Renè Favaloro, il padre del bypass aorto-coronarico

Renè Favaloro, IL PADRE DEL BYPASS AORTO-CORONARICO

René Gerónimo Favaloro (La Plata, 12 luglio 1923 – Buenos Aires, 29 luglio 2000)

Nel maggio 1967 il chirurgo argentino Renè Favaloro eseguì la sua prima operazione sull’arteria coronarica. Egli usò un auto-innesto di vena safena per rimpiazzare un segmento stenotico di arteria coronarica destra. Nella parte finale dello stesso anno iniziò ad usare la vena safena con un canale bypassante. Nei suoi primi successivi tentativi si limitò a bypassare l’arteria coronarica destra.
In un articolo scritto per l’International Journal of Cardiology, molti anni dopo, ricordò i suoi inizi e la successiva esperienza nella rivascolarizzazione coronarica.


il ricordo di favaloro

I seguenti sono alcuni passi ripresi dalla sua affascinante analisi storica:

“Fui molto fortunato ad arrivare alla Cleveland Clinic nel febbraio 1965, subito dopo il verificarsi di due episodi importanti. Il 5 gennaio, Effler ed associati ripararono una severa ostruzione del tronco comune di sinistra attraverso una tecnica d’innesto che seguiva l’idea di Senning e, il 12 gennaio, Sones dimostrò, attraverso iniezione diretta dell’arteria mammaria sinistra in un paziente operato da Vineberg nel 1964, che il deficit di perfusione miocardica poteva essere compensato dal circolo collaterale che originava da un’arteria sistemica impiantata in un piccolo tunnel parallelo all’arteria coronarica discendente anteriore. Tale evidenza fu ulteriormente corroborata nel marzo 1962 su un altro paziente operato precedentemente da Bigelow. Dall’inizio rimasi attratto da una collezione unica di centinaia di stupendi cine-angiogrammi coronarici eseguiti quotidianamente da Sones ed associati grazie ad un equipaggiamento unico disponibile solo alla Cleveland Clinic. B10 – il nome del dipartimento di Sones a quel tempo – era il posto in cui passavo il tempo libero, finite le mie ore al Dipartimento di Chirurgia Toracica e Cardiovascolare. Vivendo in piccolo e vecchio appartamento lì vicino riuscivo a rimanere per delle ore in quell’atmosfera di pace mentre la maggior parte dello staff rimaneva a casa bloccato dalla neve sulle strade dei freddi inverni dell’area intorno ai grandi laghi.
Nel maggio 1967 eseguii la prima operazione su una donna di 51 anni. Con un segmento di vena safena l’arteria coronaria destra prossimale e totalmente occlusa veniva collegata al suo segmento distale. La ripetizione di un cine-angiogromma coronarico dimostrò pochi giorni dopo un’eccellente ricostruzione.
Ricorderò sempre quella volta in cui venni chiamato dal laboratorio cardiaco e vidi Sones felice mostrare tutta la sua gioia, parlare e ridere mentre la pellicola scorreva. Pochi giorni dopo egli si recò in Europa portando il film con lo studio pre e post-operatorio del primo graft interposto di vena safena. …
Fu gratificante vedere la diffusione del bypass coronarico chirurgico. …
Questa era moderna della rivascolarizzazione è stata resa possibile solo grazie all’introduzione della cine-angiografia coronarica da parte di Mason Sones nel 1958 che ci ha permesso di:
1) conoscere l’anatomia dell’albero arterioso coronarico nella malattia cardiaca ischemica e le sue implicazioni sulle condizioni del muscolo cardiaco;
2) chiarire la storia naturale dell’arteriosclerosi coronarica e la correlazione con lo spettro clinico;
3) selezionare i candidati per la procedura di rivascolarizzazione e contribuire ad organizzare e semplificare l’operazione;
4) dare una valutazione postoperatoria obiettiva delle differenti tecniche operatorie impiegate.”


la triste morte

Il 29 luglio del 2000, dopo aver scritto una lettera all’allora Presidente argentino De la Rúa criticando il sistema sanitario, senza denaro per la crisi del 2000, Renè Favaloro si è tolto la vita con uno sparo al cuore.


Vedi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *