Un grande dell’Oncologia italiana: Gianni Bonadonna

UN GRANDE DELL’ONCOLOGIA ITALIANA: GIANNI BONADONNA

Gianni Bonadonna (1934-2015)

Nel 1963, un oncologo di trentatrè anni del NCI (National Cancer Institute), Paul Carbone, aveva avviato un trial per capire se la chemioterapia poteva essere efficace quando veniva somministrata a donne che avevano avuto un tumore primario e allo stadio iniziale asportato completamente con la chirurgia.
Per descrivere questa forma di trattamento, Carbone e la sua equipe usarono il termine “terapia adiuvante”, dal latino “aiutare”. La chemioterapia adiuvante, secondo Carbone poteva essere il piccolo aiutante del chirurgo. Avrebbe sradicato i focolai microscopici di cellule tumorali lasciati indietro dalla chirurgia, eliminando così ogni altro focolaio di malignità nel corpo.


chirurgia e chemioterapia

Umberto Veronesi (1925-2016)

Ai chirurghi però non interessava ricevere aiuto da chicchessia – meno che mai dai chemioterapisti; e visto che i chirurghi dominavano ancora ampiamente l’ambito del tumore al seno, Carbone non poteva avviare un trial più ampio perché a stento riusciva ad arruolare qualche paziente.
In suo soccorso arrivò una squadra di ricercatori italiani. Nel 1972, l’oncologo Gianni Bonadonna (1934-2015) arrivò a Bethesda per visitare il NCI. Bonadonna lavorava in un grande centro a Milano, l’Istituto Tumori, dove era in intima amicizia con il primario, Umberto Veronesi.


Veronesi e Bonadonna

La sede dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano

Convinti da Carbone, Veronesi e Bonadonna, l’unica coppia chirurgo-chemioterapista che sembrava rivolgersi la parola, proposero un vasto trial randomizzato per studiare gli effetti della chemioterapia adiuvante su un cancro allo stadio iniziale. L’NCI affidò loro immediatamente l’incarico per il trial.
Bonadonna avviò il trial nell’estate del 1973. All’inizio dell’inverno aveva randomizzato quasi quattrocento donne, metà delle quali sarebbe stata trattata con il CMF (acronimo per indicare i farmaci chemioterapici Cytoxan, Metotrexate e Fluorouracile).


risultati eccezionali

Il sostegno di Veronesi era fondamentale: “I chirurghi non erano solo scettici. Erano ostili”, ricorda Bonadonna rievocando la predilezione dei chirurghi dell’epoca per l’intervento di mastectomia radicale rispetto ad altri meno demolitivi nel tumore della mammella.
Una mattina nuvolosa dell’inverno del 1975, Bonadonna volò a Bruxelles per presentare i suoi risultati a un convegno di oncologi europei. Il trial aveva appena concluso il suo secondo anno, ma già mostrava che la chemioterapia adiuvante aveva prevenuto una recidiva del cancro in una percentuale significativa, una donna su sei.
La notizia era così inattesa che l’auditorium l’accolse con un silenzio sbalordito. Fu solamente sul volo di ritorno per Milano, a tremila metri di quota, che Bonadonna finalmente venne sommerso di domande sul trial dagli altri ricercatori imbarcati sul suo volo.


tratto da:
  • L’Imperatore del Male. Una biografia del Cancro”, pagg. 344-347, di Siddartha Mukherjee

onoreficenze di Bonadonna

Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerose onorificenze, nazionali ed internazionali, tra cui la Laurea honoris causa in Medicina dall’Università di Torino nel 2004. Dal 2007 l’American Society of Clinical Oncology (ASCO) gli intitola un premio, il “Gianni Bonadonna Breast Cancer Award and lecture”.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *