Arthur Ernest Guedel, un pioniere dell’anestesiologia

Arthur Ernest Guedel, un pioniere dell’anestesiologia

Arthur Ernest Guedel (13 giugno 1883 – 10 giugno 1956)

Arthur Ernest Guedel (13 giugno 1883 – 10 giugno 1956) è un anestesista americano. Egli è noto per i suoi studi sull’assorbimento e la distribuzione di anestetici inalatori, nonché per la definizione delle varie fasi dell’anestesia generale.

Durante la sua adolescenza, egli ebbe un incidente in cui subì amputazione di tre dita dalla mano destra. La sua famiglia non fu in grado di permettersi il liceo, così Arthur studiò da solo e successivamente venne  ammesso alla “Indiana Medical College of Purdue” a Indianapolis, che sarebbe poi diventata Indiana University School of Medicine, nel 1903. Guedel si laureò nel 1908Egli iniziò la sua pratica generale a Indianapolis nel 1909 e guadagnò ulteriore esperienza fornendo anestesia in ospedali e studi dentistici. Arthur Ernest Guedel fu un osservatore eccezionale, che cercò di analizzare attentamente cosa poteva succedere con i suoi pazienti anestetizzati, pensando alle possibili soluzioni dei problemi.


la carta di guedel

una cartella anestesiologica di Guedel.

Un esempio del suo contributo è il suo lavoro sui segni dell’anestesia. I vari dispositivi che ci dicono come stanno oggi i pazienti anestetizzati, come gli elettrocardiogrammi, i dispositivi per la pressione sanguigna ed i saturimetri, non erano disponibili quando Guedel iniziò a fare l’anestesia. Erano accettati quattro stadi di anestesia:
Fase I: induzione, l’inizio della somministrazione fino alla perdita di coscienza.
Fase II: Lottare, trattenere il respiro, delirio, dalla perdita di coscienza all’esordio dell’anestesia chirurgica.
Fase III: anestesia chirurgica, caratterizzata da respirazione automatica profonda e regolare.
Fase IV: paralisi bulbare, respiro irregolare, le pupille non rispondono più alla luce.

I contributi di Guedel furono di espandere queste osservazioni e cercare altri segni fisici. Egli definì meglio lo stadio III, il livello al quale la chirurgia poteva essere eseguita, dividendola ulteriormente in quattro piani e aggiungendo segni oculari. Ciò ha migliorato la sicurezza del paziente contribuendo a chiarire quando il paziente era troppo “sedato” e a rischio di  morte per overdose anestetica.


un maestro OBBLIGATO dagli eventi

il laringoscopio di Guedel (https://www.woodlibrarymuseum.org/museum/item/768/guedel-laryngoscope)

L’evoluzione di questi progressi si ebbe con il servizio di Guedel presso l’esercito americano durante la Prima guerra mondiale in Francia. L’esercito non aveva anestesisti quando gli Stati Uniti entrarono in guerra ed il numero dei feriti era ingente. Dopo aver lavorato per 72 ore consecutive con altri tre medici ed un dentista, e aver bisogno di eseguire fino a 40 tavoli operativi per volta, Guedel decise che era necessario addestrare altro personale. Sviluppò una scuola che insegnava a medici, infermieri e infermieri a somministrare l’anestesia. Ma come avrebbe potuto aiutare i suoi allievi a fare un’anestesia sicura una volta usciti dalla scuola? Preparò una piccola carta della sua versione dei segni e degli stadi dell’anestesia dell’etere, l’agente più comune in uso al momento e uno con un ampio margine di sicurezza.


 l’anestesista in motocicletta

Arthur Ernest Guedel e la sua macchina anestetica in sala operatoria; dal Zakheim mural.

Questa cartella era una versione visiva dei concetti che Guedel aveva sviluppato prima del suo servizio militare. Armati delle loro carte, i tirocinanti si recavano negli ospedali vicini per lavorare da soli. Guedel acquistò una moto in modo da poter fare turni settimanali dei sei ospedali di cui era responsabile. Viaggiava di ospedale in ospedale attraverso il fango profondo che caratterizzava i campi di battaglia della prima guerra mondiale, controllando i suoi allievi. Egli era conosciuto come “l’anestesista in motocicletta” della prima guerra mondiale.

Dopo il suo ritorno negli Stati Uniti nel 1919, egli presentò la sua cartella ai meeting. Nel 1920, scrisse un articolo sui suoi segni per un giornale di anestesia. Altri articoli apparvero nel 1935 e nel 1936, mentre il libro di Guedel, Inhalation Anesthesia: A Fundamental Guide, venne pubblicato nel 1937.


guedel in california

Nel 1929, il dottor Guedel si trasferì da Indianapolis a Los Angeles. Egli continuò le sue osservazioni accurate e lavorò per risolvere importanti problemi di carattere anestesiologico.

Egli collaborò con altri, soprattutto il Dr. Ralph Waters di Madison-Wisconsin (considerato il padre dell’anestesiologia accademica) e il farmacologo Dr. Chauncey Leake, allora presidente della farmacologia della UCSF. Guedel viaggiava da Los Angeles a San Francisco per vari progetti di ricerca presso l’UCSF. Appare anche nei murales di Bernard Zakheim alla UCSF. I documenti ora disponibili negli archivi UCSF documentano molti altri contributi fatti da questo importante anestesista.


ALTRI GRANDI CONTRIBUTI DI GUEDEL

cannule orofaringee di Guedel.

Lavorando con il produttore Richard von Foregger, il Dr. Arthur E. Guedel progettò il suolaringoscopio tra il 1930 e il 1935. L’angolo acuto della lama rende più facile per l’anestesista osservare il tubo mentre viene inserito, e rende più facile tirare la lama verso l’alto e fuori senza problemi in seguito.
Guedel descrisse le sue cannule appena sviluppate di recente nel 1933. Rispetto alle cannule per via orale fatte di metallo, quelle in gomma di Guedel presentavano meno rischi di lesioni alla bocca del paziente durante l’inserimento. Le sue cannule sono diventate così popolari che anche oggi cannule orofaringee di design simile vengono spesso chiamate “cannule di Guedel“.


RIFERIMENTI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *