Il pallone AMBU ed il suo inventore: Henning Ruben

IL PALLONE ‘AMBU’ ED IL SUO INVENTORE: Henning Ruben

il pallone AMBU

Nel 1954, una carenza di forniture di ossigeno negli ospedali danesi spinse il dott. Henning Ruben ad inventare il primo pallone rianimatore auto-espansibile, la Air Mask Bag Unit (“AMBU“). Originariamente costruito su un telaio di raggi di bicicletta, il pallone riprende forma dopo ogni compressione, si ricarica automaticamente con aria non respirata. Una valvola di gonfiaggio (“non-rebreathing“) consente all’operatore di mantenere la maschera saldamente in posizione sul naso e sulla bocca del paziente, impedendo al paziente di respirare nuovamente l’anidride carbonica espirata.


Ruben ed il pallone ambu

Henning Ruben (19014-2004)

L’anno seguente, il d Ruben introdusse una valvola non-rebreathing leggermente modificata per i pazienti in anestesia pediatrica.
Un’azienda danese, la “Testa Laboratory“, produsse i primi palloni AMBU che furono messi in commercio nel 1957.

Il danese di origini ebraiche Henning Ruben (1914-2004) fu in gioventù ballerino (tango, particolarmente), prestigiatore ed atleta (vinse con la nazionale danese una medaglia di bronzo ai campionati mondiali di scherma a Monte Carlo nel 1939). Nel 1938 ottenne la qualifica di dentista. Egli voleva diventare medico e si iscrisse alla Facoltà di Medicina di Copenaghen. Durante il conflitto bellico fu un partigiano anti-nazista e nel 1943 riuscì a scappare in Svezia dove lavorò come dentista per due anni.


ruben, un personaggio e scienziato poliedrico

A fine guerra, tornò in Danimarca e si laureò in Medicina nel 1946. Nel 1949, dopo aver viaggiato ed essersi specializzato in Svezia e Gran Bretagna, Ruben iniziò a lavorare come anestesista presso l’Ospedale Gentofte e l’Istituto Finsen di Copenaghen. Agli inizi degli anni cinquanta perfezionò ulteriormente le sue conoscenze negli USA.
Ritornato un’altra volta in Danimarca, Ruben si mise a lavorare, insieme ad un ingegnere, il dott. Holger Hesse, alla costruzione di strumenti per la rianimazione, in particolar modo alle valvole ‘non-rebreating’, riuscendo a creare uno degli strumenti ancor oggi più famosi ed usati nel campo della Rianimazione cardio-polmonare, il pallone AMBU, appunto.


VEDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *