Alcune notizie sul vaccino contro il virus del papilloma umano

ALCUNE NOTIZIE SUL VACCINO CONTRO IL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO

Al 2015, negli USA, Il virus del papilloma umano (HPV) è responsabile di oltre l’80% dei tumori cervicali nelle donne e il 70% dei cancri della gola negli uomini.
La nostra comprensione di questo virus è iniziata con gli studi su “corni” di conigli selvatici infetti e si è spostata in altre specie tra cui le scimmie scoiattolo, i topi e attualmente i delfini (che possono ottenere più infezioni di papillomavirus). 


la scoperta del papillomavirus

L’immagine 1 mostra il quadro di una papillomatosi sul coniglio selvatico. Le immagini 2,3 e 4 mostrano papillomatosi sperimentale su coniglio domestico infettato per scarificazione .

Il virologo statunitense Richard Edwin Shope (1901-1966) identificò nel 1933 lo ‘Shope virus‘, conosciuto anche come cottontail rabbit papilloma virus (CRPV) o Kappapapillomavirus 2 sulle protuberanze di conigli selvatici cacciati nello Iowa. Egli inoculò il virus su conigli domestici trasmettendone la condizione patologica (papillomatosi).

Nel 1935, il virologo statunitense Francis Peyton Rous (1879-1970) descrisse la progressione delle verruche papillomatose in cancro, per cui ricevette il premio Nobel nel 1966. Tuttavia, non fu fino al 1995 che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) dichiarò che gli HPV (Human Papilloma Virus) 16 e 18 erano cancerogeni.


un virus che causa tumori

il dott. Harald zur Hausen.

Infatti, nel 1977, il virologo tedesco Harald zur Hausen (nato nel 1936) pubblicò la prima ricerca che collegava il papillomavirus direttamente al cancro del collo dell’utero, che fu confermato nei primi anni ottanta quando isolò due tipi di HPV precedentemente sconosciuti – HPV 16 e 18 – da tessuti cancerosi. I risultati sono stati innegabili, e in seguito il ricercatore ha scoperto che questi due tipi di HPV sono specificamente responsabili del 70% dei tumori cervicali nelle donne. Il restante 30% è causato da 13 altri tipi di HPV.  Il motivo per cui ci è voluto così tanto tempo per confermare che i virus possono causare il cancro è essenzialmente perché i virus sono necessari ma non sufficienti a causare il cancro cervicale. La maggior parte delle infezioni da HPV non provoca il cancro – la maggior parte viene eliminata dal sistema immunitario o semplicemente non è pericolosa.


alla ricerca del vaccino

Nel 1937, Shope notò che i conigli che avevano superato un’infezione da CRPV erano immuni alla reinfezione. Utilizzando CRPV nei conigli, BPV (Bovine papilloma virus) nei bovini e papillomavirus orale canino, i ricercatori hanno scoperto che, a prescindere dall’animale, era possibile proteggere dal papillomavirus. Così è stato possibile fermare lo sviluppo dei papillomi o dei tumori attraverso vari metodi di immunizzazione.

La creazione di un vaccino era problematica perché anche il DNA del virus disattivato può causare il cancro. Inoltre, ciascun papillomavirus può essere coltivato solo nelle rispettive specie ospiti. Vaccini specifici per le specie animali sono stati creati negli anni novanta per conigli, mucche e cani utilizzando il guscio esterno del virus con un’efficacia del 90%.


scoperta del vaccino umano

 


vedi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.