Una progenitrice della neurologia e della psichiatria: la frenologia

Una progenitrice della neurologia e della psichiatria: la frenologia

Phrenology Chart from “Webster’s Academic Dictionary” (circa 1895)

La “frenologia” (dal greco φρην = mente e λογοσ = studio) è una dottrina pseudoscientifica ideata e propagandata dal medico tedesco Franz Joseph Gall (Tiefenbrunn Baden, 9marzo 1758 – Montrouge, 22agosto 1828), secondo la quale le singole funzioni psichiche dipenderebbero da particolari zone o “regioni” del cervello, così che dalla valutazione di particolarità morfologiche del cranio di una persona, come linee, depressioni, bozze, si potrebbe giungere alla determinazione delle qualità psichiche dell’individuo e della sua personalità.
Secondo Gall vi erano ben 27 zone del cranio a cui sarebbero corrisposte le regioni della mente, a loro volta corrispondenti alle caratteristiche della personalità del soggetto: diciannove in comune tra uomo e gli altri animali (dieci comuni a tutti i vertebrati, dall’undicesima alla diciannovesima condivise dall’uomo solo con i vertebrati superiori), e solo le ultime 8 facoltà esclusivamente umane.

Il primissimo scritto di Gall risale al 1791 ed è intitolato “Philosophisch-medizinische Untersuchungen über Natur und Kunst” (Ricerca filosofico-medica sulla natura e l’arte); questo è fondamentalmente un testo di medicina pratica, una critica contro le teorie metafisiche e idealiste.


un grande sviluppo in Europa

Franz Joseph Gall

Fra le varie attività di Gall vi era quella di collezionare per i suoi studi crani di persone che in vita si erano particolarmente distinte in svariati modi.
Grazie all’aiuto ed alla collaborazione di Johann Gaspar Spurzheim (Longwich, 31dicembre 1776 – Boston, 10novembre 1832) la frenologia conobbe un grosso sviluppo tanto che nacquero varie società frenologiche sparse per l’Europa. La loro collaborazione portò alla pubblicazione di numerosi lavori su teorie anatomiche molto innovative; tra le più accreditate quella riguardante “il sistema organologico”, che sosteneva che il cervello fosse costituito da organi distinti, ciascuno dei quali deputato ad una precisa facoltà mentale. Spurzheim scelse l’Inghilterra come sua nuova sede: in Gran Bretagna la classe medica e scientifica era più culturalmente aperta e disponibile ad accettare nuove teorie. Inoltre, nella popolazione inglese, in quel periodo storico, vi era un diffuso interesse per la storia naturale, la salute e per gli argomenti ad essi correlati.

In Italia il più noto fautore della frenologia fu Luigi Ferrarese.


tratto da:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.