Elise l’Esperance, una paladina nella prevenzione dei tumori

Elise l’Esperance, una paladina nella prevenzione dei tumori

Elise L’Esperance con la statuetta del “1951 Albert Lasker Clinical Medical Research Award”. http://www.laskerfoundation.org/awards/show/preventive-cancer-detection-clinics/#_

Elise Depew Strang L’Esperance (1878–1958) è stata una patologa e medico americana, una pioniera nello stabilire un modello preventivo di cura del cancro. Essa fu una patologa nota per aver istituito cliniche di prevenzione del cancro a New York. Fondò due cliniche: la “Strang Tumor Clinic” nel 1932 e la “Strang Cancer Prevention Clinic” nel 1937, che operava al di fuori della “New York Infirmary“. Nel 1940, L’Esperance aprì un secondo ramo della “Strang Cancer Prevention Clinic” presso il “Memorial Center for Cancer and Allied Diseases“.

Durante la sua carriera medica, L’Esperance ha pubblicato le sue ricerche in modo prolifico, essendo accreditata per circa 30 articoli su riviste mediche.

Elise L’Esperance era nata a Yorktown, New York, da Albert Strang, medico e Kate Depew Strang. Ispirata da suo padre, ella perseguì la carriera in Medicina e frequentò il “Woman’s Medical College dell’Infermary for Women and Children” di New York, dove ha conseguito la sua laurea in Medicina nel 1900. Interessata alla pediatria, L’Esperance ha trascorso un anno a lavorare presso il “Babies Hospital” di New York.


Dalla Pediatria alla Patologia

Da sinistra a destra: Elise L’Esperance, Florence Sabin e Catherine Macfarlane con il loro ‘Lasker Award’.

In seguito, lavorò per due anni presso uno studio pediatrico privato a Detroit, nel Michigan.  Nel 1908, si rivolse alla ricerca medica. In effetti, era così affascinata da questo campo che nel 1910 prese un lavoro come assistente tecnico presso la “Cornell University Medical College” solo per poter studiare con il Dr. James Ewing, un noto ricercatore di cancro. Nel 1914, prese un congedo di sei mesi per studiare patologia a Monaco, in Germania, con una borsa di studio intitolata alla dottoressa Mary Putnam Jacobi (1842-1906). I risultati del suo lavoro in Germania sull’epatoma maligno furono pubblicati nel “Journal of Medical Research” nel 1915. Il suo lavoro fu molto produttivo e dal 1912 al 1920, la dottoressa L’Esperance fu un rispettato istruttore di patologia presso la Cornell.

Nel 1920 divenne professoressa di patologia alla “Cornell University Medical College“. Nel 1946, fu la prima redattrice del “Journal of American Medical Women’s Association“. Nel 1948-1949, fu presidentessa dell’American Medical Women’s Association.


UNA SPERANZA CONTRO UNA MALATTIA SCONOSCIUTA

Elise Depew Strang L’Esperance (1878–1958).

Fondando le sue cliniche per la prevenzione del cancro, L’Esperance era convinta che il modo migliore per prevenire lo sviluppo del cancro in tumori maligni risiedesse nella diagnosi precoce attraverso l’uso delle più moderne tecniche per gli esami fisici. Le cause del cancro, dopo tutto, rimanevano sconosciute. Lei si sforzò di mettere in atto il suo “piano provvisorio per dimostrare l’efficacia della prevenzione e della diagnosi precoce” del cancro. In tal caso, sosteneva che il suo approccio “avrebbe potuto diventare una componente pratica del servizio medico-sanitario“. L’obiettivo di questa nuova clinica era identificare i tumori in fase precoce e le condizioni pre-cancerose perché, secondo L’Esperance, “il trattamento efficace è quello istituito in un momento in cui il processo è localizzato“. La clinica era un qualcosa di nuovo nel suo genere negli Stati Uniti nella gestione di un “esame fisico completo delle donne, con particolare riferimento al cancro“. La Clinica di prevenzione del cancro trattava i pazienti. I pazienti con diagnosi di potenziale cancro venivano indirizzati ai loro medici personali.


L’esame Fisico di L’Esperance

Alcune note biografiche di Elise L’Esperance (tratte dal libro “Women in Medicine: An Encyclopedia“, pag. 128 di Laura Lynn Windsor)

L’esame obiettivo presso le cliniche di L’Esperance comprendeva in genere esami della bocca, del naso, della gola, pelvici e rettali, analisi delle urine, esami del sangue e una radiografia completa del torace.

L’Esperance rimaneva vigile nell’aggiunta di nuove tecniche non appena diventavano disponibili per la diagnosi precoce della malattia. Questi includevano un test per il diabete e una tecnica ideata dal medico greco George Papanicolaou (1883-1962) per rilevare il cancro cervicale (oggi noto come “Pap Test“). Quest’ultimo ha portato all’uso duraturo del Pap test come parte di un normale esame ginecologico.


un vera e propria missione

1949: nella foto, la dottoressa Margaret McEachern, primaria di otorinolaringoiatria alla “Women’s College Hospital” (WCH), esamina una studentessa infermiera presso la “Cancer Detection Clinic“. 

La missione delle cliniche della prevenzione del cancro della dottoressa L’Esperance includeva l’educazione dei pazienti sull’importanza degli esami fisici di routine per identificare precocemente il cancro. Le cliniche erano inoltre impegnate ad avvisare i pazienti di quelli che erano considerati “fattori predisponenti” per il cancro.

Tra questi fattori, L’Esperance includeva l’uso “eccessivo di tabacco e altre sostanze irritanti croniche”.

In conclusione, l’idea che sembrava rivoluzionaria nel 1932 divenne, grazie al lavoro ed alla tenacia della dottoressa Elise L’Esperance, completamente routinaria, al punto che nell’arco di quindici anni furono aperte 181 cliniche del genere in trenta stati e nelle maggiori città degli USA.

Oltre al Lasker Award, L’Esperance ha ricevuto la “medaglia Clemente Cleveland” del New York City Cancer Committee nel 1942, diventando la prima donna ad ottenere questo onore.


Vedi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.