Un cardine dell’artroplastica: Temistocle Gluck

UN CARDINE DELL’ARTROPLASTICA: TEMISTOCLE GLUCK

articolazione con cardine di avorio (immagini originali di T. Gluck)

I primi interventi di posizionamento di protesi articolari risalgono tra la metà degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 dell’ottocento. Il chirurgo tedesco Themistocles Gluck (1853–1942) credeva che gli esperimenti animali fossero essenziali per la progettazione e l’impianto di artroprotesi articolari negli umani. Egli congegnò ed impiantò in maniera rimarchevole polsi, gomiti, spalle, anche, ginocchia e caviglie nell’essere umano.
Nel maggio 1890, Gluck inserì un’articolazione con cardine di avorio (immagini originali nel disegno) nel ginocchio di una ragazza di 17 anni.
Nello stesso anno egli riportò l’esecuzione di 14 artroplastiche, inclusa un’anca, ma fornì i dettagli di soli 5 casi (3 ginocchia, un polso ed un gomito). Tutti e 5 i pazienti soffrivano di Tubercolosi, ma a breve tempo tutte le procedure ebbero successo anche se successivamente tutti i pazienti ebbero problemi di complicazioni legate ad infezioni croniche; tre di queste protesi furono rimosse (il polso ed un ginocchio furono lasciati in sede).


VEDI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *