C’era una sala operatoria in Canada

C’ERA UNA SALA OPERATORIA IN CANADA

The “Pemberton Memorial Operating Room”, 1902.

La sala operatoria, circa 1900. Sopra la porta si può vedere una lastra di marmo con la scritta incisa “Pemberton Memorial“, come da richiesta per l’accordo del finanziamento.
La “Pemberton Memorial Operating Room“, situata presso il ‘Royal Jubilee Hospital‘ di Victoria, in Canada, è stata utilizzata quotidianamente dal suo completamento nel 1896 fino al 1925, allorchè l’ospedale fu ampliato e vennero costruite sei nuove sale operatorie.

La “Pemberton Memorial Operating Room” è stata dichiarata patrimonio comunale nel 1995 e riconosciuta come sito storico nazionale del Canada nel 2009.


la costruzione dell’edificio

General view (© Parks Canada/Parcs Canada, 2001)

La costruzione dell’edificio per ospitare la sala operatoria fu finanziata da un lascito di Joseph Pemberton (1821-1893), un geometra dell’azienda “Hudson’s Bay Company“, ed integrato con ulteriori finanziamenti dalla vedova Teresa Pemberton, che ha anche parzialmente finanziato l’acquisto delle attrezzature.

I fondi furono originariamente destinati alla costruzione di un reparto maternità, ma essendo insufficienti per un progetto del genere, furono riconvertiti nella creazione della sala operatoria.
I componenti interni, compreso il pavimento a mosaico, furono selezionati e progettati per essere facilmente puliti e disinfettati dopo ogni procedura chirurgica.

LA VISITA DI LISTER

Il “Pemberton Memorial Operating Room” del “Royal Jubilee Hospital” nel 2009.

L’ambiente era collegato ad una stanza di sterilizzazione. Il progetto implementava tecniche antisepsi sviluppate da Joseph Lister, che visitò la stanza nel settembre 1897 e ne fu favorevolmente colpito.

Il progetto originale includeva lampade a cherosene, che furono sostituite nel 1897 da apparecchi elettrici quando l’intero ospedale fu collegato alla rete elettrica. L’edificio era collegato all’ospedale tramite un corridoio di 15 metri.

Lister nel corso della sua visita, aveva raccomandato l’aggiunta di una sala di controllo post-anestesia. Nell’anno successivo, l’ospedale ne costruì prima uno e poi un altro, le prime di questo genere in Canada.


RIFERIMENTI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.