Una culla rianimatrice di circa 75 anni fa

Una culla rianimatrice di circa 75 anni fa

The New Ohio-Kreiselman Infant Bassinet Resuscitator.

Il dépliant esplicativo del 1946 della compagnia medicale statunitense “Ohio Chemical” mostra questa culla rianimatrice neonatale (‘Infant Bassinet Resuscitator‘) fornita di strumentazione per somministrare ossigeno, intubare, aspirare e compiere manovre di rianimazione neonatale.
Il tutto a prova … di esplosione.

Il sistema di rianimazione per culla infantile Ohio-Kreiselman combinava una dispositivo che forniva ossigeno a pressione positiva con un aspiratore e un riscaldatore.

Il Dr. Joseph Kreiselman (1895-1968) inventò diversi strumenti per la rianimazione. In qualità di anestesista, egli aveva familiarità con le maschere respiratorie e l’inalazione a pressione positiva. Sebbene avesse lavorato in ambito militare, la sua principale passione fu la rianimazione in campo ostetrico e neonatale.


ANESTETICHE ESPLOSIONI

L’inalatore di etere caldo di Lawson Tait, introdotto nel 1876. La fiamma dello spirito riscaldava la camera di vaporizzazione dell’etere, erogando così vapore puro di etere alla maschera.

Il primo incendio registrato derivante dall’uso di un agente anestetico si è verificato nel 1850, quando l’etere ha preso fuoco durante un’operazione al volto. Sono stati segnalati molti successivi incendi ed esplosioni, causati da etere, acetilene, etilene e ciclopropano, ed è stata segnalata un’esplosione che ha coinvolto l’alotano. Sebbene alcuni dei primi incidenti abbiano causato più costernazione che lesioni, molti di quelli successivi hanno causato molta morte e distruzione, in particolare dopo che si è affermata la pratica di somministrare ossigeno, invece di aria. La fonte di accensione nei primi giorni dell’anestesia era un fuoco aperto, la luce di una candela, un filo caldo o un’asta usata per il cauterizzazione o uno strumento elettrico difettoso nelle vie aeree.

Lawson Tait (1maggio 1845 – 13giugno 1899), un ostetrico e ginecologo di Birmingham, ideò il suo inalatore di etere nel 1876. Esso veniva riscaldato da una lampada a spirito ed era progettato per fornire etere puro al paziente.


ANESTETICHE ESPLOSIONI (2)

Tubo di lavaggio, rotto in più punti, supporto del catetere e residuo del raccordo a Y del doppio tubo proveniente dal ventilatore e del tubo tracheale annerito, ma apparentemente non danneggiato, dopo un’esplosione durante la somministrazione di etere.

Come Tait, molti chirurghi credevano che l’inalazione di etere freddo causasse complicazioni polmonari, ed il concetto di somministrazione di etere caldo era un modo logico per risolvere questo problema. Ma l’uso di fiamme libere nelle macchine anestetiche, per riscaldare i vaporizzatori di etere o per prevenire la formazione di ghiaccio nei gioghi dei cilindri di protossido di azoto, era una pratica potenzialmente pericolosa.

Nel 1899 due infermiere furono vittime di un esplosione ed un incendio causato da fiasche contenenti etere.

La prima esplosione registrata causata da una scintilla elettrica, piuttosto che da un incendio o da una fiamma, avvenne nel 1903.

Il dottor Henry Featherstone descrisse un’esplosione nel suo teatro chirurgico nel 1931, dove una lampada a spirito stava riscaldando la valvola sul cilindro di protossido di azoto.


riferimenti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.