ABBOTT LABORATORIES

Cronistoria 

Nel 1888 il dr Wallace Calvin Abbott, medico e proprietario di una farmacia, fonda a Chicago, Illinois, la “Abbott Alkaloidal Company”. Come i medici del suo tempo anche lui prescriveva comunemente per i suoi pazienti farmaci tipo la morfina, la chinina, la stricnina e la codeina, che erano estratti alcaloidi in forma liquida.
Poiché esistevano solo in forma liquida, tali farmaci erano inclini al deterioramento e quindi ad una mitigazione della loro efficacia. In questo anno egli apprende che un chirurgo belga ha sviluppato gli alcaloidi in forma solida. Le pillole alcaloidi divennero presto disponibili a Chicago, ma il dr Abbott non rimase soddisfatto dalla loro qualità e decise di produrle in proprio. Usando la parte attiva (o alcaloide) di una pianta medicinale, egli formò delle pillole sottili chiamate “granuli dosimetrici”, che fornirono un dosaggio più accurato ed efficace dei precedenti trattamenti farmacologici. Le pillole alcaloidi divennero presto disponibili a Chicago, ma il dr Abbott non rimase soddisfatto dalla loro qualità e decise di produrle in proprio. Usando la parte attiva (o alcaloide) di una pianta medicinale, egli formò delle pillole sottili chiamate “granuli dosimetrici”, che fornirono un dosaggio più accurato ed efficace dei precedenti trattamenti farmacologici.
Nel 1894 il dr Abbott acquisisce e diventa editore del “The Alkaloidal Clinic”. Nel 1900 la compagnia viene ufficialmente registrata in forma di corporation come “Abbott Alkaloidal Clinic”. Nel 1910 la compagnia insedia la sua prima agenzia europea a Londra.
A metà degli anni dieci il dr Alfred S. Burdick convince il dr Abbott a concentrare la propria attenzione sulla medicine sintetiche (chimiche). Nel 1915 il nome della compagnia cambia in “Abbott Laboratories”. Nel 1916 la Abbott acquisisce la prima medicina sintetica, CHLORAZENE, usata nel corso della guerra per detergere le ferite. Durante la I Guerra Mondiale il dr Abbott commercia la procaina, che sostituisce la tedesca novocaina e il barbital, un derivato dell’acido barbiturico sintetizzato per la prima volta dai tedeschi Emil Fischer e Joseph von Mering nel 1902, ed impiegato fino agli anni trenta come sonnifero. Il barbital sostituisce il prodotto tedesco VERONAL.
Nel 1923 viene sintetizzato un farmaco sintetico, BUTHYN, un anestetico locale. Nel 1930 viene introdotto NEMBUTAL, un agente sedativo-ipnotico. Nel 1929 la Abbott diventa una public company.
Nel 1936 viene introdotto PENTOTHAL (tiopental sodico), un barbiturico utilizzato in anestesia generale, sviluppato dagli scienziati della Abbott, Ernest Volwiler e Donalee Tabern. Nei primi anni ’40 la Abbott è una delle compagnie che producono penicillina in larga scala. Nel 1943 viene introdotto TRIDIONE (trimetadione) nel trattamento dell’epilessia. Nel 1946 Abbott diventa la prima compagnia farmaceutica ad avere un laboratorio speciale per i prodotti farmaceutici radioattivi.
Nel 1951 viene introdotto ERYTHROCYN (eritromicina), antibiotico a largo spettro, capostipite della famiglia dei macrolidi, attivo contro i batteri gram positivi. Due anni dopo il settore radiofarmaceutico della Abbott introduce RADIOCAPS, capsule contenenti un film di radio-iodio che semplificano la diagnosi ed il trattamento dei disordini tiroidei.
Nel 1962 Abbott entra in joint venture con “Dainippon Pharmaceuticals Co., Ltd.”, compagnia giapponese, per produrre radiofarmaci. Nel 1964 viene acquisita la “M&R Dietetic Laboratories” di Columbus, Ohio, conosciuta per la produzione del Similac, latte per l’infanzia.
Nel 1972 vengono introdotti TRANXENE, un tranquillante, AUSRIA, test radioimmunologico per l’epatite da siero (oggi nota come epatite B) e ABA-100, analizzatore chimico per il sangue.
Nel 1977 viene creata una joint venture con la “Takeda Chemical Industries, Ltd.”, chiamata “TAP Pharmaceuticals”.
Nel 1983 viene approvato negli USA il DEPAKOTE (divalproex sodico).
Nel 1985 viene approvato il primo test diagnostico per l’AIDS. Nel 1987 HYTRIN (terazosina cloridrato) riceve l’approvazione della FDA.
Nel 1990 viene lanciata la claritomicina come BIAXIN in USA e KLACID nel resto del mondo (farmaco che rappresenta l’evoluzione dell’eritromicina) e l’anno dopo un test per valutare l’antigene prostatico specifico (PSA).
Nel 1995 la TAP riceve l’approvazione per PREVACID (lansoprazolo, un gastroprotettore inibitore della pompa protonica) ed in diagnostica viene lanciato ABBOTT PRISM, analizzatore sanguigno automatizzato.
Nel 1996 viene lanciato NORVIR (ritanovir, inibitore dell’enzima proteasi dell’HIV). La compagnia entra nel mercato del testing glicemico con l’acquisizione della “MediSense”. Nel 1998 la Abbott riceve l’approvazione per il TRICOR (fenofibrato) e ZEMPLAR (paricalcitol).
Nel 2001 Abbott acquisisce il business farmaceutico della BASF AG, incluso le operazioni globali della “Knoll Pharmaceuticals”.
Nel 2003 la compagnia riceve l’approvazione per HUMIRA (adalimumab, farmaco immunosopressore) ed acquisisce due compagnie che operano nel campo dell’interventistica dei vasi coronarici e periferici: “JOMED” e “Integrated Vascular System Inc”.
Nel 2006 viene acquisito il business vascolare della “GUIDANT” e la “Kos Pharmaceutical”, azienda fornitrice di specialità farmaceutiche. Per quanto riguarda la GUIDANT, in questo anno la compagnia si è fusa con la Boston Scientific mentre la Abbott ne ha acquisito il business vascolare ed endovascolare interventistico.

Nel 2009 la Abbott “ha rafforzato la sua posizione globale competitiva” attraverso sei acquisizioni significative: 1) Ibis Bioscences, un provider di teconologia “leading-edge” nei test e nella sorveglianza diagnostica; 2) Advanced Medical Optics, azienda impegnata nel campo della “vision care”; 3) Wockhardt Limited, azienda indiana produttrice di prodotti nutrizionali; 4) Visiogen Inc, azienda impegnata nel trattamento della cataratta; 5) Evalv Inc, “leader globale” nello sviluppo di strumentazioni per la riparazione delle valvole mitrali attraverso interventi minimamente invasivi; 6) Solvay Pharmaceuticals, business farmaceutico del Gruppo Solvay.

Alcune Storie 

Tiopental sodico: barbiturico generale anestetico a rapida insorgenza e breve durata d’azione. Venne scoperto agli inizi degli anni trenta del novecento da Ernest H. Volwiere Donalee L. Tabern mentre lavoravano per gli Abbott Laboratories.
Esso venne utilizzato per la prima volta nel marzo del 1934 dal dr Ralph M. Waters in uno studio investigativo sulle sue proprietà. Tre mesi dopo il dr John S. Lundy iniziò il trial clinico sul tiopental presso la Mayo Clinic su invito della Abbott.
Esso è associato in maniera sfortunata al celebre attacco di Pearl Harbour. Dopo il bombardamento nipponico vi furono delle vittime in alcuni soldati feriti per l’eccessiva dose di farmaco somministrata. 

