedcke (1828-1890) divenne colui che per primo isolò chimicamente la cocaina, il più potente alcaloide della pianta della coca. Gaedcke chiamò il composto “eritroxilina”. Nel 1884, l’oftalmologo austriaco Karl Koller (1857-1944) instillò una soluzione di cocaina nel suo occhio e testò la sua efficacia come anestetico locale pungendo l’occhio con degli aghi.… Continua a leggere Storia dell’anestesia neuroassiale

Preparazione del protossido d’azoto nell’ottocento

PREPARAZIONE DEL PROTOSSIDO D’AZOTO PER LA PRATICA DELL’ANESTESIologia NELL’OTTOCENTO “Il mezzo più primitivo per ottenere il protossido d’azoto è quello che ci è stato indicato dal dottor Colton (Vedere la foto). Basta procurarsi un semplice alambicco F, provvisto di un tubo di emissione ed un barile A che è stato riempito di acqua.  Il nitrato… Continua a leggere Preparazione del protossido d’azoto nell’ottocento

Preistoria dell’anestesiologia: l’etere

PREISTORIA DELL’ANESTESIOLOGIA: L’ETERE William Morton, dentista di Boston, introdusse nel 1846 l’etere nella pratica chirurgica come anestetico generale (nell’immagine Morton è rappresentato mentre anestetizza un giovane paziente, Eben H. Frost). Prima di lui: 1540: Valerius Cordus (1515-1544) sintetizza l’etere, chiamandolo “olio dolce di vetriolo” (oleum dulci vitrioli) poiché esso era stata originariamente ottenuto tramite distillazione… Continua a leggere Preistoria dell’anestesiologia: l’etere