La Polio Hall of Fame

LA POLIO HALL OF FAME

I leader nello sforzo contro la polio furono omaggiati all’apertura della “Polio Hall of Fame” il 2 gennaio 1958. Da sinistra: Thomas M. Rivers, Charles Armstrong, John R. Paul, Thomas Francis Jr., Albert Sabin, Joseph L. Melnick, Isabel Morgan, Howard A. Howe, David Bodian, Jonas Salk, Eleanor Roosevelt e Basil O’Connor. John F. Enders era malato e non poteva partecipare.

La Polio Hall of Fame (o “Polio Wall of Fame“) è costituita da un raggruppamento lineare di busti scolpiti di quindici scienziati e due laici che hanno dato importanti contributi alla conoscenza e al trattamento della poliomielite.

Si trova sul muro esterno di quella che viene chiamata Founder’s Hall del “Roosevelt Warm Springs Institute for Rehabilitation” a Warm Springs, Georgia, USA.
Progettati dallo scultore di origini italiane Edmond Romulus Amateis (1897-1981), i busti scolpiti sono stati fusi in bronzo e posizionati secondo uno schema lineare irregolare su una parete di marmo bianco. Amateis fu incaricato dalla Georgia Warm Springs Foundation di creare la Hall of Fame per la celebrazione del 20° anniversario dell’incorporazione della “National Foundation for Infantile Paralysis“.

L’INAUGURAZIONE

I busti della Polio Hall of Fame, da sinistra a destra.

Il 2gennaio 1958 il monumento fu inaugurato con una cerimonia alla presenza dell’artista e della quasi totalità degli scienziati ancora in vita. Eleonora Roosevelt, la vedova del presidente, rappresentò il suo defunto marito alla cerimonia.


GLI SCIENZIATI

Legenda degli scienziati rappresentati nella ‘Polio Hall of Fame’.
Gli scienziati rappresentati sono:
1) Jakob Heine (16aprile 1800, Lauterbach, Black Forest, Germania – 12novembre 1879, Cannstatt, Germany). All’ortopedico tedesco è attribuita la scoperta e la descrizione della paralisi infantile nel 1840.
2) Karl Oskar Medin (14agosto 1847 – 24dicembre 1927). A pediatra svedese è attribuita il riconoscimento e la descrizione della poliomielite come un’infezione acuta (1890).
3) Otto Ivar Wickman (10luglio 1872 – 20aprile 1914). Il medico svedese scoprì il carattere epidemico della poliomielite (1907) e coniò il termine malattia di Heine-Medin; ha anche mostrato un’elevata prevalenza di poliomielite non paralitica.
4) Karl Landsteiner (1868-1943). Premio Nobel per la scoperta dei gruppi sanguigni, ha anche scoperto il poliovirus e dimostrato la trasmissione nelle scimmie.
5) Thomas Milton Rivers (3settembre 1888 – 12maggio 1962). Il virologo statunitense fu il presidente del “Comitato sulla vaccinazione nazionale“, che pianificò le prove di successo sul campo del vaccino del 1954.
6) Charles Armstrong (26 settembre 1886 – 23giugno 1967). Medico del servizio sanitario pubblico statunitense, scoprì nel 1939 che il poliovirus può essere trasmesso ai “ratti del cotone” ed iniziò gli autotest con la vaccinazione con spray nasale.
7) John Rodman Paul (18aprile 1893 – 6maggio 1971). Il virologo statunitense diede contributi essenziali alla conoscenza della diffusione della poliomielite.

8) Albert Bruce Sabin (26agosto 1906 – 3marzo 1993). Il ricercatore statunitense di origine ebraiche-polacche fu leader nella ricerca di un vaccino contro la poliomielite e contribuì a mostrare come il virus raggiungeva il sistema nervoso centrale; Sabin sviluppò il vaccino orale, che era il più economico ed il più facile da distribuire.


gli scienziati

9) Thomas Francis Jr. (15luglio 1900 – 1ottobre 1969). Fu un epidemiologo presso l’Università del Michigan e tutor di Salk.
10) Joseph L. Melnick (9ottobre 1914 – 7gennaio 2001). L’epidemiologo statunitense sviluppò misure di immunità per le popolazioni esposte al virus.
11) Isabel Morgan (20agosto 1911 – 18agosto 1996). Fu una virologa statunitense che preparò un vaccino sperimentale da virus inattivato con formaldeide il quale proteggeva le scimmie dalla poliomielite paralitica.
12) Howard Atkinson Howe (29 luglio 1901 – 22dicembre 1976). Il medico statunitense fu il primo a dimostrare che gli scimpanzé possono contrarre la poliomielite per via orale; effettuò esperimenti su piccola scala nell’uomo con un vaccino trattato con formalina.
13) David Bodian (15maggio 1910 – 18settember 1992). Lo scienziato statunitense dimostrò che il virus entra nel flusso sanguigno prima di raggiungere il sistema nervoso centrale e quindi poteva essere bloccato dagli anticorpi nel sangue.
14) John Franklin Enders (10febbraio 1897 – 8settembre 1985). Lo scienziato statunitense aprì la strada alla ricerca di come coltivare i virus della poliomielite in colture di tessuti non nervosi, il che rese possibile la produzione di un vaccino sicuro ed efficace in grandi quantità.

15) Jonas Edward Salk (28ottobre 1914 – 1995). Il virologo statunitense sviluppò il vaccino che porta il suo nome.


riferimenti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *