L’Haemophilus influenzae tipo b e la storia del suo vaccino

L’Haemophilus influenzae tipo b e la storia del suo vaccino

Scansione al microscopio elettronico dell’Haemophilus influenzae. (Copyright Dennis Kunkel Microscopy, Inc.)

L’Haemophilus Influenzae tipo b, comunemente conosciuto come Hib, è un batterio che causa severe infezioni in modo particolare nei bambini. Nonostante il suo nome, esso non è collegato ad alcun virus influenzale: L’Hib fu trovato (dal batteriologo tedesco Richard Pfeiffer) in un gruppo di pazienti durante un’epidemia influenzale nel 1892, prima che gli scienziati scoprissero (nel 1933) che l’influenza era causata da un virus.

Il suo nome, sebbene portatore di confusione, ha conservato l’associazione con l’influenza.


la malattia

Un piccolo paziente affetto da infezione di Hib [https://redbook.solutions.aap.org/chapter.aspx?sectionid=88187152&bookid=1484]
I batteri Hib possono causare molti tipi di malattie invasive, tra cui meningite, polmonite, cellulite (infezione della pelle), artrite settica (infezione alle articolazioni) ed epiglottite (infezione dell’epiglottide, che causa ostruzione o chiusura della trachea). Prima che il vaccino Hib venisse introdotto, la meningite (infezione delle membrane che coprono il cervello) era la più comune malattia invasiva indotta da Hib. I sintomi comprendono febbre, torcicollo e stato mentale alterato. La meningite provoca un danno uditivo permanente o altre condizioni neurologiche nel 15-30% dei pazienti che ne sopravvivono.


trasmissione e trattamento

Haemophilus influenzae di tipo b in un neonato [http://www.imunisasi.net/Photo%20Hib.html]
I batteri Haemophilus influenzae di tipo b non possono sopravvivere su superfici o nell’ambiente. L’unico serbatoio conosciuto del batterio è l’uomo, che può portarlo senza ammalarsi.
Si pensa che si diffonda attraverso l’aria dalle goccioline respiratorie di individui malati. Fortunatamente, la sua capacità di diffusione è considerata limitata nella maggior parte dei casi, sebbene uno stretto contatto con un paziente infetto possa portare ad epidemie.
Gli antibiotici possono essere usati per trattare le infezioni da Hib, ma i batteri hanno sviluppato resistenza ad alcuni antibiotici.


prima e dopo il vaccino

Aspetto radiologico di una polmonite da Hib.

Prima della vaccinazione contro l’Hib, circa 20.000 bambini di età inferiore ai cinque anni  sviluppavano una grave malattia da Hib negli Stati Uniti ogni anno, e circa 1.000 di essi morivano. Per il 2006, il numero di casi di Hib segnalati era sceso a soli 29 ogni anno.
Oggi, mentre la maggior parte di casi mortali da Hib sono segnalati nei paesi in via di sviluppo in cui il vaccino Hib non è ampiamente utilizzato, i decessi si verificano ancora nei paesi sviluppati quando i tassi di vaccinazione scendono. Sette casi di malattia da Hib invasiva sono stati segnalati in Pennsylvania durante un periodo di sei mesi a partire dall’ottobre 2008. Solo uno dei bambini aveva ricevuto un vaccino Hib (e aveva ricevuto solo una delle dosi raccomandate). Tre dei bambini morirono.


storia del vaccino dell’Hib

Vaccino contro l’Hib

Il primo vaccino contro l’Hib concesso in licenza era un puro vaccino polisaccaridico, commercializzato per la prima volta negli Stati Uniti nel 1985. Simile ad altri vaccini polisaccaridici, la risposta immunitaria al vaccino era fortemente dipendente dall’età. I bambini sotto i 18 mesi di età non producevano una risposta positiva per questo vaccino. Di conseguenza, il gruppo di età con la più alta incidenza di Hib non era protetto, limitando l’utilità del vaccino. Il vaccino è stato ritirato dal mercato nel 1988.


Vaccino coniugato e vaccino combinato

tabella della copertura vaccinale in Italia contro l’Hib dal 2000 al 2013.

Le carenze del vaccino polisaccaridico hanno stimolato la produzione del vaccino coniugato con polisaccaridi Hib. Il collegamento del polisaccaride del Hib ad un trasportatore di proteine ​​ha notevolmente aumentato la capacità del sistema immunitario dei bambini di riconoscere il polisaccaride e sviluppare l’immunità.

Più combinazioni di Hib e altri vaccini sono state autorizzate negli Stati Uniti, riducendo il numero di iniezioni necessarie per vaccinare un bambino. Il vaccino Hib combinato con vaccini contro la difterite-tetano-pertosse-polio e vaccini contro l’epatite B sono disponibili negli Stati Uniti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha certificato diverse combinazioni di vaccini anti-Hib.

Globalmente, al 2013, il 98% delle nazioni membri dell’OMS ha adottato il vaccino contro l’Hib nei loro programmi di immunizzazione. La copertura vaccinale mondiale infantile è stata stimata del 52% nel 2013.


Riferimenti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *