Arte e Medicina: il giorno di visita in ospedale (1889)

Arte e Medicina: il giorno di visita in ospedale (1889)

Jean Geoffroy, pittore e illustratore, è nato a Marennes nel 1853, morto a Parigi nel 1924 dove il suo epitaffio al cimitero di burattino precisa che fu il “pittore dei bambini e degli umili“.

Umile e laborioso lo fu anche lui, che visse con le persone e gli  scugnizzi che gli servivano da modelli. Dopo aver seguito i corsi di incisione e litografia presso Eugene Levasseur, Geoffroy espone regolarmente al “Salon de peinture et de sculpture” a partire dal 1874.
Il pittore, che alloggiava in rue du Faubourg-du-Temple, riuscì osservare la povertà nella sua pienezza, ed i titoli delle sue tele lo testimoniano: “gli sfortunati” (1883), “gli affamati” (1886).

Il giorno di visita a l’ ospedale (1889) consacrò Geoffroy, che si firmava “Geo“, pittore di malattia, miseria e morte; ma l’opera è anche un inno al progresso medico. Le Jour de la visite à l’hôpital (Altezza 120,0 ; Lunghezza 95,0 cm.) è oggi ospitato al Museo d’Orsay di Parigi. L’opera fu acquistata dal Ministero della Pubblica Istruzione e delle Belli Arti nel 1889.

Un altra opera da citare è il “Noël des petits au dispensaire de la Goutte de Lait de Belleville”  (1908, Museo dell’assistenza pubblica).


tratto da:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.