AMGEN 

Cronistoria 

 

La parola AMGen è il portamantello del nome originale della compagnia californiana “Applied Molecular Genetics” che divenne il nome ufficiale nel 1983, tre anni dopo la registrazione e coincidente con la sua iniziale offerta pubblica. 
La compagnia ha effettuato nel corso di questi anni l’acquisizione di diverse compagnie: 1994 – “Synergen”, 2000 – “Kinetix Pharmaceuticals”, 2002 – “Immunex”, 2004 – “Tularik, 2004, 2006 – “Abgenix” e “Avidia”, 2007 – “Ilypsa” e “Alantos Pharmaceuticals”. 
Il suo primo CEO (Chief Executive Officer) è stato George B. Rathmann, ex vicepresidente della R&D nella divisione diagnostica della Abbott Laboratories. 
Nel 1983 il team di ricerca guidato da Fu-Kuen Lin clona il gene umano per l’eritropoietina e dopo produce l’EPO ricombinante, che viene brevettato e commercializzato con il nome EPOGEN (epoetin alfa) per il trattamento dell’anemia in pazienti con patologia renale in fase finale. Gli scienziati della Amgen non solo sono riusciti nell’intento di isolare il gene umano responsabile della sintesi dell’EPO, ma anche nel produrre il farmaco in larga scala trapiantando il gene isolato in cellule ovariche di criceto. 
Nel 1985 il team di ricerca guidato da Larry M. Souza clona il gene per il fattore stimolante le colonie granulocitarie umane (G-CSF) e produce il G-CSF ricombinante, in seguito brevettato e commercializzato con il nome commerciale NEUPOGEN, per il trattamento delle infezioni associate a neutropenia in chemioterapia. 
Nel 1989 alla Immunex viene clonato il gene per un recettore solubile del Tumor Necrosis Factor (TNF) ed in seguito viene sviluppato l’etanercept (ENBREL) proteina che blocca l’azione del TNF, utilizzato nelle malattie autoimmuni e nei disordini mediati da eccesso di TNFa, come l’artrite reumatoide. 
Nel 2002 la FDA approva NEULASTA (pegfilgrastim) nel trattamento delle infezioni in pazienti che ricevono chemioterapia in tumori non-mieloidi. L’anno prima la FDA aveva approvato ARANESP (darbepoetin alfa) nel trattamento dell’anemia associata a insufficienza renale cronica. 
Nel 2004 la FDA approva SENSIPAR/MIMPARA (cinacalcet HCl) nel trattamento dell’iperparatiroidismo secondario a dialisi renale e KEPIVANCE (palifermin) nel trattamento delle mucositi orali in pazienti in chemioterapia. 
Nel 2006 la FDA approva VECTIBIX (panitumumab) nel trattamento dei pazienti con espressione metastatica EGFr del cancro colorettale. Panitumumab si lega in maniera specifica al recettore del fattore di crescita epidermico umano (EGFr), una proteina che viene overespressa in molti tumori maligni, ed interferisce con i segnali che potrebbero stimolare la crescita del cancro. 
La crescita di questa compagnia ha avuto negli anni un andamento esponenziale: la forza lavoro è passata dai 3 membri del 1980 a 124 del 1983 fino ai 1.000 membri del 1990, raggiungendo i 10.000 del 2000 e superando i 20.000 nel 2006. Il fatturato dichiarato è stato di $1,4 miliardi di dollari nel 1993, $3,6 miliardi nel 2000 e 14,3 miliardi di dollari americani nel 2006. Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono passati dai $250 milioni di dollari del 1993 ai $3,2 miliardi del 2006. 

Alcune Storie 

Epoetin Alfa: Prima dell’Epogen, un prodotto della biotecnologia, i trattamenti per l’anemia includevano le trasfusioni di sangue e terapie a base di testosterone. Con l’introduzione dell’Epogen nel 1989, questo farmaco divenne lo standard per la gestione dell’anemia nei pazienti dializzati. 

La Compagnia Oggi (2007) 

La “Amgen Inc.” è una public company internazionale di biotecnologia con quartier generale a Thousand Oaks, California localizzata nella Conejo Valley. È una delle principali corporations dell’area Tech Coast ed è situata in vicinanza di università fiorenti quali la UCLA e la “California Institute of Technology”. Sviluppa e commercializza terapie umane basate sulla biologia cellulare e molecolare. 
I principali centri di ricerca e sviluppo si trovano negli USA, soprattutto California e Massachusetts, ma altre strutture, sebbene più piccole, sono presenti anche in Germania, Canada, Australia, Giappone, Messico e Regno Unito. 
Nel 2006 le vendite di ARANESP (darbepoetin alfa, proteina che stimola l’eritropoiesi) hanno raggiunto un valore di $4,12 miliardi di dollari, quelle di NEULASTA i $2,71 miliardi di dollari, NEUPOGEN $1,12 miliardi di dollari, EPOGEN $2,5 miliardi di dollari, ENBREL $2,88 miliardi di dollari. 

Oggi la compagnia ha diverse relazioni con altri gruppi farmaceutici: 
a) KA, una joint-venture con la “Kirin Brewery Company, Ltd.”, sviluppa e commercializza alcuni prodotti farmaceutici. 
b) Accordo con la Johnson & Johnson che distribuisce l’epoetin alfa con il marchio PROCRIT. 
c) Amgen distribuisce Enbrel in USA e Canada, Wyeth nel resto del mondo. 
d) Nel 2006 Amgen ha stipulato un accordo con la Fresenius, un’affiliata della”Fresenius Medical Care North America, Inc.” per la distribuzione di proteine stimolanti l’eritropoiesi.

La R&D (2007)

La “Pipeline” della Ricerca e Sviluppo, aggiornata al 25 gennaio 2007, contiene oltre cinquanta studi di ricerca che riguardano tra l’altro 19 nuove molecole in fase 1 e 2. 
Le aree terapeutiche coinvolte nella ricerca sono l’oncologia, le malattie infiammatorie, i disordini metabolici e la cardiologia, le neuroscienze ed infine la medicina generale. Oggi Amgen studia gli anticorpi monoclonali, gli inibitori dell’angiogenesi, i fattori stimolanti la produzione piastrinica, ecc. 
La forza lavoro impiegata in R&D è costituita da circa 8.200 collaboratori. 

La Compagnia in Italia 

La “Amgen S.p.A.” è sussidiaria italiana con sede a Milano. In Italia non vengono svolte né la ricerca né la produzione dei farmaci, ma solo la commercializzazione. 

FONTI 
Articolo tratto dai siti amgen.com, Fundinguniverse 
Citazioni da Wikipedia: 1) Amgen 


Autore: Dott. Concetto De Luca (22/12/2007) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.