Timeline: Ottocento

 

  • 1809: Viene pubblicata l’opera di Luigi Rolando (1773-1831) “Saggio sopra la vera struttura del cervello dell’uomo e degli animali e sopra le funzioni del sistema nervoso“. Egli dimostrò che il cervelletto era deputato alla regolazione del movimento e lo paragonò ad una pila voltaica. Un altro importante sviluppo al progresso della neurologia è la descrizione completa delle circonvoluzioni cerebrali. Suoi sono gli eponimi “scissura rolandica” e sostanza gelatinosa rolandica”.
  • 1811Charles Bell (1774-1842) pubblica “An Idea of a New Anatomy of the Brain” in cui afferma di essere il primo ad aver dimostrato la differenza tra i nervi sensitivi e quelli motori.

  • 1811-1814Benjamin Collins Brody (1783-1862) fa esperimenti con il curaro. Egli dimostra per primo che il curaro non uccide l’animale ed il recupero psico-fisico è completo se la respirazione viene sostenuta artificialmente.

  • 1819Renè Thèophile Hyacinte Laennec (1781-1826) scrive il suo trattato “De l’Auscultation Mediate” in cui descrive l’invenzione dello stetoscopio avvenuta per sua opera tre anni prima.

  • 1819: con “Anatomie et physiologie du systeme nerveux“, Franz Joseph Gall (1758-1828) elabora la teoria anatomo-fisiologica della “frenologia” secondo la quale ogni funzione psichica doveva avere una sua propria collocazione in una determinata area della superficie del cervello.

  • 1829: La sostanza attiva dell’estratto di corteccia del salice bianco (Salix alba), chiamata salicina, è isolata in cristalli da Henri Leroux, un farmacista francese. Nel 1838Raffaele Piria (1814-1865), un chimico italiano, riesce a convertire la salicilina in acido salicilico, agente simile ma non identico all’acido acetil-salicilico (aspirina), anche meglio conosciuto per il suo utilizzo in campo dermatologico.

  • 1831: Viene ottenuto per la prima volta, sia da Justus von Liebig (1803-1873) che da Eugene Soubeiran (1797-1858) il cloroformio. Entrambi lo ottennero dalla reazione tra ipoclorito di calcio e acetone o etanolo, un’applicazione della reazione oggi nota come reazione dell’aloformio.

  • 1835Robert James Graves (1796-1853) descrive un caso di gozzo tossico con esoftalmo. Nel 1840, in maniera indipendente, anche Karl Adolph von Basedow (1799-1854) riporta la stessa costellazione di sintomi e segni.

  • 1844Horace Wells (1815-1848) si fa estrarre un dente dopo inalazione di protossido di azoto.

  • 1846: Il chimico Ascanio Sobrero (1812-1888) sintetizza la nitroglicerina, in seguito utilizzata per il trattamento dell’angina pectoris.

  • 1847James Young Simpson (1811-1870) utilizza per la prima volta il cloroformio per asportare parte del radio ad un ragazzo affetto da osteomielite. Nel 1853 il cloroformio venne utilizzato per il parto del principe Leopoldo, figlio della regina Vittoria, acquisendo molto prestigio come anestetico.

  • 1847Ignaz Philip Semmelweiss (1818-1865) prescrive agli studenti di lavarsi le mani con cloruro di calce dopo aver frequentato la sala settoria e prima di recarsi a visitare le puerpere: la febbre puerperale nel suo reparto cade dal 18% all’1%. Purtroppo, suoi meriti nel campo dell’asepsi verranno riconosciuti solo dopo morte.

  • 1849Thomas Addison (1793-1860) descrive la patologia da insufficienza surrenalica. Egli distinguerà anche l’anemia ora nota come perniciosa da quella legata al morbo bronzino (attuale morbo di Addison, appunto dovuta a insufficienza surrenalica).

  • 1849Crawford Long (1815-1878) pubblica il risultato di interventi di piccola chirurgia eseguiti dopo avere fatto inalare etere ai pazienti.

