I Lasker Awards 2018

I Lasker Awards 2018

La statuetta dei Lasker Awards

Il programma Lasker Awards è stato creato nel 1945 da Albert Lasker e la moglie Mary Lasker per dare risalto alle scoperte biologiche fondamentali e ai progressi clinici che migliorano la salute umana e per attirare l’attenzione sull’importanza del sostegno pubblico della scienza.

I premi Lasker riconoscono il contributo di ricercatori, scienziati clinici e dipendenti pubblici che hanno compiuto importanti progressi nella comprensione, diagnosi, trattamento, cura o prevenzione delle malattie. L’onorificenza viene assegnata dalla Lasker Foundation e riconosce ogni ogni anno quattro premi: 1) Premio Albert Lasker per la ricerca medica di base; 2) Premio Lasker-DeBakey per la ricerca medica clinica; 3) Premio Lasker-Koshland per meriti speciali nelle scienze mediche; 4) Premio Lasker-Bloomberg per il servizio pubblico.

I Lasker Awards sono la più importante onorificenza a carattere medico negli USA e costituiscono l’anticamera del Premio Nobel: Ottantasette assegnatari del premio Lasker hanno ricevuto anche il premio Nobel, di cui 32 negli ultimi due decenni.


Lasker Basic Medical Research Award

Michael Grunstein (University of California, Los Angeles)

Il Premio Albert Lasker per la ricerca medica di base è stato riconosciuto al dr Michael Grunstein,  Professore del Dipartimento di Chimica Biologica, David Geffen School of Medicine at UCLA (Università della California a Los Angeles) ed al professor C. David Allis, Laboratory of Chromatin Biology, The Rockefeller University.

Il lavoro del dr Grunstein costituisce un fondamento nella comprensione del ruolo dei nucleosomi e delle loro code modificabili nell’espressione genica. Grunstein ha dimostrato che gli istoni influenzano l’attività dei geni nelle cellule viventi e ha gettato le basi per comprendere il ruolo chiave di particolari amminoacidi in questo processo.

C. David Allis ha scoperto un enzima che lega un particolare gruppo chimico ad un particolare amminoacido negli istoni, e questo enzima che modifica l’istone si è rivelato essere un co-attivatore genico stabilito le cui capacità biochimiche erano sfuggite ai ricercatori.


Lasker~DeBakey Clinical Medical Research Award

John Baird Glen è nato il 22 ottobre 1940 a Glasgow

Il Premio Lasker-DeBakey per la ricerca medica clinica è andato allo scozzese John B. Glen,  laureato in veterinaria, ed ex team leader del gruppo clinico anestesiologico della compagnia farmaceutica AstraZeneca. Il dr Glen ha scoperto e sviluppato il propofol, una sostanza chimica la cui azione rapida e la liberazione dagli effetti residui l’hanno reso l’agente più utilizzato per l’induzione dell’anestesia nei pazienti di tutto il mondo. Nel 2016, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il propofol una “medicina essenziale” ed al momento della dichiarazione, più di 190 milioni di persone avevano ricevuto il farmaco.


Il dr Glen ed il Propofol

Quando il dr Glen iniziò a lavorare per la compagnia farmaceutica nel 1972 (allora si chiamava ICI), il farmaco gold standard nell’induzione dell’anestesia era il thiopentone, che induceva l’anestesia rapidamente ma aveva numerosi limiti (il perdurare dello stato di incoscienza oltre alla nausea ed il vomito). Già nel 1973, Glen dimostrò che un nuovo prodotto, il propofol, mostrava promettenti proprietà nei topi da esperimento non solo in termini di sedazione ma anche di affidabilità. In particolare, il composto non si accumulava nel corpo, anche dopo iniezioni multiple.

La ICI (Imperial Chemistry Industries) avviò studi clinici e raccolse dati su più di 1000 pazienti. Propofol produceva i suoi effetti anestetici in modo fluido e sicuro e le persone si riprendevano rapidamente, con una minimo senso di stordimento, nausea o altre spiacevoli sensazioni. Nonostante questi risultati positivi, il rilascio della sostanza poteva innescare una serie di reazioni che rischiavano di mettere in pericolo la salute dei pazienti, smorzando i primi entusiasmi all’intero della compagnia farmaceutica. Glen continuò a lavorare sul propofol senza arrendersi, ed insieme ai chimici della ICI riuscì a progettare un’emulsione – a base di olio di soia – che fosse in grado di mettere il propofol nelle condizioni di produrre la sua azione anestetica senza innescare effetti collaterali pericolosi. L’emulsione a base di olio di soia dimostrò di essere ben tollerata non solo sulle cavie ma anche negli umani, e nel 1986 il propofol (nome commerciale DIPRIVAN) ricevette la regolare approvazione in Gran Bretagna, per quello che divenne un successo globale nel campo dell’anestesiologia.


VEDI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *