Breve storia della rosolia

BREVE STORIA DELLA ROSOLIA

eruzione cutanea nella rosolia

La Rosolia (rubella in latino), significa “poco rosso”. La rosolia era inizialmente considerata una variante di morbillo o scarlattina e chiamata “terza malattia”. Fu solo fino nell 1814 che fu descritta per la prima volta come una malattia separata nella letteratura medica tedesca, da qui il nome comune “morbillo tedesco“.
Nel 1914, Hess postulò una eziologia virale basata sul suo lavoro con le scimmie. Hiro e Tosaka nel 1938 confermarono l’eziologia virale passando la malattia a bambini usando filtri nasali filtrati da persone con casi acuti.

Dopo una diffusa epidemia di infezione da rosolia nel 1940, Norman Gregg (1892-1966), un oftalmologo australiano, riportò nel 1941 il verificarsi di cataratta congenita tra 78 neonati nati dopo l’infezione della rosolia materna in gravidanza precoce.


Isolamento e vaccini

Una foto del 1967 dei dott. Harry M. Meyer, Jr. e Paul D. Parkman

Questo è stato il primo riconoscimento pubblicato della “sindrome da rosolia congenita” (CRS).
Il virus della rosolia fu isolato per la prima volta nel 1962 da Paul Douglas Parkman (nato nel 1932) e Weller. Il dott. Parkman, non solo isolò il virus della rosolia ma, insieme ad Harry Martin Meyer (1928–2001), scoprì il test applicabile per gli anticorpi della rosolia.
I primi vaccini contro la rosolia furono autorizzati nel 1969 negli USA. Erano tre e provenivano da ceppi coltivati rispettivamente nell’embrione di anatra, nel rene di cane e nel rene di coniglio. Questi furono sostituiti nel 1979 da MERUVAX II, un preparato liofilizzato sterile del ceppo Wistar Institute RA 27/3 del virus della rosolia vivo attenuato. Il virus era stato adattato e propagato nei fibroblasti polmonari diploidi umani WI-38.


VEDI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *