UN ANNO E MEZZO DI PANDEMIA: 4^ ONDATA SI, 4^ ONDATA NO?

UN ANNO E MEZZO DI PANDEMIA: 4^ ONDATA SI, 4^ ONDATA NO?

All’inizio erano due vecchi turisti cinesi. Avevano viaggiato per l’Italia ma erano quasi sempre rimasti in disparte dal resto della comitiva stazionando per lo più in albergo. Vennero a prenderli in ambulanza e li portarono allo “Spallanzani” di Roma. La loro storia, raccontata in quasi tutti i telegiornali della sera ci diedero l’illusione che la pandemia si potesse controllare relativamente facilmente. Poi scoppiò il grande incendio in Lombardia: le bare trasportate dai mezzi militari per le vie di Bergamo sono un’immagine che rimarrà scolpita nella memoria collettiva italiana per secoli.

Raccontare questa storia attraverso i dati della Protezione Civile della Sardegna può essere un utile strumento di analisi: non è solo la regione in cui vivo e lavoro, ma essendo un’isola relativamente poco popolata ma frequentatissima in estate, si presta a delle interpretazioni dei fenomeni epidemiologici abbastanza univoci.


LA PRIMA ondata

👉 Nella prima fase, allo scoppio dell’epidemia in Italia vi fu una chiusura serrata davvero importante, con un blocco della circolazione interna ed esterna, via mare e via aerea. Nonostante il numero test fosse molto basso all’inizio, possiamo certamente dire che il virus circolò poco e produsse poche ospedalizzazioni. All’inizio i più colpiti furono i vecchi e gli operatori sanitari.
A maggio 2020, la circolazione virale, grazie soprattutto al distanziamento sociale venne quasi completamente azzerata. Allora vi fu qualcuno che esultò e esclamò “il virus è clinicamente morto”.

👉 Che il virus non fosse manco per niente clinicamente morto, in Sardegna, ce ne accorgemmo intorno a ferragosto: la circolazione virale riprese a salire con la vita mondana estiva, soprattutto quella notturna, ed in numeri del contagio ripresero a salire, spingendo verso l’alto quelli dei ricoveri.


LA SECONDA ONDATA

Una mappa dei colori a rischio per il Covid-19.

👉 Con la riapertura delle scuole e delle attività lavorative, i nuovi casi positivi continuarono la loro progressione verso l’alto. Ancora una volta, la curva delle ospedalizzazioni seguiva l’andamento di quella dei contagi.

Non solo paracetamolo. Nel frattempo, venivano fuori le terapie più disparate: idrossiclorochina, antireumatici, antivirali, antibiotici, e poi antinfiammatori steroidei e non steroidei, eparina, ed integratori di ogni sorta. A tutto ciò si aggiunga la componente terapie intensive (posti letto, prone position, ventilatori, ecc.).

Con i primi guariti si iniziò a puntare con forza sulla sieroterapia (detta anche plasma convalescente o plasma iperimmune). Il principio, che risale alla fine dell’ottocento, e venne introdotto da Von Behring nella terapia della difterite, è che gli anticorpi di soggetti guariti dalla malattia possano fornire difese immunitarie adeguate ai nuovi malati. Il principio sembrava valido, ma purtroppo gli studi mostrarono che questa terapia, alla prova dei fatti non era efficace.


autunno – inverno 2020/’21

Un letto di terapia intensiva.

👉 In pieno autunno, l’escalation della pandemia, spinse le Istituzioni a creare una nuova forma di chiusure, a colori, con tutta una serie di stop and go su diverse attività lavorative e scolastiche. Nel frattempo, la maggioranza della popolazione aveva fatto propria le forme di comportamento adeguato e per trovare una mascherina FFP2 non ci si doveva rivolgere più al mercato nero.

Questa ondata è comunque la fase che in Sardegna ha prodotto il maggior numero di casi di Covid-19 ed ospedalizzazioni. Nonostante le tante difficoltà logistiche si è riusciti ad aprire nuovi covid-hospital e reclutare personale sanitario.


arriva la cavalleria!

L’immunologo Anthony Stephen Fauci (nato a Brooklyn 24dicembre 1940) affermò il 13 novembre 2020: “La cavalleria“, cioè il vaccino, “sta arrivando. Bisogna però avere ancora pazienza“.

👉Sta arrivando la cavalleria“. Questo era il motto di fine anno. I vaccini sono quasi pronti per essere messi in commercio e lo stesso discorso veniva fatto per quanto riguarda gli anticorpi monoclonali.

👉 Di anticorpi monoclonali per il momento non ne abbiamo ancora visto granchè, ma la campagna vaccinale con vaccini ad m-rna e vettore virale, da noi è iniziata il 27 dicembre 2020, il cosiddetto “V-Day”.

👉 Con l’anno nuovo, i numeri della pandemia, in Sardegna, si raffreddarono al punto che, verso fine febbraio, l’Isola, prima regione in Italia, venne dichiarata “Zona Bianca“. Meno di 50 casi ogni 100k abitanti nelle ultime due settimane; via alle restrizioni ci fu detto. Ma i comportamenti che ne seguirono provocarono un rimbalzo dei nuovi casi e, sempre in maniera sincrona, un rimbalzo delle ospedalizzazioni. E così per pasqua si tornò in zona arancione, e mi pare per un pò anche in zona rossa. Insomma, dopo aver biancamente perculato il resto della nazione a febbraio ci ritornarono rosse pernacchie pasquali dall’altra sponda del Tirreno.


L’INIZIO DELLA CAMPAGNA VACCINALE

Il Generale Francesco Paolo FIGLIUOLO è nato a Potenza l’11 luglio 1961.

👉 In tutto ciò, la penna da alpino del generale Figliuolo, sebbene spaventasse nella divisa una delle migliori penne (con inchiostro) della Sardegna, mieteva per tutta Italia, a centinaia di migliaia al giorno, dosi e dosi di Pfizer, AZ & Co.

Il virus, per canto suo rispondeva creando nuove e più contagiose varianti: inglese, brasiliana, sudafricana per arrivare all’indiana (richiamata delta).
Ah già il virus è figlio dello spillover o creatura di laboratorio? Al WHO l’ardua sentenza.

👉 E arriviamo all’ultimo mese. Dopo essere entrati tutti in un’unica fascia bianca, con pochissime restrizioni sociali, con il circa 50% della popolazione globale nazionale vaccinata in maniera completa e vincitori di un Europeo di calcio, ampiamente festeggiato per locali, appartamenti e strade, ci ritroviamo nella nostra Sardegna con una nuova escalation di nuovi casi. E’ iniziata una nuova ondata, se vogliamo possiamo chiamarla anche la ‘quarta ondata‘.


quarta ondata si o quarta ondata no?

Ma, ma, ma. Mentre nelle precedenti puntate, ad un incremento di nuovi casi si assisteva ad un incremento di ospedalizzazioni molto simile nelle pendenze, ad oggi possiamo vedere che l’escalation dei ricoveri (per il momento e facendo le corna, se volete) non pare essersi innescato.
Insomma, anche se la quarta ondata non è di certo chiusa, in Sardegna, con qualche settimana di ritardo, sembra che si stia verificando lo stesso fenomeno della Gran Bretagna.
Merito dei vaccini?

Articolo del dott. Concetto De Luca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.