Esordi delle iniezioni endovena

PRIME INIEZIONI ENDOVENA DELLA STORIA

L0009860 J. S. Elsholtz, “Clysmatica nova“.
Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images
images@wellcome.ac.uk
http://wellcomeimages.org
Injection into forearm and leg.
Clysmatica nova
Elsholtz, Johann Sigismund
Published: 1667
Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

L0019307 Title page from “Clysmatica nova“, 1667
Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images
images@wellcome.ac.uk
http://wellcomeimages.org
title page
Engraving
Clysmatica nova
Elsholtz, Johann Sigismund
Published: 1667
Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

Johann Sigismund Elsholtz (1623 – 1688) fu un alchimista e naturalista tedesco che studiò presso le università di Wittenberg, Königsberg e Padova, dove ottenne il dottorato nel 1653.
Elsholtz fu stato un pioniere nel campo dell’igiene e della nutrizione, e nei suoi scritti sulla salute sottolineava l’importanza di aria e acqua pulite, cibi e bevande sani ed anche pulizia personale.
Nella sua opera del 1665 “Clysmatica Nova“, egli studiò le possibilità di iniezione endovenosa. Eseguì le prime ricerche sulle trasfusioni di sangue e sulla “terapia infusionale“. Elsholtz ipotizzava che un marito con una “natura malinconica” potesse essere rivitalizzato dal sangue della sua “moglie vibrante“, portando così ad un matrimonio armonioso.


RIFERIMENTI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.