Il racconto del dott. Benivieni di una vulva chiusa e di come l’aprì attraverso incisione

Il racconto del dott. Benivieni di una vulva chiusa e di come l’aprì attraverso incisione

Essendo chiusa la vulva si apre con la incisione

di Antonio Benivieni

Egli è ormai certo che la vulva delle femmine alcune volte si chiude. Questo poi, o si fa dapprima nell’utero della madre, o per ulcerazione di quelle stesse parti, le quali cicatrizzando, per incuria del medico fra loro si congiungono e si conglutinano. Capitò infatti nelle mie mani una fanciulla già da marito, alla quale era chiusa la vulva. E datomi ad osservare un male sì fatto ed a curarlo, trovai una membranella che turava l’orifizio della vulva. Per la qual cosa la incisi a croce per due linee, e a un tratto venne fuori una materia nerissima così abbondantemente e con tanto impeto, che il lume che l’assistente pur allora appressava fu estinto: le passate mestruazioni erano ritenute dentro, e quindi destavano dei dolori di mese in mese gagliardi. Incisa, come dissi, la stessa membranella, ciò che di essa rimane nella parte interna piglio con un uncino e taglio. Quindi seguitata la cura come si fa delle altre ulceri, pochi giorni dopo rilascio la fanciulla sana e adatta al connubio.


vedi:
  • Di alcune ammirabili ed occulte cause di morbi e loro guarigioni. Libro di Antonio Benivieni fiorentino, volgarizzato e corredato di un elogio storico intorno alla vita e alle opere dell’Autore” Per cura del Dottor Carlo Burci, professore di Anatomia Patologica nell’Arcispedale di S. M. Nuova di Firenze”, 1843, pag. 85 (caso XXVIII)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.