Bichat, uno dei padri dell’anatomia patologica

BICHAT FU UNO DEI PADRI DELL’ANATOMIA PATOLOGICA

“La Morte di Bichat” di Louis Hersent.

Marie Francois Xavier Bichat (1771-1802) fu uno dei più importanti sostenitori dell’anatomia patologica come parte dell’armamentario della pratica medica. Egli sostenne un approccio triangolato per lo sviluppo dell’eccellenza medica in cui la patologia costituiva la base.
Thayer cita Bichat: “Seziona in anatomia, esperimenta in fisiologia, segui la malattia e fai l’autopsia in medicina; questo è il percorso triangolato, senza il quale non possono esistere l’anatomista, il fisiologo e il medico”.

Le sue opere principali furono “Traité des membranes en général et de diverses membranes en particulier“; “Recherches physiologiques sur la vie et la mort” e “Anatomie générale appliquée à la physiologie et à la médecine“, 1801, in 4 volumi.

Bichat morì trentenne per “febbre tifoidea”.  Circa un mese dopo il dott. Corvisart scrisse a Napoleone:
«Bichat è morto a trent’anni; è caduto su un campo di battaglia che esige anch’esso coraggio e che conta numerose vittime. Egli ha ampliato la scienza medica; nessun altro alla sua età ha fatto così tante cose e così bene.»

L’eponimo

 La bolla del Bichat, altrimenti detta pallottola, è il nome con cui viene chiamato il tessuto adiposo contenuto tra il muscolo massetere (lateralmente) ed il muscolo buccinatore (medialmente). La porzione inferiore del cuscinetto adiposo è contenuta all’interno della cavità buccale. Non deve essere confusa con i cuscinetti adiposi e con il cuscinetto adiposo malare, che si trova direttamente sotto la pelle della guancia.
Essa ha la funzione di sostenere la guancia nell’atto della poppata. È ciò che rende le guance rotonde ai bambini, mentre negli adulti tende a ridursi senza però mai scomparire nemmeno nei casi di denutrizione estrema.

vedi: 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *