Il grande pioniere dell’anestesiologia: WTG Morton

IL GRANDE PIONIERE DELL’ANESTESIOLOGIA: W.T.G. MORTON

«Prima di lui, in ogni tempo, la chirurgia era agonia
Grazie a lui, il dolore nella chirurgia viene evitato
Dopo di lui, la scienza ha il controllo sul dolore»

[scritta sulla lapide di WTG Morton]


SCOPERTE, INVENZIONI E LITI

William Thomas Green Morton (9agosto 1819 – 15luglio 1868)

Nella storia, nel caso di quasi tutte le grandi scoperte ed invenzioni, quasi sempre si è assistito ad una successiva guerra nel reclamare i meriti di questo o quel primato.
In questo senso la scoperta dell’anestesiologia (eterea) non rappresenta un’eccezione alla regolare.
Ma tra coloro che hanno rivendicato la primogenitura della narcosi eterea, solo WTG Morton può affermare che appena dopo di lui tutto il mondo ha praticato l’anestesia in maniera sistematica.
Moriva il 15 luglio 1868, all’età di soli 48 anni, il dentista statunitense William Thomas Green Morton.
Agli inizi degli anni ’40 dell’ottocento, Morton era un giovane odontoiatra che si era iscritto alla Facoltà di Medicina di Harvard. Qui potè seguire le lezioni di chimica del prof. Charles Thomas Jackson (21giugno 1805 – 28agosto 1880) ed essere introdotto alle proprietà dell’etere. Tuttavia, dopo meno di un anno, Morton abbandonò Harvard senza laurearsi per tornare a dedicarsi alla professione di dentista.


ALLA RICERCA DI UN POTENTE ANESTETICO

Immagine di Morton che esegue un’estrazione dentaria in anestesia eterea.

Per i dentisti, come per i medici ed i chirurghi, non era facile praticare la professione senza avere controllo del dolore. Morton fu molto coinvolto in questa problematica: nel 1844 collaborò alla pubblica dimostrazione di Horace Wells di anestesia odontoiatrica con il protossido d’azoto, ma l’esperimento non ebbe successo.
Sulla scia delle lezioni del prof. Jackson, egli si interessò agli effetti dell’etere.

Nel caso specifico, Morton comprese che la forma solforica di etere (quella pura), somministrata per inalazione, aveva sugli organismi viventi gli effetti da lui ricercati: incoscienza ed analgesia.


PUBBLICHE DIMOSTRAZIONI

Rappresentazione grafica dell’intervento chirurgico eseguito al General Hospital di Boston il 16 ottobre del 1846. Morton viene raffigurato alla testa del paziente ed il chirurgo, il dott. Warren, alla sua destra.

Il 30settembre del 1846, egli riuscì ad estrarre con successo, per la prima volta nella storia, un dente in narcosi eterea ed il 16ottobre dello stesso anno, al Massachusetts General Hospital di Boston, il dott. John Collins Warren (1agosto 1778 – May 4maggio 1856) operò con successo un paziente anestetizzato da Morton.
Dopo aver rimosso in maniera indolore un tumore dal collo di un certo mr. Edward Gilbert Abbott, il dott. Warren esclamò: “Questo non è un imbroglio!“. Il teatro chirurgico del General Hospital diventerà noto come Ether Dome ed è stato conservato come monumento a questo evento storico.

E da lì iniziarono i guai di Morton: Wells, Jackson ed anche il dott. Crawford Williamson Long (1novembre 1815 – 16giugno 1878) reclameranno la scoperta dell’anestesia come propria.


ALLA RICERCA DI UN BREVETTO

Morton battezzò il suo inalatore di etere “The Letheon”.

Non solo: Morton cercò di brevettare un prodotto (che chiamerà ‘Letheon‘, in omaggio al fiume dell’oblio) anestetico a base di etere, ma la sua richiesta verrà respinta. Il 17 ottobre 1846, il giorno dopo il successo di Morton e Warren con Gilbert Abbot, un altro chirurgo del Massachusetts General Hospital, George Hayward (1791-1863), asportò un tumore dal braccio di una donna mentre era insensibile sotto l’etere. Il “Letheon” fu nuovamente somministrato da Morton. Più ambiziosamente, il 7 novembre il dottor Hayward amputò una gamba.

Per diverse settimane Morton si rifiutò di rivelare la composizione di “Letheon“. Morton e il professor Jackson stavano cercando, in effetti, di brevettare l’anestetico. Se ci fossero riusciti, sarebbero diventati favolosamente ricchi.


CADUTA, OBLIO E RICORDO

Fotografia di WTG Morton.

Ma la comunità medica, in generale, condannò il brevetto come ingiusto e illiberale in una professione così umana e scientifica, e Morton fu accusato di essere un avvoltoio approfittatore.

Il suo studio dentistico fallì e non riuscì nemmeno ad ottenere il premio di 100.000 dollari proposto da alcuni suoi concittadini bostoniani per la scoperta.
In compenso, Hollywood si ricorderà di lui: nel 1944, un secolo dopo la pubblica dimostrazione di Wells, la Paramount Pictures produsse un film che ha come soggetto la biografia di Morton.

Il film, intitolato “The Great Moment“, era diretto da Preston Sturges. Per chi volesse godersi un ora della storia di Morton, ho trovato il film (sebbene in una versione ridotta) e sottotitolato in italiano. Lo potete trovare sul Youtube, diviso in sei spezzoni cliccando al link https://www.youtube.com/watch?v=o-mrhiYHo8Q&t=38s.


RIFERIMENTI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.