Alessandro Codivilla, il ‘padre della moderna traumatologia’

IL PADRE DELLA MODERNA TRAUMATOLOGIA: Alessandro Codivilla

Alessandro Codivilla’s memories (http://himetop.wikidot.com/alessandro-codivilla-s-memories)

Nel 1902, all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, il prof. Alessandro Codivilla applica per la prima volta la trazione diretta sullo scheletro.
La pratica trova notevoli opposizioni: in un primo tempo si favoleggia che egli torturi i bambini e che le grida degli ammalati giungano fino a piazza Maggiore. Ma egli pian piano riuscirà a convincere gli scettici della sua serietà professionale, nutrita da continui studi e confronti internazionali.
Direttore del Rizzoli dal 1899, Codivilla si dedicherà per tutta la vita a elevare la fama del proprio istituto e a dare dignità scientifica alla chirurgia ortopedica.
In una lettera di commemorazione alla Società Medico-Chirugica di Bologna, dopo la sua prematura scomparsa nel 1912, il poeta Giovanni Pascoli lo definirà “uomo santo“.
Codivilla è considerato il padre della moderna traumatologia.


l’arrivo a Bologna

Alessandro Codivilla (Bologna, 21 marzo 1861 – Bologna, 28 febbraio 1912)

Dopo aver passato otto anni negli ospedali di provincia, durante i quali si dedicò alla chirurgia cerebrale e soprattutto alla chirurgia delle viscere (disciplina che lo affascinava molto), nel 1899 fu invitato dall’avvocato Giuseppe Bacchelli, all’epoca presidente dell’Amministrazione provinciale, ad abbandonare la chirurgia generale per dedicarsi all’ortopedia e diventare il nuovo direttore dell’Istituto Ortopedico Rizzoli. Per Codivilla lasciare la chirurgia viscerale per dedicarsi ad una disciplina a lui ancora poco conosciuta come l’ortopedia non fu facile, ma le ragioni che lo spinsero ad accettare il posto al Rizzoli erano troppe e irrinunciabili: Bologna era la sua città natale, lì vivevano le persone a lui più care.

Alessandro Codivilla, temperamento deciso, intraprese così diversi viaggi all’estero per aggiungere al suo bagaglio scientifico e culturale le mancanti nozioni ortopediche. Si recò quindi in Germania e in Francia, dove erano stati compiuti numerosi passi in avanti nel campo dell’ortopedia. Soprattutto in Germania strinse amicizia con medici ed esperti nel campo ortopedico come Volkmann, König, Bardenheuer, Albert, Mikulicz, Nicoladoni e Wolff.


contributi alla chirurgia ed all’ortopedia

Dopo la sua morte venne eletto presidente del Rizzoli il suo pupillo, Vittorio Putti, che ne continuò l’opera.

Alessandro Codivilla verrà ricordato come ideatore e primo chirurgo ad eseguire la duodenocefalopancreatectomia, intervento che consiste nell’asportare la testa del pancreas, il duodeno, la colecisti e, spesso ma non sempre, parte dello stomaco. Questa procedura, poi perfezionata dall’americano Whipple (negli anni trenta) viene eseguita ancor oggi, con poche modifiche, nei casi di tumore al pancreas.

Per quanto concerne l’Ortopedia, egli si interessò in particolar modo alle paralisi causate dalle poliomieliti (perfezionò la tecnica del trapianto dei tendini); propose di modificare l’operazione di Foerster per la paralisi spastica, curò dislocazioni congenite dell’anca, trattò casi di piede-equino congenito, torcicollo, scoliosi, tubercolosi osteoarticolari, pseudoartrosi congenita (con il metodo di Giuliano Vanghetti) e numerose fratture, proponendo il metodo della trazione diretta sullo scheletro mediante l’utilizzo di un chiodo passato attraverso il calcagno, tecnica che si diceva:

 usasse per torturare i bambini dato che le loro urla si sentivano da Piazza San Petronio.


vedi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *