La faccia oscura dell’Anatomia: Pernkopf ed il suo testo

La faccia oscura dell’Anatomia: Pernkopf ed il suo testo

L’atlante di Anatomia del PERNKOPF edito nel 1963/64 dalle ‘Editions Urban & Schwarzenberg‘ è un’opera di riferimento ed un lavoro troppo conosciuto dagli anatomisti, per il quale non c’è bisogno che mi sforzi ad elogiarlo tant’è l’ammirazione che esso suscita. Il suo valore scientifico, l’abbondanza della sua iconografia originale, il suo valore estetico e la qualità dell’edizione lo rendono una delle opere più apprezzate di tutta la biblioteca morfologica. Esso merita di essere conosciuto meglio in Francia da tutti quelli che ricercano un nuovo punto di vista anatomico rapido e preciso, illustrato con rigore. …

L’edizione francese resta il più possibile vicina all’edizione originale tedesca. Le correzioni sono state necessarie in ragione delle differenze dell’uso linguistico. L’ultima edizione tedesca dell’opera fa appello alla “Nomina Anatomica” regolarmente messa in opera (Oxford, Paris, New York, Wiesebaden). Essa è in latino e riportata come tale sulle magnifiche figure dell’opera. …

Dopo il successo dell’edizione tedesca, inglese, italiana e giapponese, una tale edizione francese era attesa. E’ con il più vivo piacere che io accolgo la proposta del Dottor Piccin di intraprendere questo lavoro ed affidare l’opera di traduzione al dottor S. Demetrian di cui conosco le capacità linguistiche e l’onestà intellettuale scrupolosa, qualità indispensabili per completare un tale lavoro.

[Prefazione all’opera in francese del professor Jacques Hureau (Chirurgo di Ospedali parigini, Membro dell’Accademia di Chirurgia, Direttore del Laboratorio di Anatomia dell’U.E.R. des Saint-Pères)]

Nel tradurre dal tedesco al francese l’Atlante di Pernkopf, noi abbiamo deciso di usare la nuova nomenclatura per  i titoli delle figure. D’altro canto, abbiamo conservato i nomi latini per i sotto-titoli; il lettore troverà la traduzione di tutti i nomi latini nell’indice dell’opera.

I nomi francesi nuovi sono stati estratti dal volume IV della versione francese dell’Atlante del Sobotta (tradotto da M. R. Barone, di Lione).

[Note dei traduttori: dott. Serge Demetrian e dott. Gilles Villey]


L’atlante del dott. Pernkopf

Quando la dottoressa Susan Mackinnon, chirurga dei nervi periferici e chirurga plastica (presso il Barnes-Jewish West County Hospital ed il St. Louis Children’s Hospital, St. Louis, MO, ndr), ebbe bisogno di aiuto per completare un’operazione, raggiunse, come spesso accade, un libro di anatomia della metà del XX secolo. Grazie alle complesse illustrazioni disegnate a mano – che mostrano il corpo umano “spellato” strato per strato – la dottoressa Mackinnon, dell’Università di Washington a St Louis, è stata in grado di completare la procedura.

Il libro che aveva usato, con il suono innocuo di “Pernkopf Topographic Anatomy of Man“, è ampiamente considerato il miglior esempio di disegni anatomici al mondo. È il più ricco di dettagli e di colore è più vivido di ogni altro.


il testo di anatomia

Pelle, muscoli, tendini, nervi, organi e ossa sono rivelati in dettaglio grafico. Non è per deboli di cuore. Ma il libro, spesso indicato come l’Atlante di Pernkopf, non è più in stampa e un set di seconda mano – ci sono diversi volumi – può essere venduto per migliaia di sterline online. Eppure, nonostante il suo pesante prezzo richiesto, pochi lo mostrerebbero orgogliosamente nella loro clinica, biblioteca o casa.

Questo perché i risultati del libro provengono dai corpi di centinaia di persone uccise dai nazisti. Sono i loro corpi – tagliati e sezionati – che sono mostrati su migliaia di pagine. I critici affermano che il libro è contaminato dal suo oscuro passato e gli scienziati hanno affrontato l’etica coinvolta nel suo uso.

La dott.ssa Mackinnon afferma di sentirsi a disagio con la sua origine, ma l’uso del libro è una parte cruciale dell’essere un “chirurgo etico” – e che non potrebbe fare il suo lavoro senza di esso.


un problema etico

Il rabbino Joseph Polak, sopravvissuto all’Olocausto e professore di diritto della salute, ritiene che il libro sia un “enigma morale” perché deriva dal “vero male, ma può essere usato al servizio del bene“.

Il libro era un progetto di 20 anni di un importante nazista e medico, Eduard Pernkopf, che fece carriera nelle fila accademiche austriache grazie al suo sostegno al partito di Adolf Hitler. I suoi colleghi lo descrissero come un “ardente” nazionalsocialista che, dal 1938, indossava un’uniforme nazista per lavorare ogni giorno. Quando fu nominato preside della facoltà di medicina dell’Università di Vienna, licenziò tutti i membri ebrei della facoltà (153 membri su un totale di 197), inclusi tre premi Nobel.

Nel 1939, una nuova legge del Terzo Reich assicurò che i corpi di tutti i prigionieri giustiziati fossero immediatamente inviati al dipartimento di anatomia più vicino per scopi di ricerca e insegnamento.


Il lavoro di Pernkopf

Eduard Pernkopf (24 novembre 1888 – 17 aprile 1955), al centro dell’immagine vestito di scuro, insieme ad i suoi ‘nazi-illustratori’.

Durante questo periodo Pernkopf ha lavorato per 18 ore al giorno per dissezionare i cadaveri, mentre un team di artisti ha creato immagini per il suo libro. A volte l’Istituto di anatomia era così pieno che le esecuzioni dovevano essere posticipate.

La dott.ssa Sabine Hildebrandt, della “Harvard Medical School“, afferma che almeno la metà delle 800 immagini dell’atlante proviene da prigionieri politici. Includevano omosessuali e lesbiche, zingari, dissidenti politici ed ebrei.

Nella prima edizione dell’atlante, pubblicata nel 1937, le firme degli illustratori Erich Lepier e Karl Endtresser includevano svastiche e le insegne a doppio fulmine delle SS.


Anatomia tra insegne naziste

Una firma di un’illustrazione del testo di Anatomia del Pernkopf che contiene una svastica tra il cognome dell’autore ed il nome tedesco della città di Vienna.

Anche l’edizione in due volumi in lingua inglese del 1964 includeva le firme originali inclusi i simboli nazisti. Le edizioni successive hanno cancellato le insegne naziste. Migliaia di copie dell’atlante sono state vendute in tutto il mondo ed è stato tradotto in cinque lingue. Le prefazioni e le introduzioni nei libri descrivono “disegni pittoricamente impressionanti … e opere d’arte eccezionali” mentre evitano qualsiasi menzione del loro passato sanguinoso. Fu solo negli anni ’90 che studenti e accademici iniziarono davvero a chiedersi chi fossero le persone nell’atlante. Dopo che la brutale storia fu rivelata, l’atlante uscì dalla pubblicazione nel 1994.

Il “Royal College of Surgeons” afferma che l’atlante non è in uso nel Regno Unito, a parte essere conservato dalle biblioteche per scopi storici.


etica e chirurgia

Il rabbino Polak h affermato alla BBC:

“Guardate la dott.ssa Mackinnon: non riusciva a trovare un nervo, eppure è la migliore nel suo campo. Una paziente le disse che avrebbe preferito che le avesse amputato la gamba se non riusciva a trovarle il nervo; e nessuno vuole che ciò accada. Così, a malincuore, la dottoressa chiese che le venisse portato l’atlante di Pernkopf. Trovò il nervo in pochi minuti proprio grazie a quelle illustrazioni. Mi chiese, come pensatore morale, della situazione. E le dissi che se questa paziente fosse guarita, allora non c’è dubbio che l’atlante poteva essere usato.”


Eduard Pernkopf

Pernkopf aveva iniziò i suoi studi presso la facoltà di Medicina dell’Università di Vienna nel 1907. In questo periodo era diventato membro della “Fraternità Accademica degli Studenti Germanici“, un gruppo di studenti con una forte persuasione nazionalista tedesca. Da studente aveva lavorato sotto Ferdinand Hochstetter, direttore dell’Istituto di anatomia dell’università. Hochstetter divenne il suo mentore e una delle figure che ha esercitato maggiore influenza sul suo “pensiero medico”. Nel 1912, Eduard Pernkopf conseguì la sua laurea in Medicina.

