Il museo di anatomia Javier Puerta di Madrid

Il museo di anatomia Javier Puerta di Madrid

modello anatomico in cera del museo Javier Puerta.

Il Museo  di anatomia Javier Puerta è attualmente composto da tre collezioni principali:

1) La Collezione di sculture policrome a cera della scuola italiana della fine del XVIII secolo (creata da Cháez e Franceschi), che comprende una straordinaria serie di modelli anatomici di cera che rappresentano varie fasi della gravidanza dal concepimento al parto.

2) La collezione di sculture policrome in gesso, che rappresenta parti del corpo umano e diverse tecniche chirurgiche.

3) La significativa “Collezione Olariz” contiene migliaia di teschi e due scheletri ben conservati. Uno scheletro è chiamato “Gigante extremeño” e l’altro è lo scheletro di un contadino francese della Guerra d’indipendenza spagnola. Entrambi sono stati donati da Pedro González de Velasco.


un’incredibile collezione

immagine dall’interno del museo

Inoltre, si può apprezzare l’uso di altri materiali come cartone, diversi tipi di fogli anatomici, parti anatomiche mummificate o artificiali del corpo e vari altri modelli anatomici che facilitano lo studio del corpo umano.

Il Museo di Anatomia appartiene alla Facoltà di Medicina dell’Università Complutense. Ha avuto origine nel Collegio Chirurgico Reale di San Carlos, creato da Carlos III nel 1787. Il primo direttore del museo è stato Antonio de Gimbernat, sebbene la maggior parte delle collezioni di sculture policrome in cera siano state create sotto la direzione del suo secondo direttore, Ignacio Lacaba.


storia di un museo

Tuttavia, non è stato fino a quando Pedro González de Velasco divenne direttore (1857) che il museo ha raggiunto il suo grande splendore.

Nonostante il contributo di altre persone importanti (Julián Calleja, Federico Olóriz, Julián de la Villa, Pedro Ara, Daniel Mezquita, Gómez Oliveros, Orts Llorca) il museo alla fine fu trascurato e sarebbe stato chiuso se non fosse stato per i grandi sforzi di l’ultimo direttore, il professor Puerta Fonollá, scomparso di recente.


vedi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *