Una guarigione miracolosa della medicina teurgica nell’antica Roma

Una guarigione miracolosa della medicina teurgica nell’antica Roma

Il Grutero (Jan Gruter, filologo e storico fiammingo vissuto a cavallo tra il XVI e XVII secolo, ndr) fu il primo a trar copia di quelle [iscrizioni] ritrovate nelle vicinanze di Roma nell’isola del Tevere, dove era anticamente un Tempio di Esculapio. L’Hundertmark le fece incidere in rame e le illustrò assai dottamente.

Eccone la versione:

“In questi giorni, ad un certo Gaio cieco fu dato quell’oracolo, che si recasse al sacro altare, e si mettesse a pregare; dalla parte destra passasse alla sinistra, e ponesse le cinque dita sopra l’altare e che alzasse la mano e l’applicasse sopra i propri occhi e recuperò la vista alla presenza del popolo giulivo e congratulante perchè accadevano grandi prodigi sotto il nostro Augusto Antonino”.


vedi: 
  • tratto da “Storia Prammatica della Medicina” di K. Sprengel

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.