L’ostetrica dalle mani piccole: Justina Siegemund

L’ostetrica dalle mani piccole: Justina Siegemund

Il bambino si trova dentro sua madre come in un lenzuolo bagnato che aderisce al suo corpo.

[Justina Siegemund]

Justine Siegemund or Siegemundin (26 dicembre 1636 – 10 novembre 1705).

Figlia di un pastore, Elias Dittrich della Slesia, una regione dell’attuale Polonia, Justina Siegemund (1636-1705) è famosa per aver pubblicato un’opera di Ostetricia nel 1690 “Die chur- Brandeburgische Hoff-Wehe-Mutter, das ist: ein Hoechst-noethiger Unterricht, von schweren e unrecht-stehenden Geburten, in einem Gespraech vorgestellet, … Cölln an der Spree” (“Un’ostetrica alla corte di Brandeburgo: vale a dire, una lezione di prima necessità sulle nascite difficili e che si presentano male, … sotto forma di dialogo”).

Justina Siegemund è un’autodidatta di talento che esercitò la sua professione alla corte di Brandeburgo nel 1683. Molto apprezzata e protetta dai potenti come dimostrano le numerose dediche all’inizio del suo libro, fu chiamata ovunque in Europa per partecipare ad una ventina di gravidanze principesche.


L’osterica dei parti distocici

parto podalico mostrato nell’opera di Justina Siegmund.

L’opera di Justina Siegmund consiste di circa 300 pagine ed è in forma di dialogo tra l’apprendista ostetrica Christina e l’autrice. Quest’ultimo usa un formato molto popolare, il dialogus, per uno scopo chiaramente pedagogico, poiché vuole soprattutto addestrare le ostetriche “ignoranti”. Il libro contiene molti esempi tratti dall’esperienza  della Siegmund e non evita le ripetizioni dei concetti. La pedagogia, tuttavia, non è chiaramente l’unico obiettivo di questo libro. Frau Justina – come viene chiamata – pubblica resoconti di prove, testimonianze (indubbiamente a suo favore) di persone che hanno assistito a nascite problematiche. In tal modo, sembra voler giustificare sè stessa e mettere a tacere i calunniatori. Nel suo libro, Justina racconta come è arrivata a lavorare come ostetrica: si sposò a 19 anni, mentre a 21 anni delle ostetriche la dichiarano incinta.


un’ostetrica autodidatta

Accadde che Justine sentì dei forti dolori e le ostetriche le annunciarono che il parto era  vicino. Le ostetriche le preannunciarono inoltre una posizione favorevole del neonato per il parto. Ma per tre giorni Justine subì un vero e proprio martirio di sofferenza senza alcun risultato fino a quando una delle ostetriche affermò che lei ed il suo bambino non se la sarebbero cavate  e che esse non sarebbero state in grado di fare nulla per loro. Fortunatamente la moglie di un soldato che passava da quelle parti, affermò che Justine non era incinta ma che la causa del suo dolore era un coagulo o una tumefazione dell’utero. In seguito, le ostetriche acconsentono a chiamare un medico che la trattò con successo.


il desiderio ed il bisogno di conoscere

È da questo doloroso episodio che nacque il suo desiderio di conoscere l’ostetricia. Cominciò a leggere tutto ciò che riuscì a trovare sull’argomento. Questo passaggio di libro è indicativo dell’alto livello di istruzione delle figlie dei pastori protestanti. Questa categoria di popolazione aveva un tasso di alfabetizzazione superiore alla media. Se loro (e le loro madri) avevano una conoscenza così ampia, è perché dovevano dare l’esempio alle altre donne della popolazione. Non è una questione di vano apprendimento, ma di conoscenza che è direttamente utile non solo per la condotta della famiglia, ma anche per la professione del marito, che possono poi aiutare. Justina appare qui come una donna indipendente e benevola che usa le sue conoscenze per imparare un mestiere e aiutare altre donne.


la conoscenza dalle rappresentazioni grafiche

una tavola anatomica di Eucario Rodione il Giovane (Eucharius Roslin), succeduto al padre come medico della città di Francoforte, che pubblicò una traduzione in latino del testo del padre, “De partu Hominis”, nel 1532.

