ROCHE


HOFFMANN-LA ROCHE (HLR) 


Cronistoria

Era Hoffmann:
Nel 1894 Fritz Hoffmann (1868-1920), un imprenditore svizzero, fonda a Basilea con Max Carl Traub una compagnia chimico-farmaceutica chiamata Hoffmann, Traub & Co.Nel 1895 Hoffmann sposa Adele La Roche e l’anno dopo rinomina la compagniaHoffmann-La Roche & Co. (HLR) dopo che Traub ha lasciato il gruppo. Nella vicina località tedesca di Grenzach si avvia la produzione della prima specialità, l’AIROL (polvere cicatrizzante a base di iodio e bismuto). Sempre nel 1896 si ha l’introduzione dell’AIODIN, un preparato per la tiroide a base di iodio presente in estratti tiroidei. Con F. Hoffmann collabora il chimico Emil Christoph Barrell. Nello stesso anno viene costituita la società sussidiaria di Milano. Nel 1898 Nasce SIROLIN, sciroppo per la tosse a base di guaiaco-solfonato di potassio ed estratto di arancia, primo grande successo commerciale. Le vendite passeranno da 700 pezzi nel 1898 a 78.000 nel 1900.
Nel 1904 viene introdotto DIGALEN, una preparazione a base di estratto di digitale purpurea, che verrà commercializzato fino al 1964. Nel 1905 viene aperta la prima filiale in America, a New York. Nel 1909 si ha la produzione di PANTOPON, rimedio per la tosse, coliche, spasmi, tosse, ansietà e stati eccitatori. Esso contiene tutti gli alcaloidi dell’oppio in una forma standardizzata libera di materiale inerte.
Nel 1908 e 1910 la compagnia sbarca nel Regno Unito e in Russia. Nel 1912 Gli studi sugli effetti del bromo e del sodio sugli epilettici effettuati da von Wyss e da Ulrich a Zurigo portano al lancio di una formulazione farmaceutica abbastanza insolita, il SEDOBROL, un dado per brodo sedativo a base di bromuro di sodio. Inizia qui l’interesse di HLR per il sistema nervoso e la terapia ansiolitica che proseguirà fino ai giorni nostri.
Nel 1913 Markus Guggenheim, entrato alla HLR nel 1909, spiega la struttura della levodopa estratta dalle fave (Vicia faba) e ne individua l’affinità con l’adrenalina. Questi studi sfoceranno nella realizzazione della LARODOPA (1970) primo farmaco efficace per il morbo di Parkinson.
La prima guerra mondiale rende difficile la vita della HLR. La chiusura delle frontiere con Francia e Germania impediscono di procurarsi le materie prime necessarie per gli impianti di produzione. La sede produttiva di Grenzach resta isolata dalla casa madre e viene accusata dai tedeschi di favorire gli alleati; Barrell viene arrestato e detenuto fino al 1918. Con la rivoluzione d’ottobre del 1917 si perde ogni contatto con il principale mercato, la Russia. Nel 1919 Roche viene trasformata in una “limited company”. Nel 1920 muore Fritz Hoffmann e inizia l’era Barrell, che durerà fino agli anni ’50. In quello stesso anno viene pubblicato lo storico lavoro di Guggenheim “Le amine biogene“. 


Era Barrell:
Nel 1921 si ha l’introduzione di ALLONAL, un sedativo analgesico ed ipnotico, di origine sintetica. Nel 1925 la compagnia sbarca in Giappone con una sua sussidiaria. Nel 1922 HLR inizia l’attività nel campo dei chemioterapici antibatterici, lanciando un derivato dell’arsenico con proprietà antisettiche, l’ARSYLEN, per uso oftalmico e dermatologico. Nel 1933 viene lanciato SARIDON (Fenacetina, analgesico), presente ancora oggi su molti mercati.
T. Reichstein (vincerà il Nobel nel 1950) realizza un metodo di sintesi per la vitamina C (REDOXON, marchio successivamente venduto alla Bayer AG) e lo offre a Roche; si tratta della prima sintesi totale di una vitamina, che aprirà la strada alla supremazia di HLR in questo settore per molti anni. Roche sta anche lavorando attivamente sulle vitamine A, D e B1. Nel 1934 vengono prodotti i primi 50 Kg di vitamina C sintetica e viene lanciato REDOXON. Nel 1936Alexander R. Todd (1907-1997) sintetizza la vitamina B1. Roche lancia BENERVA (vitamina B1) e NESTROVIT (un cioccolato vitaminizzato in collaborazione con Nestlè). Todd vincerà il premio Nobel per la Chimica nel 1957 “per i suoi lavori sui nucleotidi e coenzimi nucleotidi”, descrivendo la chimica delle vitamine B1 e B12.
Nel 1937 Otto Isler sintetizza la Vitamina E, immessa poi sul mercato col nome di EPHYNAL. Inoltre viene lanciata anche BEFLAVIN (vitamina B2).
Lo scoppio della II Guerra Mondiale causa problemi anche nella Confederazione Elvetica. Barrell sposta il quartier generale a Nutley (USA), assieme a molte attività di ricerca. A Nutley HLR potenzia le attività di utilità bellica per gli Alleati, come l’arricchimento vitaminico degli alimenti e la ricerca sulla penicillina. Si comincia a lavorare anche sui sulfamidici. Nel 1944 viene lanciato BEPANTHEN, un prodotto ad uso dermatologico, il cui ingrediente attivo, il despantenolo, viene convertito nell’organismo in acido pantotenico, un membro delle vitamine B.
Terminata la guerra, la HLR riorganizza le strutture di ricerca a Basilea, Welwyn e Nutley. Si festeggia il 50° anniversario creando un Istituto per la ricerca biomedica interdisciplinare: Fondazione Fritz Hoffmann – La Roche. Nel 1947 inizia la produzione di una grande gamma di prodotti: dai carotenoidi (coloranti alimentari) ai retinoidi per le malattie dermatologiche.
Nel 1952 viene lanciato l’isoniazide per la cura della tubercolosi con il nome commerciale RIMIFON. Nei test si scopre che l’isoniazide solleva il tono dell’umore e si inizia così il filone di ricerca degli antidepressivi che porterà allo sviluppo, di diversi importanti prodotti. Nel 1953 con la morte di E.C. Barrell inizia l’era di Albert Caflish

Era Caflish:
Nel 1953 si ha l’introduzione del KONAKION (fitomenadione, vitamina sintetica K1) un antiemorragico antidoto agli anticoagulanti e dell’anticoagulante MARCOUMAR (fenprocoumone). Inoltre viene introdotto sul mercato anche un medicinale per la cura della miastenia grave e dell’atonia intestinale a base di bromuro di piridostigmina.
Nel 1957 Alfred Pletscher viene nominato responsabile della ricerca biomedica a Nutley. L.O. Roandall (fonte Roche.it) e/o Leo Sternbach (fonti Roche.com e Wikipedia.org) scoprono per caso ed identificano la molecola denominata Ro-5-0690 dotata di caratteristiche sedative con un ottimo indice terapeutico. Essa è il capostipite delle benzodiazepine, classe di psicofarmaci che avranno un successo mondiale e sostituiranno i molto più pericolosi barbiturici, e viene lanciata con il nome commerciale LIBRIUM (clordiazepossido cloridrato). Nel 1959 viene introdotto SUPRADYN, un prodotto multivitaminico.
Le modifiche sulle benzodiazepine di base porteranno al lancio di LIBRAX (clidinio bromuro / clordiazepossido, 1961), VALIUM (Diazepam, 1963), MOGADON (nitrazepam, 1965), LIMBRITROL (1967), NOBRIUM (1968), DALMADORM (flurazepam monocloridrato, 1972), RIVOTRIL (clonazepam, 1973), LEXOTAN (bromazepam1974), ROIPNOL (flunitrazepam, 1975) e DORMICUM (1982).
Del 1962, FLUORO-URACIL ROCHE (fluorouracile) è il primo prodotto anticancro della compagnia.

Era Jann:
Nel 1968 HLR crea un nuovo dipartimento per i prodotti diagnostici, aprendo così, dopo i farmaci e gli aromi, il suo terzo principale polo di attività. Si apre l’Istituto di Biologia Molecolare a Nutley. Sempre nel 1968 parte un programma di ricerca per studiare composti simili alla vitamina A, noti come retinoidi, che condurranno negli anni al lancio di prodotti come AIROL (1973, come la polvere antisettica), TASMADERM (1981), TIGASON e ROACCUTAN (1982) e NEOTIGASON (1988).
Nel 1969, in collaborazione con la Burroughs Wellcome viene lanciato un importante antimicrobico: si tratta dell’associazione di due principi attivi – sulfametoxazolo e trimetoprim (BACTRIM) – che cooperano sinergicamente contro le infezioni batteriche.
Nel 1971 Si apre a Basilea l’Istituto di Immunologia. Il primo direttore è Niels Kaj Jerne, che in seguito riceverà il Nobel per la medicina con Georges Kohler (1984). In quell’anno viene lanciato FANSIDAR (Sulfadoxina e Pirimetamina, antimalarico). Nel 1973 viene lanciato MADOPAR per la cura del morbo di Parkinson a base di levodopa e benserazide, e ABUSCREEN (diagnosi tossicologica di abuso degli alcaloidi dell’oppio). 

Era Gerber:
Nel 1978 si ha l’introduzione di ROCALTROL (calcitriolo) per il trattamento dell’osteodistrofia. Nel 1980 All’Istituto di Biologia Molecolare viene isolato l’interferone alfa puro. Nel 1982 viene lanciato ROCEFIN, un antibiotico della classe delle cefalosporine di terza generazione. Nel 1985 vengono introdotti LARIAM e FANSIMEF, due antimalarici. Nel 1986 viene lanciato COBAS MIRA, un analizzatore chimico per uso clinico. Nel 1986 viene introdotto ROFERON-A (interferone alfa-2a). Nel 1987 Susumu Tonegawa, che aveva lavorato all’Istituto di Immunologia di Basilea del 1972 al 1981, riceve il premio Nobel per la Medicina per le sue ricerche sui meccanismi genetici della risposta immunitaria. In quell’anno introduzione di ANEXATE (flumazenil, antagonista delle benzodiazepine) e TILCOTIL (tenoxicam, antinfiammatorio contro il reumatismo). Nel 1990 vengono lanciati AURORIX (un antidepressivo) e INHIBACE (un antipertensivo).
Nel 1991 la Roche acquisisce i diritti della PCR (Polimerase Chain Reaction) dall’americana Cetus Corporation. In quell’anno vengono lanciati LOCERYL (un antifungino) e NEUPOGEN (adiuvante nella chemioterapia). Nel 1992 viene introdotto HIVID, primo farmaco anti-HIV della Roche, oltre a QUINODIS e GLOBOCEF (antibatterici). Nel 1994 viene introdotto PULMOZYNE, un farmaco geneticamente modificato dalla Genentech per il trattamento della fibrosi cistica.
La Roche lancia una serie di prodotti nella seconda metà degli anni ’90. ELLCEPT, farmaco antirigetto; VESANOID, per la leucemia; MABTHERA / RITUXAN, nella terapia oncologica; POSICOR, per l’angina; TASMAR, per la terapia del Parkinson; ZENAPAX, nei trapianti; FORTOVASE e VIRACEPT, nelle infezioni da HIV; XELODA, nel cancro alla mammella; XENICAL, per l’obesità. Nel 1997 HLR acquisisce Corange (Boehringer Mannheim e DePuy). Nel 1999 viene introdotto TAMIFLU (oseltamivir), farmaco antinfluenzale, primo inibitore delle neuroaminidasi in forma di pastiglia. Il farmaco era stato sviluppato dalla Gilead Sciences.
Nel 2000 viene acquisito AVL Medical Intruments, un leader mondiale nella produzione di strumenti per l’analisi dei gas e degli elettroliti sanguigni. In quello stesso anno introduzione di Kytril, antiemetico usato in terapia. Nel 2001 viene introdotto XELODA, farmaco utilizzato nel trattamento del cancro colon-rettale. 


Era Humer:
Nel 2001 viene introdotto PEGASYS, un interferone alfa-2a pegilato, per il trattamento dell’epatite C cronica. Sempre nel 2001 Roche si allea con Chugai per creare una nuova compagnia farmaceutica giapponese leader nella ricerca, detta Chugai Pharmaceutical Co. Nel 2002 Roche Milano Ricerche si stacca e forma Bioxell, una nuova società di biotecnologie, specializzata nel settore dell’immunologia. Nel 2003 viene introdotto FUZEON, per il trattamento delle infezioni da HIV e successivamente BONDRONAT per il trattamento dell’osteoporosi. Nel 2004 vengono introdotti TARCEVA (erlotinib) per il trattamento del cancro polmonare e AVASTIN (bevacizumab) per il trattamento del cancro al colon. Nel 2007 viene introdotto MIRCERA (metossi polietilene glicol-epoetin beta) per il trattamento dell’anemia. 


Alcune Storie 


Un po’ di vitamine…

Vitamina A: la scoperta della vitamina A appare da una ricerca del 1906 ed indica che altri fattori sono necessari per tenere i bovini in salute oltre i carboidrati, le proteine ed i grassi. Entro il 1917 una di queste sostanze venne scoperta in maniera indipendente daElmer McCollum della “University of Wisconsin-Madison” e Lafayette Mendel eThomas Osborne della “Yale University”.
McCollum dimostrò che nel tuorlo d’uovo esiste un fattore liposolubile importante per la crescita dei ratti. Dal momento che il “fattore idrosolubile B” era stato appena scoperto, i ricercatori scelsero il nome “fattore liposolubile A”. T. Osborne individuò la sostanza nell’olio di fegato.
Nel 1917Jack Cecil Drummond riuscì a correlare la mancanza di tale fattore nella dieta con la comparsa di disturbi visivi e della crescita nei bambini. Nel 1920 si evidenziò che il ß-carotene possiede attività vitaminica A ma non se ne riuscì a comprendere il motivo fino al 1929 allorché si comprese che tale fattore viene trasformato, nelle cavie, in vitamina A.
La struttura della vitamina a e del ß-carotene venne identificata nei primi anni ’30 da parte dello svizzero Paul Karrer (premio Nobel per la chimica nel 1937). Tra il 1934 ed il 1935, ad opera di George Wald, venne ottenuta dalla retina una sostanza, coinvolta nei meccanismi della visione, che venne riconosciuta, nel 1944, come la forma aldeidica della vitamina A ed essa venne denominata retinaldialdeide. Un’altra forma della vitamina A (l’acido retinoico) venne sintetizzata nel 1946.

Vitamina B1 (Tiamina): La tiamina fu scoperta nel 1910 da Umetaro Suzuki, in Giappone, mentre studiava come la crusca di riso riusciva a curare i pazienti affetti da beri-beri. Egli la chiamò acido aberico. Comunque egli non ne riuscì a determinarne la composizione chimica. La tiamina venne cristallizzata da Jensen Donath nel 1926 che la chiamarono aneurina (in quanto vitamina antineuritica). La sua composizione chimica venne riportata da Robert R. Williams nel 1935, che coniò anche la parola tiamina.Merck & Co iniziò la produzione commerciale di tiamina nel 1936.

Vitamina CNel 1912, il biochimico polacco americano Casimir Funk sviluppa il concetto di vitamine riferendosi a micronutrienti non minerali essenziali per la salute. Tra il 1928 ed il 1933, lavorando indipendentemente tra loro, il team di ricercatori ungheresi Joseph L. Svirbely e Albert Szent-Gyoryi (premio Nobel per la medicina nel 1937), ed il team americano di Charles Glen King, isolano fattore anti-scorbuto chiamandolo “acido ascorbico”. Tra il 1933 ed il 1934, i chimici britannici Walter Norman Haworth eEdmund Hirts, ed indipendentemente il chimico polacco Tadeus Reichstein, riuscirono a sintetizzare in maniera artificiale la vitamina C. 

Ed altro

Benzodiazepine: il clordiazepossido, inizialmente chiamato metaminodiazepossido, fu la prima benzodiazepina ad essere sintetizzata a metà degli anni cinquanta del novecento. Il clordiazepossido (LIBRIUM) fu sintetizzato lavorando su un colorante chimico, il quinazolone-3-ossido. Per caso, nel 1957, si scoprirono gli effetti ipnotici, ansiolitici e muscolo-rilassanti. Successivamente, il chimico ebreo-polacco Leo Sternbach inventò anche la seconda benzodiazepina, il VALIUM (diazepam), farmaco due volte più potente del suo predecessore e immesso sul mercato nel 1963 da HLR. 

