Breve storia delle Fistola Vescico-Vaginale

Breve storia delle Fistola Vescico-Vaginale

Fistola vescico-vaginale (https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/3/3a/Vesicovaginal_Fistula.png/1200px-Vesicovaginal_Fistula.png)

La prima evidenza di una Fistola Vescico-Vaginale fu riscontrata nel 1923, allorchè Derry esaminò il corpo mummificato di Henhenit, una signora nella corte di Mentuhotep dell’11^ dinastia che regnò intorno al 2050 aC. Queste dissezioni hanno rivelato una grande fistola in un bacino molto contratto.

I papiri Kahun e Ebers papyrus non fanno menzione di fistole vescico-vaginali. Tuttavia, non fu prima del 950 dC che Avicenna correlò la combinazione della gravidanza in giovane età e il lavoro pesante con la formazione di una comunicazione vescico-vaginale. Il termine fistola (precedentemente chiamato ruptura) non fu utilizzato fino al 1597, quando Luiz de Mercado coniò il termine.

I primi principi chirurgici di base per la riparazione delle fistole vescico-vaginali furono descritti nel 1663 da Hedrik von Roonhuyse. Egli pose l’accento sull’uso di uno speculum e della posizione di litotomia per ottenere un’adeguata esposizione e denudazione del margine della parete della vescica, con riapprossimazione dei margini utilizzando penne di cigno appuntite. Più tardi, usando la tecnica di von Roonhuyse, Johann Fatio documentò la prima riparazione di successo nel 1675. Tuttavia, non fu prima del diciannovesimo secolo  che la riparazione di successo delle fistole vescico-vaginali diventò comune.

Nel 1834, Jobert de Lamballe pubblicò un resoconto delle sue riparazioni in cui venivano usati nella vagina dei lembi cutanei. Successivamente, egli sostenne l’uso di chiusure prive di tensioni utilizzando incisioni di rilascio vaginale. [1]

James Marion Sims ha pubblicato il suo famoso discorso sul trattamento delle fistole vescico-vaginali nel 1852. [2] Utilizzando il filo di piombo o argento, come John Peter Mettauer aveva fatto con successo nel 1838, Sims raggiunse il successo nel suo 30° tentativo chirurgico su uno schiava chiamato Anarcha. Sims sottolineò l’importanza di una buona esposizione, una adeguata resezione della fistola e dei bordi vaginali sfregiati, oltre all’importanza fondamentale del drenaggio post-operatorio continuo della vescica. Sims screditò la popolare tecnica della coagulazione (con l’applicazione di nitrato d’argento), affermando che essa era inefficace, tranne nel raro caso di una piccola fistola.

Nel 1861, Maurice Collis è stato il primo a riportare una tecnica di chiusura a strati [3] e nel 1893, Schuchardt descrisse un’incisione pararettale per facilitare un’esposizione migliore per la riparazione di una fistola posizionata in alto. [4] Friedrich Trendelenburg, nel 1881-1890, descrisse un approccio suprapubico. [5] Maisonneuve [6] e Mackenrodt [7] descrivono ciascuna la tecnica chiave che comportava la separazione della vescica dalla mucosa vaginale e la sutura di ciascun strato individualmente. Il famoso ginecologo Dr. Howard Atwood Kelly descrive anche una riparazione vaginale di fistola vescico-vaginale nel 1896 e una chiusura suprapubica nel 1906. Il dottor Kelly ha inoltre sostenuto l’uso di cateteri uretrali preoperatori per ridurre al minimo il rischio di lesioni uretrali.

Durante i primi anni del XX secolo, sono state utilizzate diverse tecniche aggiuntive per migliorare l’esito della riparazione della fistola vescico-vaginale. Nel 1942, Latzko pubblicò la sua tecnica di colpoclesi [letteralmente chiusura della vagina] parziale per la riparazione di fistola vescico-vaginale post-isterectomia, in cui egli usò la resezione di mucosa vaginale cicatrizzata e una chiusura orizzontale a strati. [8] La procedura di Latzko è stata citata, con i suoi tassi di successo del 95-100% rilevati, nelle numerose esperienze dei chirurghi. Nel 1950 O’Conor e Stovsky hanno reso popolare l’approccio transaddominale e hanno anche proposto l’uso dell’elettrocoagulazione come modalità di trattamento iniziale in donne con fistola vescico-vaginale di 3,5 mm o meno, citando un tasso di successo del 73%.Inoltre, numerosi chirurghi sono accreditati per lo sviluppo di vari lembri per interposizione tra la parete della vescica e delle pareti vaginali per minimizzare i fallimenti delle riparazioni di fistole vescico-vaginali. L’elenco comprende Garlock nel 1928 [9] (lembo peduncolato del muscolo gracile), Martius nel 1928 [10] (lembo peduncolato del muscolo bulbocavernoso), Ingelman-Sundberg nel 1960 [11] (pubococcigeo, bulbocavernoso, rectto addominale e gracile) e Goldstein nel 1972 [12] (lembi peduncolati omentali).Questo excursus storico dei progressi chirurgici non è affatto completo. Numerosi chirurghi non elencati in precedenza hanno contribuito a sensibilizzare la fistola vescico-vaginale al pubblico e alla comunità medica, contribuendo notevolmente alla ricerca e alla gestione chirurgica di questa condizione morbosa.


tradotto da:

https://emedicine.medscape.com/article/267943-overview#a6


Bibliografia:

  1. Jobert de Lamballe AJ. Balliere, Fils, eds. Traite Des Fistules Vesico-Uterines. Paris, France: 1852.
  2. Sims JM. On the treatment of vesico-vaginal fistula. 1852. Int Urogynecol J Pelvic Floor Dysfunct. 1998. 9(4):236-48. [Medline].
  3. Collis M. Further remarks on a new successful mode of treatment for vesicovaginal fistula. Dublin Q J. 1861. 31:302-16.
  4. Schuchardt K. Eine neue Methode der Gebarmutterextirpation. Zentralbl Chir. 1893. 20:1121.
  5. Trendelenburg F. Discussion zu Helferich. Zuganglichmachung der vorderen Blasenwand. Verbandlung der Deutsche ges F Chir. 1888. 17:101.
  6. Maisonneuve J. Clinique Chirurgicale. Paris, France: 1863. 660.
  7. Mackenrodt A. Die operative Heilung grosser Blasenscheidenfisteln. Zentralbl Gynakol. 1894. 8:180.
  8. Latzko W. Postoperative vesicovaginal fistulas: genesis and therapy. Am J Surg. 1942. 58:211-8.
  9. Garlock J. The cure of an intractable vesicovaginal fistula by the use of pedicled muscle graft. Surg Gynecol Obstet. 1928. 47:255.
  10. Martius H. Die operative Wiederher-stellung der Volkmmen fehlenden Harnrohre und des Schliessmuskels derselben. Zentralbl Gynakol. 1928. 8:480.
  11. Ingelman-Sundberg AGI. Pathogenesis and operative treatment of urinary fistula in irradiated tissue. Youssef A, Thomas CC, eds. Gynecological Urology. Springfield, Ill: Charles C Thomas Publishers; 1960. 263.
  12. Kiricuta I, Goldstein AM. The repair of extensive vesicovaginal fistulas with pedicled omentum: a review of 27 cases. J Urol. 1972 Nov. 108(5):724-7. [Medline].

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *