Un pioniere della moderna psichiatria

UN PIONIERE DELLA MODERNA PSICHIATRIA

Nel trattamento degli attacchi isterici, la paziente può spesso essere riportata allo stato normale di coscienza attraverso un rapido comando verbale o, se questo fallisce, con spruzzi di acqua fredda sul viso, o impulsi con spazzole elettriche, o con la compressione sulle ovaie o le zone isterogene.
In casi molto gravi possono essere necessarie inalazioni di cloroformio.

[Emil Kraepelin, “Clinical Psychiatry“, 1907]


Emil Kraepelin (Neustrelitz, 15febbraio 1856 – Monaco di Baviera, 7ottobre 1926)

Nasceva 165 anni fa, il 15 febbraio 1856, il grande psichiatra tedesco Emil Kraepelin.
Kraepelin iniziò i suoi studi di medicina nel 1874 presso l’Università di Lipsia e li completò a Würzburg. A Lipsia, studiò neuropatologia con Paul Flechsig e psicologia sperimentale con Wilhelm Wundt.
Ritornato all’Università di Lipsia nel febbraio 1882, lavorò nella clinica di neurologia di Wilhelm Heinrich Erb e nel laboratorio di psicofarmacologia di Wundt.
Il lavoro principale di Kraepelin, “Compendium der Psychiatrie: Zum Gebrauche für Studirende und Aerzte” (Compendium of Psychiatry: For the Use of Students and Physicians ), fu pubblicato per la prima volta nel 1883 e fu ampliato nelle successive edizioni multivolume “Ein Lehrbuch der Psychiatrie“.
In esso, egli sosteneva che la psichiatria era una branca della scienza medica e doveva essere studiata attraverso osservazione e la sperimentazione come le altre scienze naturali.


cause fisiche della malattia mentale

Frontespizio del “Clinical psychiatry : a text-book for students and physicians” (1907).

Egli cercava la ricerca delle cause fisiche della malattia mentale ed iniziò a stabilire le basi del moderno sistema di classificazione dei disturbi mentali.

Kraepelin proponeva che, studiando storie di casi e identificando disturbi specifici, si potesse prevedere la progressione della malattia mentale, tenendo conto delle differenze individuali nella personalità e nell’età del paziente all’esordio della malattia.
Nel 1884 divenne medico nella città prussiana di Leubus, provincia della Slesia, e l’anno successivo fu nominato direttore dell’Istituto di cura a Dresda.
Il 1luglio 1886, all’età di 30 anni, Kraepelin fu nominato Professore di Psichiatria all’Università di Dorpat (oggi Università di Tartu). Quattro anni dopo, il 5 dicembre 1890, divenne capo dipartimento dell’Università di Heidelberg, dove rimase fino al 1904.
Nel 1912, su richiesta del DVP (“Deutscher Verein für Psychiatrie“; Associazione tedesca di psichiatria), di cui era a capo dal 1906 al 1920, iniziò a progettare di stabilire un centro di ricerca.


UMANO MA EUGENETICO (le due facce di k.)

Kraepelin si espresse contro il trattamento barbaro che era prevalente nei manicomi dell’epoca, e fece una crociata contro l’alcol, la pena di morte e la reclusione piuttosto che il trattamento dei pazzi.
Egli respinse le teorie psicoanalitiche che postulano la sessualità innata o precoce come causa della malattia mentale e respinse la speculazione filosofica in quanto non scientifica. Si concentrò sulla raccolta di dati clinici ed era particolarmente interessato alla neuropatologia (p. Es., Tessuto malato).
Nell’ultimo periodo della sua carriera, come convinto difensore del darwinismo sociale, promosse attivamente un’agenda politica e di ricerca in materia di igiene razziale ed eugenetica.
Kraepelin si ritirò dall’insegnamento all’età di 66 anni, trascorrendo i suoi ultimi anni a fondare l’Istituto tedesco per la ricerca psichiatrica.
La nona e ultima edizione del suo libro di testo fu pubblicata nel 1927, poco dopo la sua morte (avvenuta il 7 ottobre 1926). Comprendeva quattro volumi ed era dieci volte più grande della prima edizione del 1883.


riferimenti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.