Nei successivi otto anni insegnò anatomia in varie istituzioni austriache. Egli prestò servizio militare per un anno durante la prima guerra mondiale. Nel 1920 tornò a Vienna per lavorare come uno degli assistenti di Hochstetter, tenendo lezioni agli studenti del primo e del secondo anno sul sistema nervoso periferico e quello cardiovascolare.


l’opera

Nel 1926 Pernkopf ottenne il titolo di professore associato, con una promozione a professore ordinario due anni dopo. Cinque anni dopo, nel 1933, successe formalmente a Hochstetter come direttore dell’istituto anatomico.

Il primo volume (due libri) dell’Atlante, contenente oltre 800 illustrazioni, fu pubblicato nel 1937, seguito dal secondo volume (due libri) nel 1943 e dal terzo volume (un libro) nel 1952. Il quarto ed ultimo volume (due libri) fu completato dopo la morte di Pernkopf
nel 1955 e pubblicato tra il 1956 e il 1960. Le edizioni inglesi dell’Atlante furono pubblicate nel 1963, 1980 e 1989 e l’opera è stata salutata in tutto il mondo come un classico “capolavoro” di bellezza insuperabile.


il lavoro

Pernkopf aveva iniziato il suo atlante nel 1933. Lavorava 18 ore al giorno dissezionando i cadaveri, insegnando nelle lezioni ed assolvendo le sue responsabilità amministrative, mentre un gruppo di artisti creava le immagini che alla fine sarebbero comparse nell’atlante. I suoi giorni iniziavano alle 5 del mattino, quando lasciava degli appunti in stenografia per la digitazione di sua moglie. Questi sono diventati il testo descrittivo che accompagnava le immagini.

All’inizio quattro artisti – Erich Lepier, Ludwig Schrott, Karl Endtresser e Franz Batke – hanno lavorato con Pernkopf. Lepier, il primo assunto di Pernkopf, aveva imparato in gran parte da solo dopo aver dovuto interrompere i suoi studi di architettura nell’attuale “Università della Tecnologia di Vienna” a causa della morte di suo padre, una circostanza simile a quella che aveva plasmato la scelta di carriera di Pernkopf. Gli altri tre avevano un certo grado di preparazione formale.


artisti istruiti da pernkopf

Al di fuori di questi quattro, alcuni altri artisti, principalmente membri familiari, come il padre di Schrott e la moglie di Batke, hanno contribuito con alcune foto durante i primi anni dell’atlante.

Pernkopf ordinò loro di dipingere gli organi che vedevano nel modo più dettagliato possibile, per farli sembrare tessuti viventi stampati. Ciò fu reso possibile da un trattamento speciale della carta utilizzata per le immagini ad acquerello che permise maggiori dettagli rispetto a quel tipo di pittura normale. L’unica deviazione da questo alto livello di realismo era l’uso del colore, in cui Pernkopf istruiva loro di usare tonalità più luminose di quelle trovate nei veri cadaveri in modo che un lettore potesse imparare meglio a riconoscere e distinguere i principali punti di riferimento anatomici.


fine del nazismo

Pernkopf fu arrestato dopo la guerra e licenziato dall’Università. Fu tenuto in un campo di prigionia alleato per tre anni ma non fu mai accusato di alcun crimine. Dopo il suo rilascio tornò all’Università e continuò il suo lavoro sull’atlante, pubblicando un terzo volume nel 1952. Egli morì nel 1955, poco prima della pubblicazione del quarto volume.

Più di 60 anni dopo, l’atlante è ancora una delle migliori risorse per le informazioni visive per lavori anatomici e chirurgici dettagliati, secondo la dottoressa Sabine Hildebrandt, che insegna anatomia. La dottoressa Hildebrandt sostiene che:

“Quelli di noi che hanno imparato a ‘vedere’ con esso lo usano ogni volta che si fanno delle domande. Nella chirurgia dei nervi periferici alcuni chirurghi trovano che sia una fonte unica ed insostituibile di informazioni”

Ma aggiunge anche:

“Personalmente non uso le immagini di Pernkopf nel mio insegnamento di anatomia a meno che non abbia il tempo di parlare della sua storia”.


Vedi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.