Un pioniere della laringoscopia e dell’endoscopia: C. Q. Jackson

UN PIONIERE DELLA LARINGOSCOPIA E DELL’ENDOSCOPIA

Chevalier Q. Jackson (1865-1958) fu un pioniere americano della laringologia. Egli è conosciuto anche come il “padre dell’endoscopia”, sebbene tale titolo sia stato dato anche al tedesco di origine italiana Philipp Bozzini (1773-1809).
Chevalier Jackson estrasse nella sua carriera medica oltre 2.000 corpi estranei dalle gola, esofagi e vie respiratorie di pazienti lungo la sua carriera di circa 70 anni (2.374 oggetti per la precisione). La raccolta si può attualmente vedere al Mutter Museum di Filadelfia.
Il suo lavoro ridusse i rischi legati alla tracheotomia. Egli inventò la moderna scienza dell’endoscopia delle vie aeree superiori e dell’esofago, usando tubi vuoti con l’illuminazione.


MEDICO INVENTORE

Chevalier Jackson e l’ostruzione delle vie aeree superiori

Chevalier Jackson sviluppò dei metodi per rimuovere corpi estranei dall’esofago e dalle vie aeree in sicurezza. Jackson ha tenuto una registrazione accurata di ogni oggetto che ha rimosso da ogni paziente perché pensava che queste informazioni sarebbero state utili agli altri medici. Lo studio dei bronchi era ancora agli stadi iniziali e la Jackson Collection era un modo per gli altri di immaginare cosa aspettarsi quando si eseguiva una broncoscopia. Egli richiamò l’attenzione sulla prevenzione nei rischi di ingestione di le sostanze velenose e corrosive. Anche grazie sua spinta passò la Legge su Caustici e Veleni del 1927, che salvò la vita a tanti bambini e ragazzi.


autore e medico prolifico

il laringoscopio di Chevalier Jackson. http://soa.group.shef.ac.uk/museum/laryngoscope.html

Jackson scrisse quattro monografie, dodici libri ed oltre quattrocento articoli medici e fu professore in sei differenti scuole mediche.

Le annotazioni di Jackson comprendevano l’età e il sesso del paziente, il tipo di corpo estraneo, il luogo in cui era alloggiato, l’anestesia usata e il tempo necessario per estrarre l’oggetto.

Più dell’80% dei pazienti registrati aveva meno di 15 anni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *