L’inizio della fine per il cancro della cervice uterina

L’INIZIO DELLA FINE PER IL CANCRO DELLA CERVICE UTERINA

A Controlled Trial of a Human Papillomavirus Type 16 Vaccine“: questo articolo del 2002 della dottoressa Laura A. Koutsky e colleghi (Università di Washington) marcò il culmine dei un’esplorazione ventennale che era iniziata con l’identificazione del collegamento tra i virus del papilloma umano (HPV) e il cancro della cervice uterina.

I risultati di questo studio in doppio cieco randomizzato sul 2392 giovani donne furono rimarchevoli – 100% di efficacia nel ridurre l’incidenza del cancro cervicale correlato all’HPV 16 circa un anno e mezzo dopo completamento del regime di vaccinazione.


il vaccino

dottoressa Laura A. Koutsky


Quattro anni dopo, la FDA (Food and Drug Administation) licenziò un vaccino quadrivalente per l’HPV finalizzato a donne tra i 9 ed i 26 anni nella prevenzione dei cancri cervicale, vulvare e vaginale.
Sebbene molto rimanesse da fare per determinare le linee guida per il cancro cervicale, lo screening entrò nell’era della vaccinazione, e lo sviluppo del vaccino contro l’HPV segnalò un inizio possibile per la fine del cancro della cervice uterina. I dati dello studio hanno fornito la prova di un vaccino profilattico altamente efficace contro l’infezione da HPV. Un regime di tre dosi di vaccino HPV-16 ha ridotto l’incidenza dell’infezione persistente da HPV-16; tutti i 41 casi di nuova infezione da HPV-16, inclusi 9 casi di neoplasia intraepiteliale cervicale correlata all’HPV-16, si sono verificati tra i riceventi placebo (efficacia del vaccino del 100 per cento).


vedi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.