Elettrocardiogramma

Le Onde di Einthoven

LE ONDE DI EINTHOVEN L’interesse del cardiologo olandese Willem Einthoven (1860-1920) per l’elettrocardiografia fu stimolato, durante i suoi studi, dall’illustre fisiologo Franciscus Donders, che a quel tempo studiava l’azione delle correnti del cuore. Questa era parte del suo smisurato e duraturo interesse verso l’intera disciplina delle scienze fisiche. Un anno dopo la sua laurea in Medicina all’Università di… Continua a leggere Le Onde di Einthoven

IL GALVANOMETRO A CORDA

IL GALVANOMETRO A CORDA, OVVERO LA FINESTRA ELETTROCARDIOGRAFICA VERSO LA DIAGNOSI CLINICA CARDIOLOGICA Nell’ultimo quarto del secolo XIX, con l’impiego dell’elettrometro capillare di Lippmann, i fisiologi (in particolare, l’inglese Auguste Desire Waller) avevano cercato di misurare graficamente l’attività elettrica del cuore. Willem Einthoven, fisiologo olandese di Leida, divenne sempre più disincantato verso questa tecnica. Una… Continua a leggere IL GALVANOMETRO A CORDA

Il controllo elettrofisiologico del cuore

Il controllo elettrofisiologico del cuore Gli antichi avevano la consapevolezza che due tipi di pesci manifestavano proprietà elettriche. Questi erano il pesce gatto elettrico ed il pesce torpedo. I Greci conoscevano queste creature e tentarono di sfruttare le loro capacità elettriche per la cura del mal di testa e nella gestione dell’epilessia o del dolore. Anche l’ambra… Continua a leggere Il controllo elettrofisiologico del cuore

I disturbi elettrofisiologici (Aritmie)

I DISTURBI ELETTROFISIOLOGICI: LE ARITMIE Le prime osservazioni dei disturbi del ritmo cardiaco furono ottenute con la sensazione tattile del polso ed in seguito osservando il battito cardiaco ad occhio nudo. Rudolph Heidenhain introdusse il termine aritmia nel 1872 per designare qualsiasi disturbo del ritmo cardiaco. Thomas Lewis fu un pioniere nelle definizione di molte forme di aritmia a livello clinico.… Continua a leggere I disturbi elettrofisiologici (Aritmie)