Chugai Pharmaceutical: Originariamente chiamata Chugai Shinyaku Shokai, la compagnia venne fondata nel 1925 come compagnia che commercializza prodotti farmaceutici. La compagnia viene costituita in forma di corporation nel 1943 e cambia il suo nome in Chugai Pharmaceutical Co. Ltd. Nel 1944 Chugai acquisisce la compagniaMatsunga Pharmaceutical. Nel 1951 viene lanciato sul mercato l’acido glucuronico con il nome commerciale GURONSAN, come tonico per la salute. Un altro prodotto di successo, VARSAN, venne introdotto sul mercato negli anni cinquanta ed è crescita negli anni in una linea di insetticidi ad uso domestico.
Nel 1968 la compagnia lancia ULCERLMIN (sulcrafato, farmaco per la gastrite), e nel 1975 PICIBANIL, un agente anticancro immunoterapeutico. La compagnia introdusse anche RYTMODAN (disopiramide fosfato) nel 1978, e GLYCEOL (glicerina + fruttosio) nel 1979. Nel 1981 la compagnia lancia ALFAROL (alfacalcidolo), un agente per i disordini del metabolismo osseo e nel 1984 nicorandil, un agente antianginoso commercializzato con il nome SIGMART. In seguito, nel 1989, la compagnia ha introdotto AMOBAN (zopiclone), farmaco ipnoinducente. Negli anni ottanta la ricerca della compagnia è stata rivolta anche al settore della biotecnologia.
Nel 1990 viene lanciata EPOGIN (epoetin beta, eritropoietina umana ricombinante), farmaco per il trattamento dell’anemia associata all’insufficienza renale cronica e l’anno successivo entra nel mercato NEUTROGIN (lenograstim, fattore ricombinante stimolante le colonie granulocitarie, rG-CSF), prodotto per il trattamento della neutropenia nell’anemia aplastica o ipoplastica. Negli anni novanta Chugai introdusse altri farmaci: KEITEN (cefpirome solfato, una cefalosporina di quarta generazione, nel 1993), PRERAN (trandolapril, un farmaco ACE-inibitore, nel 1996) e TAXOTERE (docetaxel idrato, farmaco chemioterapico antimitotico, nel 1997).
Nel 1990 Chugai e Rhone-Poulenc Santé costituirono una joint-venture e tre anni dopo, la compagnia giapponese sbarca in Europa, a Londra, con la Chugai Pharma Europe, Ltd. Nel 1996 viene costituita una joint-venture con l’americana Merk & Co, che avrà breve vita. La costituzione di tale alleanza viene seguita dall’introduzione del farmaco antagonista H2, famotidina. Nel 2000 Chugai introduce due nuovi farmaci: SUVENYL (sodio jaluronato per iniezioni intraarticolari) e OXAROL (maxacacitolo, pomata per il trattamento della psoriasi, sviluppato con la Maruho Co.). 

PCRnel 1971Kjell Kleppe, un ricercatore del laboratorio di H. B. Khorana (premio Nobel per la medicina nel 1968), descrive un processo molto simile alla PCR (Polymerase Chain Reaction) sul Journal of Molecular Biology.
Comunque l’inventore della PCR è considerato il biochimico americano Kary Mullis. A quel tempo (1983), Mullis lavorava per la californiana Cetus Corporation, una delle prime compagnie impegnate nel settore della biotecnologia. Mullis sintetizzò la procedura sulla rivista Scientific American: “A partire da una singola molecola di DNA, la PCR è in grado di generare 100 miliardi di molecole simili in un pomeriggio”.
La Roche ha acquisito il brevetto per la PCR nel 1992 ed attualmente ne possiede i diritti. Mullis ha vinto il Nobel per la Chimica nel 1993 proprio grazie a questa invenzione.


La Compagnia Oggi (2007)


Roche è oggi presente in oltre 150 Paesi in tutto il mondo, con circa 75.000 dipendenti. Nel 2006 il fatturato dichiarato è stato pari a 42.041 milioni di franchi svizzeri, circa 26.777 milioni di euro (rispetto a 18,8 miliardi di euro circa nel 2004). Gli investimenti globali dichiarati nella Ricerca & Sviluppo sono circa 4,2 miliardi di euro nel 2006 (3,28 miliardi di euro circa nel 2004). Il quartiere generale si trova a Basilea, Svizzera, così come i quartier generali divisionali. Due diverse divisioni sono responsabili dell’attività a livello mondiale: la Farmaceutica e la Diagnostica. Inoltre, a queste due divisioni vanno aggiunte partecipazioni nella Genentech e nella Chugai.

  • La Divisione Farmaceutica (Roche + Genentech + Chugai), nel 2006, ha avuto un fatturato dichiarato di circa 21,2 miliardi di euro con circa 53.000 impiegati nel settore. Le area terapeutica principale di vendita nel 2006 è stata l’Oncologia, con circa il 46% delle vendite totali, ed i farmaci più venduti sono stati nello stesso anno il MABTERA / RITUXAN (rituximab) e HERCEPTIN (trastuzumab). La seconda area con maggior quota di mercato è stata la Virologia (16%, farmaco più venduto TAMIFLU) seguita da Malattie Infiammatorie, Autoimmuni e Trapianti (8%), Malattie metaboliche e del tessuto osseo (7%), Anemia Renale (5%), Cardiovascolare (4%), ecc.

  • La Divisione Diagnostica nel 2006 ha presentato un fatturato di quasi 5,6 miliardi di dollari (quasi 5 miliardi nel 2004) con circa 21.000 dipendenti e circa 450 milioni di euro investiti in Ricerca & Sviluppo. I settori di vendita in questo anno sono stati 1)“Diabetes Care” (con il 35% del fatturato totale, dichiarato produce strumenti per la misurazione dei livelli di glicemia e per la gestione del diabete); 2) “Centralized Diagnostics” (con il 35% del fatturato produce strumentazione per la diagnostica ospedaliera e laboratoristica); 3) “Molecular Diagnostics” (con il 14% del fatturato produce sistemi per la ricerca di batteri, virus ed altri agenti patogeni nel sangue ed altri tessuti tramite scoperta di materiale genetico); 4) “Near Patient Testing” (con il 9% del fatturato produce strumentazione per la diagnostica intrambulatoriale ed al letto del paziente); e 5) “Applied Science” (con il 7% del fatturato fornisce, tra l’altro, reagenti e substrati industriali).


Attualmente la compagnia possiede 8 centri di Ricerca e Sviluppo nel campo farmaceutico e 7 in quello diagnostico.


La R&D (2007)

  • Divisione Farmaceutica:

Negli ultimi anni questo settore si è indirizzato principalmente verso il trattamento farmacologico di differenti tipi di cancro, dell’epatite, Hiv ed osteoporosi, con l’intenzione di espandersi in altre aree, come le malattie autoimmune e metaboliche.
Al gennaio 2007, la “R&D Pipeline” (l’insieme della ricerca nelle varie fasi di studio preclinico, clinico e post-marketing da cui usciranno i farmaci del domani e si porranno nuove indicazioni a quelli attualmente in commercio) comprendeva 110 progetti di ricerca (oncologia 29, SNC 26, malattie virali 9, malattie respiratorie 5, malattie autoimmuni-infiammatorie-osse 14, malattie cardiovascolari-metaboliche 27) che includono 48 nuove entità molecolari. In questa area sono impiegati 12.000 specialisti. 

  • Divisione Diagnostica:

I principali prodotti per i quali è stato programmato il lancio per il 2007 sono strumenti per la gestione ed il monitoraggio del diabete (es. “Accu-Check Performa”, che fornisce la glicemia entro 5 secondi), analizzatori laboratoristici (es. “Cobas e 411”, analizzatore immuno-chimico), analizzatori per la diagnostica molecolare (es. “Cobas TaqScreen WNV Test”, per la diagnosi con PCR del virus West Nile), ed altri.


La Compagnia in Italia 


In Italia, Roche ha presentato nel 2005 un fatturato di oltre 756 milioni di euro nel mercato farmaceutico e di 351 milioni di euro in quello diagnostico. I dipendenti della filiale italiana oggi sono circa 1.900. Il sito produttivo del gruppo si trova a Segrate (MI). Attualmente la ricerca clinica è impegnata in una trentina di progetti sperimentali che interessano diverse aree terapeutiche e che vedono coinvolti oltre 30 ricercatori Roche e molteplici partner tra centri e istituti universitari e ospedalieri distribuiti in tutto il Paese.
La Business area Lab Dia di “Roche Diagnostics S.p.A. Italia” si occupa della commercializzazione dei sistemi analitici, strumenti e reagenti, per gli esami di laboratorio nelle seguenti aree: Chimica Clinica, Immunochimica, Coagulazione, Urine e Biologia Molecolare.


FONTI 
Articolo tratto dai siti Roche.comRoche.it, fundinguniverse ( 1), ( 2), ( 3), Tadeus ReichsteinA. R. ToddA. R. Todd (2)Niels K. JerneLeo H. Sternbach.
Citazioni da Wikipedia: 1) Hoffmann – La Roche 2) Chugai Pharmaceutical 3) Vitamin A 4) Thiamin 5) Vitamin C 6) Chlordiazepoxide 7) Diazepam 8) PCR 9) History of PCR 10) Tadeus Reichstein 11) Isoniazid 12) Elmer McCollum 13) Paul Karrer 14) Robert R. Williams 15) Leo Sternbach 16) Kary B. Mullis 

Autore: Dott. Concetto De Luca (31/05/2008) 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *