LA COPPETTAZIONE IN SALSA RUGBISTA

PER LA SERIE LE CIALTRONATE DEL #GIORNALISMO:
la #gazzettadellosport

coppettazione

Questa vecchia pratica di tentativo terapeutico praticato nelle antiche civiltà, come quella Greca e Romana, si chiama coppettazione. L’uso di coppette con azione aspirante si riteneva potesse eliminare la cosiddetta “materia peccans”, cioè la supposta causa di malori vari.
La coppettazione era fortemente praticata, insieme ai salassi e le purghe fino a quando la teoria medica dei “4 umori” andava per la maggiore. La teoria umorale è ufficialmente morta nella metà dell’ottocento con la pubblicazione del testo “La Patologia Cellulare” di R. Virchow.
La scienza ne ha mostrato l’infondatezza terapeutica: l’effetto aspirante delle coppette può essere al massimo deleterio sulla cute, ma mai benefico sull’organismo.
Ancora una volta, quando i giornali si trovano di fronte a delle notizie senza alcun valore, provano a darne un connotato scientifico solo perchè queste pratiche hanno un nome esotico (in questo caso perfino a carattere religioso) e sono praticate da cosiddetti VIP (in questo caso dello sport).

– Ora, che dire agli amici della www.gazzetta.it se non:

“A cazzari, scrivete quello che volete, ma evitate per lo meno di usare termini come pulizia del sangue e cura nei vostri titoli”


Per completezza riporto la seguente citazione tratta dal Libro II, cap. 11 del “De Medicina” di A. Cornelio Celso (14 ac – 37 dc). Ecco una base storica dei #succhiotti praticati dal suddetto rugbista.

Di due qualità sono le coppette: di rame e di corno. Le prime sono aperta da un lato e chiuse dall’altro le seconde hanno un’ampia apertura da una parte ed un pertugio dall’altra.
Nella coppetta di rame si pone della stoppa ardente e quindi si pone dall’apertura sul corpo sostenendola con la mano per farla aderire.
Quella di corno si pone sul corpo così com’è, dopo attraverso il piccolo foro si succhia e dopo si chiude con della cera l’ingresso, …
Posta la coppetta, se la cute sottostante è scarificata, verrà attratto il sangue, mentre se la cute viene lasciata intatta verranno attratti gli spiriti. …
L’uso principale delle coppette si ha quando la malattia non è in tutto il corpo, ma in una qualche parte di esso nella quale basta estrarre per ristabilire lo stato di salute.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *