Breve storia dell’Antigene Australia

BREVE STORIA DELL’ANTIGENE AUSTRALIA

particolari dell’Antigene Australia al microscopio elettronico

La sigla “HBsAg” sta per “Hepatitis B surface antigen“. Si tratta dell’antigene di superficie dell’epatite B, anche conosciuto come antigene Australia.
L’HBsAg fu scoperto nel 1963 dal medico premio Nobel Baruch S. Blumberg presso il National Institutes of Health (Istituti Nazionali di Sanità, abbreviati in NIH, sono un’agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti) e viene comunemente indicato come antigene Australia, in quanto venne isolato per la prima volta nel siero di una persona aborigena australiana.
Il virologo Alfred Prince nel 1968 scoprì che l’antigene faceva parte del virus che causava l’epatite da inoculazione.
Nel 1980 fu immesso in commercio l’Heptavax, un vaccino di “prima generazione” per l’epatite B. Il vaccino fu allestito con HBsAg estratta dal plasma di soggetti affetti da epatite.
Gli attuali vaccini sono allestiti con HBsAg ricombinante coltivati su lieviti.


Baruch S. Blumberg e l’antigene australia

Baruch S. Blumberg aveva studiato biochimica ad Oxford negli anni cinquanta del novecento e si era interessato all’antropologia genetica. Blumberg voleva raccogliere, misurare e categorizzare i geni umani e collegare le variazioni genetiche negli esseri umani alla diversa suscettibilità alle malattie.
Un antigene del sangue che lo affascinava in modo particolare risultava presente in molti aborigeni australiani e si trovava di frequente anche in popolazioni asiatiche ed africane, mentre era pressochè assente negli europei e negli americani. Sospettando che questo antigene fosse l’impronta digitale di un antico fattore genetico ereditario per famiglie, Blumberg lo chiamò “Antigene Australia” (Au).
Ma Blumberg si accorse successivamente (1966) di una strana correlazione: gli individui che avevano l’Antigene Australia spesso soffrivano di un’epatite cronica.

Baruch Samuel Blumberg (New York, 28luglio 1925 – Mountain View, 5aprile 2011)

tratto da:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.