  • 1851Hermann von Helmholtz (1821-1894) inventa l’oftalmoscopio. Egli determinerà anche la velocità di trasmissione degli impulsi nervosi, studierà la fisiologia dell’udito e la visione dei colori, e scoprirà anche i principi di conservazione dell’energia mentre studia il metabolismo muscolare.

  • 1852Theodor Bilharz (1825-1862) chiarisce il ruolo dell’Anchylostoma nella clorosi egiziana, una gravissima malattia endemica in Egitto.
  • 1852: Il trattato “Lehrbruch der Physiologie de Menschen” mostra Carl Wilhelm Ludwig (1816-1895)  tra i principali sostenitori del metodo grafico nello studio dei fenomeni vitali e la sua scuola diventa fondamentale per la diffusione di questi metodi. Il suo chimografo diventa subito uno strumento d’uso indispensabile nei laboratori di fisiologia.

  • 1854: il baritono e pedagogo vocale Manuel Garcia (1805-1906) inventa il laringoscopio.

  • 1856-1863: in questo periodo Gregor Johann Mendel (1822-1884) coltiva e testa circa 29.000 piante di piselli arrivando grazie ad i suoi esperimenti ad enunciare le leggi cosiddette “mendeliane” sull’ereditarietà. Le sue teorie avranno un pubblico accoglimento solo a decenni distanza.

  • 1857Claude Bernard (1813-1878) scopre il glicogeno. Egli inventò anche il concetto di “milieu interieur“, scoprì la secrezione pancreatica, il ruolo del fegato nella secrezione del glucosio, il blocco della respirazione degli eritrociti da parte del monossido di carbonio. I suoi studi interessarono anche altri campi della medicina, come la neurologia.

  • 1858Rudolph Virchow (1821-1902), con il libro “Patologia Cellulare” spazza d’un colpo la vecchia “patologia umorale”. Egli enuncia il concetto per cui la patologia ha le basi nella cellula e getta le basi della diagnostica istologica.

  • 1861Paul Broca (1824-1880) scopre all’autopsia di un giovane paziente affetto da afasia una lesione al lobo frontale dell’emisfero cerebrale di sinistra, ed individua (eseguendo ulteriori studi su pazienti afasici) il centro motore del linguaggio denominato in seguito “area di Broca”.

  • 1863F. Gustav Jakob Henle (1809-1885) descrive, seppure non in maniera del tutto corretta, l’ansa del nefrone che verrà chiamata di Henle. Le sue scoperte nel campo dell’istologia hanno interessato anche l’epidermide, i tubuli renali, la microbiologia (le forme di contagio), l’epitelio vescicale, i villi intestinali e la congiuntiva dell’occhio.

  • 1864Louis Pasteur (1822-1895) dimostra che la fermentazione è dovuta a microrganismi. Egli preparò anche il vaccino contro il carbonchio animale ed inventò il processo per la conservazione dei cibi cosiddetto “pastorizzazione”. Nel 1885 attua con successo il trattamento antirabico profilattico ad un ragazzino morso da cane rabido.

  • 1867Joseph Lister (1827-1912) scopre l’antisepsi e usa l’acido fenico per disinfettare le ferite. I risultati dei suoi esperimenti vengono pubblicati su The Lancet in una serie di cinque articoli sotto il titolo “On a new method of treating compound fracture, abscess, etc. with observation on the conditions of suppuration“.

  • 1868Adolf Kussmaul esegue la prima esofagogastroscopia con tubo rigido.
  • 1869Paul Langerhans (1847-1888), uno studente di medicina di Berlino, mentre studia la struttura del pancreas al microscopio, individua degli ammassi cellulari non rilevati prima di allora.

  • 1871: Il chimico Friedrich Miescher (1844-1895), studiando la struttura delle cellule, dimostra che i globuli bianchi, oltre ad acqua, zucchero, proteine e lipidi, contengono anche una sostanza fino ad allora sconosciuta. Poiché tale sostanza proveniva dal nucleo cellulare, la chiamò “nucleina”.

  • 1873: sulla stregua delle scoperte di Broca, Carl Wernicke (1848-1905), descrive un paziente con afasia (in seguito definita di Wernicke) che era in grado di parlare ma non di leggere. Dopo la morte di questo paziente Wernicke scoprì una lesione nella regione parietale/temporale dell’emisfero di sinistra.

  • 1873G. Armauer Hansen (1841-1912) identifica l’agente eziologico della lebbra, all’epoca molto diffusa in Norvegia.

  • 1873-1875Camillo Golgi (1843-1926) riesce ad elaborare un metodo di colorazione con l’impregnazione cromoargentica, la celebre “reazione nera”, adatta ad evidenziare fibre estremamente sottili come quelle nervose e dei connettivi.

  • 1877Max Nitze (1848-1906) inventa il cistoscopio (che presenta a Vienna nel marzo del 1879).

  • 1878Wilhelm Friedrich Kuhne (1837-1900) introduce il termine “enzimi”. Nel 1876 egli aveva scoperto un enzima con attività digestiva, la tripsina.

  • 1878Johann Ludwig Wilhelm Thudichum (1829-1901), un pioniere della neurochimica, identifica la lecitina e la sfingomielina.

  • 1879Albert Ludwig Sigesmund Neisser (1855-1916) identifica il gonococco (che verrà chiamato neisseria gonorrhoeae), agente patogeno della gonorrea.

  • 1879William Murrel (1853-1912) sostiene su The Lancet l’uso della nitroglicerina nell’angina pectoris.

  • 1881Giulio Bizzozero (1846-1901) comunica la scoperta delle piastrine. In passato aveva già dimostrato il legame tra sangue circolante e midollo emopoietico.

  • 1881Theodor Billroth (1829-1894) fonda la chirurgia addominale e per primo opera con successo un paziente affetto da cancro allo stomaco dopo aver eseguito nel 1871 la prima esofagotomia e nel 1873 la prima laringectomia.

  • 1882Whalther Flemming (1843-1905) pubblica le sue prime scoperte sui cromosomi. Già nel 1878 i ricercatori scoprono, grazie a microscopi più efficienti, determinate strutture nel nucleo delle cellule che potevano essere facilmente colorate. Questo materiale colorato vien chiamato in seguito “cromosoma” (ossia corpi colorati). Walther Flemming fu il primo biologo a studiare sistematicamente il comportamento dei cromosomi durante la divisione cellulare. Flemming osservò che i cromosomi vengono dimezzati durante la divisione cellulare, che i mezzi cromosomi vengono tirati in direzione opposta per essere distribuiti sulle cellule figlie e che entrambe le cellule figlie producono poi una copia dei mezzi cromosomi. Le cellule figlie possiedono così gli stessi cromosomi della loro cellula madre.

  • 1882Robert Koch (1843-1910) annuncia la scoperta del bacillo tubercolare. Nel 1890 egli prepara la tubercolina. Nel 1883 scopre il vibrione del colera e dimostra che l’infezione è trasmessa con l’acqua potabile inquinata da feci. Nel 1877 aveva scoperto il bacillo del carbonchio (“Bacillus Antracis”). Egli afferma dei criteri (i postulati di Koch) che stabiliscono la relazione causa-effetto tra microrganismo e relativa malattia. Insieme a Pasteur è considerato il fondatore della microbiologia.

  • 1882Alexander Ogston (1844-1929) identifica lo “Staphylococcus Aureus” e distingue gli stafilococchi dagli streptococchi.

  • 1884Albert Fraenkel (1864-1938) scopre lo pneumococco come una causa della polmonite lobare. Egli fu anche il primo ad utilizzare la strofantina nello scompenso cardiaco. Il batterio era stato isolato in maniera indipendente tra loro nel 1880 in USA da George Miller Sternberg (1838-1915) ed in Francia da Louis Pasteur nel 1881.

  • 1884Friedrich Loeffler (1852-1915) identifica il bacillo della difterite (il “corynebacterium diphtheriae”).

  • 1884Rickman Godlee (1849-1925) asporta il primo tumore cerebrale.

  • 1885: l’oftalmologo Karl Koller introduce l’anestesia locale instillando una soluzione di cocaina al 2% sul proprio occhio.
  • 1885Nagayoshi Nagai (1844-1929) isola l’efedrina dalla “Ephedra Vulgaris”.

  • 1886Reginald Heber Fitz (1843-1913) definisce l’appendicite come entità morbosa.

  • 1888Albrecht Kossel (1853-1927) estrae la teofillina dalle foglie del tè. Nel 1922viene riportato il primo uso clinico del farmaco come broncospasmolitico. La celebrità di Kossel è data soprattutto dal fatto che tra il 1885 ed il 1901, egli riuscì ad isolare le cinque basi azotate: adenina, citosina, guanina, timina e uracile. Nel 1896 Kossel scoprì anche l’istidina, un amminoacido essenziale.

  • 1889Oscar Minkowski (1858-1931), insieme a Joseph von Mering (1849-1908), dopo aver rimosso il pancreas da un cane sano per studiarne il ruolo nella digestione, si accorge che alcune mosche si nutrono dell’urina del cane. Al test delle urine Minkowski e von Mering scoprono la presenza di zucchero nelle urine e definiscono per la prima volta una relazione tra pancreas e diabete.

  • 1890Emil A. Behring (1854-1917) scopre il principio della sieroterapia e prepara il siero antidifterico che porta ad una riduzione drammatica della mortalità per questa malattia.

  • 1893Wilhelm His Jr (1863-1934), figlio di Wilhelm His Sr (il padre del microtomo), scopre il cosiddetto “fascio di His”, parte del tessuto di conduzione cardiaco che mette in comunicazione gli atri con i ventricoli. Egli affermò anche l’origine automatica ed intrinseca degli stimoli che determinano la contrazione cardiaca.

  • 1894Alexander E. J. Yersin (1863-1943) identifica il bacillo della peste che verrà rinominato in suo onore “Yersinia Pestis”.

  • 1895Emile van Ermengem (1851-1922) isola per la prima volta il batterio “Clostridium Botulinum” (sette sottotipi).

  • 1895Wilhelm Conrad Roentgen (1845-1923)  scopre i raggi X. Nasce la radiologia e da allora la diagnostica per immagini.

  • 1896Joseph Babinsky (1857-1932) da la descrizione del suo segno neurologico che da lui prende l’eponimo.

  • 1897John Jacob Abel (1857-1938) descrive il suo metodo per isolare il principio attivo surrenalico che chiama epinefrina. Più tardi formula l’idea del rene artificiale e nel 1914 isola amminoacidi dal sangue. Lo stesso principio attivo dell’epinefrina sarà brevettato nel 1901 da Jokichi Takamine (1854-1922) con il nome adrenalina.

  • 1897Ronald Ross (1857-1932) dimostra la presenza dei parassiti della malaria nello stomaco della zanzara anofele. Ross ebbe una feroce disputa con il parassitologo Giovanni Battista Grassi (1854-1925) per la priorità sulla scoperta della malaria.

  • 1897Felix Hoffmann (1868-1946), sull’idea del suo superiore Arthur Eichengrün, chimico impiegato presso la Friedrich Bayer & Co., derivò il gruppo ossidrile (-OH) dell’acido salicilico con un gruppo acetile, formando l’acido acetil-salicilico. Tale composto presentava gli stessi effetti terapeutici dell’acido salicilico, ma con minori effetti collaterali. Nacque così il primo farmaco sintetico. Nello stesso anno, sfruttando la “moda dell’acetilazione”, risintetizza l’eroina a partire dalla morfina credendo in maniera erronea che l’eroina (a differenza della morfina) non avesse effetti collaterali sul sistema nervoso centrale. Il farmaco inizierà ad essere tolto dal mercato dopo il 1910.

  • 1898Bernhard Naunyn (1839-1925) pubblica la prima monografia sul diabete (“Der Diabets melitus“) e descrive l’acidosi del diabete scompensato.

  • 1898August Bier (1861-1949) esegue il primo intervento su paziente utilizzando l’anestesia spinale (il farmaco utilizzato fu la cocaina, subito abbandonata per i notevoli effetti tossici).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.