Breve storia della Litotomia

BREVE STORIA DELLA LITOTOMIA

stampa tratta dall’Enciclopedia di Diderot e D’alembert

Il termine litotomia deriva dalla lingua greca (λίθος lìthos “pietra” e τομία tomìa “taglio”) significa letteralmente “estrazione della pietra attraverso un taglio“. Indica un intervento di chirurgia urologica consistente in un taglio attraverso il quale è possibile asportare un calcolo.
Il più antico calcolo urinario trovato fu scoperto in Egitto intorno al 1900 dc, ed era risalente al 4900 ac.
I primi scritti che riportano di calcoli urinari datano a prima del tempo di Ippocrate (ca. 460-370 ac). La litotomia era una procedura relativamente comune nel passato ed esistevano litotomisti specializzati.

L’antico Giuramento di Ippocrate includeva la frase:

“Non opererò coloro che soffrono del male della pietra, ma mi rivolgerò a coloro che sono esperti di questa attività.”


Operazioni per rimuovere i calcoli vescicali attraverso incisioni del perineo, prima dell’invenzione dell’anestesia, era molto dolorose per i pazienti. 


breve storia

Il fabbro Jan de Doot mostra in questo ritratto di Carel van Savoyen (del 1655) un calcolo delle dimensioni che un uovo che egli avrebbe rimosso da sè stesso nel 1651.

Ammonio, che praticò la litotomia ad Alessandria d’Egitto intorno al 200 ac, acquisì l’appellativo di ‘Litotomo’ per lo strumento che inventò allo scopo di frammentare i calcoli troppo grandi che non passavano attraverso le piccole incisioni perineali.
Il latino A. C. Celso ed il bizantino Paolo Aeginata descrissero questa pratica nelle loro opere rispettivamente nel I e VII secolo dc.Il medico arabo Albucasis (X secolo dc) aggiunse l’uso delle forcipi per spezzare i calcoli.
Nel XVI secolo, Pierre Franco (1505–1578) fu un pioniere nel metodo della litotomia sovrapubica.
L’asportazione dei calcoli renali che veniva eseguita addirittura con tecniche diverse, con il taglio (litotomia) o tramite sgretolamento (litotripsia) fu eseguita nel seicento dai cerusici empirici ‘norcini‘. Questi chirurghi empirici effettuavano interventi di litotomia, erniotomia, di cataratta e il salasso per il quale erano autorizzati da apposita licenza a praticare dopo aver conseguito il diploma nell’università. Molti divennero famosi e richiesti alle corti d’Europa; un certo Scacchi nel 1588 operò di cataratta la regina d’Inghilterra Elisabetta I e fu ricompensato con mille scudi d’oro.


tratto da:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.