Ciclamato: è un dolcificante naturale scoperto nel 1937 presso la University of Illinoisdallo “graduate student” Michael Sveda. Come molti dolcificanti, anche il ciclamato venne scoperto per caso. Michael Sveda stava lavorando in laboratorio alla sintesi di un farmaco per la febbre: egli poggiò la sua sigaretta sul tavolo del laboratorio dove lavorava, e dopo averla rimessa in bocca si accorse del sapore dolce del ciclamato.
Il brevetto venne acquistato dalla DuPont che lo rivendette alla Abbott Laboratories, la quale lo sottopose ai necessari studi di controllo. La compagnia intendeva utilizzare il prodotto per mascherare il sapore amaro di certi farmaci come gli antibiotici e il pentobarbital.
Nel 1958 il ciclamato venne dichiarato GRAS (Generalmente Riconosciuto Come Sicuro). Il ciclamato venne commercializzato anche in forma liquida e di tavoletta come prodotto per i diabetici che poteva ovviare i problemi, legati in questo tipo di soggetti, all’ingestione dello zucchero.
Nel 1966 uno studio riportò che alcuni batteri intestinali potevano desulfonare il ciclamato producendo la cicloesilamina, un composto sospettato di aver effetti tossici cronici sugli animali. Un’altra ricerca del 1969 trovò che il comune miscuglio di ciclamato-saccarina nel rapporto 10:1 incrementava l’incidenza di cancro della vescica nei ratti, mentre altri studi implicarono la cicloesilamina nell’atrofia testicolare di alcuni ratti.
Nel 1969 la FDA ne bandì la vendita negli USA, e tale decisione fu subito seguita nel Regno Unito. Nel 1973 la Abbott, sulla base di propri studi, chiese la rimozione del bando, ma tale petizione fu ricusata. Nel 1982 la Abbott presentò una seconda petizione. Sebbene la FDA abbia dichiarato che una rivista di tutte le evidenze disponibili non implicano il ciclamato come sostanza carcinogena nei topi o nei ratti, il composto rimane bandito da tutti i prodotti alimentari degli USA la petizione della Abbott rimane in fase di sospensione. Oggi il ciclamato è approvato come dolcificante in più di 55 nazioni. 

Acido Valproico: Venne sintetizzato per la prima volta nel 1882 da Burton come analogo dell’acido valerico che si trova comunemente nella valeriana. Questo venne usato per delle decadi nei laboratori come solvente inerte dal punto di vista metabolico per i composti organici. Nel 1961 il ricercatore francese Pierre Eymard scoprì per caso l’attività anti-epilettica dell’acido valproico mentre lo usava come veicolo per altri composti studiati appunto come anti-epilettici. Egli scoprì la sua capacità di impedire le convulsioni indotte dal pentilenetetrazolo (PTZ) nei roditori.

Knoll: Compagnia farmaceutica fondata nel 1893. Tra la metà degli anni settanta e gli inizi degli anni ottanta la Knoll divenne un segmento farmaceutico del gruppo chimico tedesco BASF. 
Insieme ad un’altra casa tedesca, la Hoechst (ora parte della Sanofi-Aventis), la Knoll viene ricordata nel “The History of Cardiology” del prof. Louis Acierno come compagnia farmaceutica coinvolta nella scoperta e sviluppo dei farmaci calcioantagonisti per opera del dr Fleckenstein. Nel 1968, il capo chimico della Knoll, il dr Ferdinand Dengel, sottopose al dr Fleckenstein un derivato del verapamil, il d600 (gallopamil).

La Compagnia Oggi (2007) 

Il quartier generale della compagnia si trova a Chicago, Illinois, USA. Nel globo la Abbott impiega circa 65.000 dipendenti. Nel 2006 il suo fatturato è stato di $22,5 miliardi con $2,3 miliardi investiti in ricerca e sviluppo (R&D). I centri di ricerca farmaceutica sono 4 e si trovano a Chicago; Parsippany, in New Jersey, USA; Worcester, Massachusetts, USA e Ludwigshafen, Germania.
Le aree in cui è oggi impegnata la Abbott sono:
1) Anestesia: Il prodotto ULTANE / SEVORANE (sevoflurane) è un anestetico inalatorio molto impiegato.
2) Salute degli Animali.
3) Farmaci anti-infettivi: con BIAXIN / KLACID (claritomicina) e OMNICEF (cefdinir, cefalosporina ad ampio spettro).
4) Cardiovascolare: Gli sforzi sono diretti prevalentemente verso la lotta contro l’ipercolesterolemia con il TRICOR e NIASPAN. Un altro prodotto chiave è TARKA, combinazione di calcioantagonista e ACE inibitore.
5) Diabetes Care: strumentazioni per il monitoraggio glicemico e degli scompensi metabolici.
6) Ematologia: strumentazioni diagnostiche dal 1991 (CELL-DYN).
7) Immunodiagnostica e Chimica Clinica: Sistemi di immunochimica ARCHITECT, con reagenti e test della Abbott Instruments.
8) Immunologia: oggi gli scienziati della Abbott stanno applicando innovative tecnologie di anticorpi monoclinali per scoprire nuove terapie del sistema immunologico.
9) Malattie metaboliche: con SYNTIROID e MERIDIA (sibutramina HCl monoidrato, farmaco che agisce sul controllo dell’appetito agendo a livello cerebrale).
10) Molecolare: diagnostica in vitro, diagnostica a livello molecolare di DNA, RNA e proteine, ed i test PATHVYSION HER-2 DNA (identificazione cancro della mammella) ed UROVYSION (monitoraggio cancro alla vescica).
11) Neuroscienze: Il DEPAKOTE ER è usato nei pazienti maniacali acuti, disordini bipolari con o senza tratti psicotici, in certi tipi di epilessia, e nella prevenzione dell’emicrania.
12) Nutrizionistica: in particolar modo la nutrizionistica pediatrica.
13) Oncologia: diversi composti in fase di ricerca con approcci diversi inclusi gli studi inerenti l’angiogenesi e l’apoptosi (morte cellulare programmata).
14) Trattamento del dolore: oggi gli scienziati della Abbott stano studiando la risposta cerebrale al dolore.
15) Point of Care: Con l’acquisizione nel 2004 della “i-STAT Corporation”, azienda leader nel settore la Abbott è entrata nel mercato della diagnostica a letto del paziente. Il sistema di testing a letto del paziente i-STAT permette la valutazione di diversi parametri diagnostici (creatinina, glicemia, lattati, elettroliti, PCO2, PO2, Urea, ecc.) con la raccolta di un piccolo campione di sangue che viene riposto all’interno di una cartuccia.
16) Malattie Renali: ZEMPLAR (paricalcitol) combatte l’iperparatiroidismo secondario.
17) Malattie Spinali: La Abbott è entrata nel mercato dei device spinali con l’acquisizione di “Spinal Concepts” nel 2003 e “Spine Next S.A.” nel 2004.
18) Interventistica Vascolare: la Abbott Vascular ha i suoi quartieri generali nel Nord California. I prodotti chiave di questa divisione della compagnia sono sistemi di stent carotideo, stent coronarici in cobalto-cromo, cateteri con palloncino dilatatore, guide e tecnologie di chiusura vasale.
19) Virologia: I farmaci chiave sono NORVIR e KALETRA.


La R&D (2007) 

Attualmente la Abbott concentra la sua ricerca farmaceutica su un numero limitato di aree terapeutiche: immunologia, oncologia, malattie infettive e virologia.

 

La Compagnia in Italia 

La “Abbott S.p.A.” ha sede a Campoverde di Aprilia (LT) in un’area di circa 33.000 mq con un organico di circa 2.000 dipendenti e un fatturato dichiarato nel 2003 di circa 900 milioni di euro.

Fonti 

Articolo tratto dai siti abbott.com, fundinguniverse.com, Hermann Emil Fischer.
Citazioni da Wikipedia: 1) Abbott Laboratories 2) Valproic acid 3)Sodium thiopental 4) Ernest H. Volwiler 5) cyclamate

Autore: Dott. Concetto De Luca (22/12/2007 – riveduto il 17/10/2010) 

2 pensieri su “ABBOTT LABORATORIES

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *