Una descrizione del ‘mal della pietra’ di circa duemila anni fa

UNA DESCRIZIONE DEL ‘MAL DELLA PIETRA’ DI CIRCA 2000 ANNI fa

“In quanto ai calcolosi, essi si conoscono dai seguenti segni.
Con assai disagio si evacua l’urina, e goccia a goccia, e talora anche involontariamente. La stessa è sovraccarica di minuta rena, e ben sovente si spande insieme con essa del sangue, o qualche cosa di sanguigno o di purulento.
Vi sono alcuni che meglio pisciano stando in piedi, altri sdraiati sul dorso, e specialmente chi ha i calcoli grossi: altri sono forzati a piegarsi, e col protendere in fuori la verga ad alleviare il dolore.
… Le donne sono forzate a sfregare con le proprie mani l’orifizio delle partì naturali loro, e qualche volta avviene che, avendo recato il dito là dove si trova il collo della vescica, sentono esse medesime la pietra. …”


tratto da:
  • A. C. Celso; “De Medicina”. I secolo dc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *