Il dott. Gregg e la sindrome da rosolia congenita

IL DOTT. GREGG E LA SINDROME DA ROSOLIA CONGENITA

Schema della ‘Sindrome da Rosolia Congenita” (CRS).

La rosoliaera inizialmente considerata una variante di morbillo o scarlattina e chiamata “terza malattia”.

Fu solo fino al 1814 che fu descritta per la prima volta come una malattia separata nella letteratura medica tedesca, da qui il nome comune “morbillo tedesco“.
Nel 1914, Hess ha postulato una eziologia virale basata sul suo lavoro con le scimmie. Hiro e Tosaka nel 1938 hanno confermato l’eziologia virale passando la malattia a bambini usando filtri nasali da persone con casi acuti.
Dopo una diffusa epidemia di infezione da rosolia nel 1940, il dott. Norman Gregg riportò nel 1941 il verificarsi di cataratta congenita tra 78 neonati nati dopo l’infezione della rosolia materna in gravidanza precoce.

IL DOTT. GREGG E LA SINDROME DA ROSOLIA CONGENITA (CRS)

Norman McAlister Gregg (7marzo 1892 – 27luglio 1966)

Questo è stato il primo riconoscimento pubblicato della “sindrome darosolia congenita”.

Gregg era nato nel 1892 a Sydney e nell’Università di questa città si era laureato in Medicina e Chirurgia nel 1915. Dopo aver combattuto la prima guerra mondiale in Europa, si specializzò in oftalmologia in Inghilterra e rientrò in patria, dove iniziò la pratica di oculista nel 1923.
Quando iniziò la seconda guerra mondiale, Gregg era un oftalmologo pediatrico, in un momento in cui la maggior parte dei medici si era arruolata nell’esercito ed era uno dei pochi oculisti a Sydney.
Gregg notò un’alta incidenza di cataratta congenita nei bambini che arrivano al suo studio, da due a tre volte il tasso normale che ci si aspetterebbe da fattori ereditari.
Egli sentì una conversazione tra diverse madri i cui bambini avevano la cataratta, in cui dicevano di aver sofferto di morbillo tedesco durante la gravidanza.
Indagando sulle cartelle cliniche di bambini con condizioni simili, Gregg scoprì che su 78 bambini affetti, 68 erano stati esposti alla rosolia in utero.

LA SCOPERTA DEL CRS

Foto-ritratto non datata del dott. Gregg.

C’era stata un’epidemia di rosolia e meningite nei campi dell’esercito australiano nel 1941, che erano stati trasmessi alla comunità più ampia quando gli uomini erano tornati dalle loro famiglie.

Il 15ottobre 1941, Gregg consegnò un articolo, “Congenital Cataract following German Measles in the Mother“, alla Società Oftalmologica Australiana di Melbourne che lo pubblicò nella sua rivista, “Transactions“.
In seguito alla pubblicazione del suo articolo, Gregg fu contattato da due madri che avevano contratto la rosolia e i cui figli soffrivano di sordità, e successivamente fu pbblicato un nuovo lavoro, con il titolo “Further Observations on Congenital Defects in Infants following Maternal Rubella” (1944), che dettagliava ulteriori osservazioni sui difetti congeniti nei neonati dopo la rosolia materna.
Mentre le scoperte di Gregg vennero accolte con elogi in Australia, a livello internazionale i suoi colleghi non furono così convinti.


un nuovo passo della virologia

La rivista medica britannica “The Lancet” affermò che Gregg non essere riuscito a dimostrare adeguatamente la sua teoria, e solo quando il professor Oliver Lancaster, dell’Università di Sydney, dimostrò che l’associazione tra il virus della rosolia e le sindromi congenite nei neonati era significativa, la sua ricerca venne accettata in tutto il mondo.
La sua scoperta stimolò un rapido sviluppo nel campo della teratologia e offrì una speranza per la prevenzione primaria di alcuni difetti alla nascita.
Egli ha anche stimolato i ricercatori ad isolare il virus della rosolia in laboratorio, sebbene tale successo non sia stato raggiunto fino al 1962.
In seguito è stato sviluppato un vaccino per proteggere le giovani donne dalla rosolia prima che raggiungessero l’età riproduttiva.

RIFERIMENTI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.