Le rappresentazioni pittoriche le permisero di ottenere una prima idea precisa dell’anatomia femminile e dei problemi che potrebbe dare la posizione del feto. Questo è probabilmente il motivo per cui volle includerle nel suo libro. Le voleva di alta qualità e il più precise possibile. Se li confrontiamo con quelli del libro di Eucharius Röslin, Il ‘Giardino delle Rose’ (1513), possiamo vedere il progresso delle tecniche di incisione in un secolo.

Nei disegni delle tavole anatomiche si vedono i feti  fluttuare nell’utero anche quando la gravidanza è a termine. La natura irrealistica delle rappresentazioni non significa che le ostetriche, o i medici, ritenessero che i feti potessero fluttuare in questo modo all’interno di uteri sproporzionati. Grazie alla sua grande esperienza, Justina imparò perfettamente che il feto rimane stretto nel grembo di sua madre (proprio come un bambino avvolto da un lenzuolo bagnato). Justina eseguì una formazione pratica di circa dodici anni con un’altra ostetrica.


la pratica del tempo

Nel suo libro, Justina descrive le pratiche del suo tempo. Così, apprendiamo ad esempio che le ostetriche impregnavano le mani di birra o burro prima di esaminare la cervice uterina della partoriente, e che esse erano solite lavorare in gruppo;  Il loro numero poteva creare alcuni problemi, dal momento che spesso litigavano su cosa fare in caso di problemi. Per non incorrere nell’ira dei medici, Justina afferma che non è compito delle ostetriche somministrare farmaci, a parte situazioni di emergenza.
Questo autodidatta ha inventato una tecnica per rimuovere i tumori dall’utero senza aprire la pancia delle pazienti, offrendo così maggiori possibilità di sopravvivenza: si procede all’ablazione della tumefazione circondandola con un nastro e poi tagliando. Justina utilizzò un nastro simile per ruotare il feto all’interno dell’utero se la presentazione era rischiosa: si legava un nastro a un piede e si spostava il nascituro in modo fluido. 


piccole mani

Secondo Justina, per essere una brava ostetrica non bastava avere delle mani esperte; per ottenere buoni risultati bisognava avere le mani piccole. Grazie a questa caratteristica fisica, è in grado di eseguire complesse manipolazioni, come spingere il braccio di un feto nell’utero per ruotarlo per favorire la nascita. Un’ostetrica con le mani grandi non potrebbe esercitarsi in questo e sarebbe costretta a praticare l’amputazione del braccio, un danno minore rispetto al pericolo di morte che muove il bambino e la madre.

Questa qualità fisica è quindi vitale per la vita del futuro bambino, così come per quella della madre.


contro le superstizioni

strumenti per il parto mostrati nel libro di Justina.

Justina Siegmund adempì ai doveri che le autorità civili e religiose assegnavano alle ostetriche nel pronunciarsi contro le superstizioni. Prese quindi l’esempio di una credenza che consisteva nel disfare tutti i nodi che venivano posti vicino alla partoriente per facilitare la nascita come liberazione. Dichiarò chiaramente che questa convinzione non ha alcuna base o impatto sul parto.

Nonostante si presentasse come una buona credente, Justina Siegmund rifiutò comunque il fatalismo di alcune ostetriche le quali affermavano che quando il bambino e la madre  morivano, ciò accadeva per volontà di Dio. Per Justina, quando accadeva tale disgrazia, lo era più per l’ignoranza delle ostetriche. Justina consigliava di non fare appelli a Dio durante i parti distocici, ma di impegnarsi nel tentare l’impossibile.


riferimenti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *