Emily Shanks e le dottoresse russe

Emily Shanks e le dottoresse russe

Emily Shanks

Emily Shanks, conosciuta anche come Emiliya Yakovlevna Shanks (in russo: Эмилия Яковлевна Шанкс; 1agosto 1857, a Mosca – 13gennaio 1936, a Londra), fu una pittrice britannica che visse a Mosca fino allo scoppio della prima guerra mondiale. Ella è stata la prima donna ad far parte della “Russian Society for Travelling Art Exhibitions” o Peredvizhniki.

Emily Shanks nacque a Mosca, seconda figlia di James Stewart Shanks e Mary Louisa Schilling. Il padre era arrivato nella capitale russa nel 1852 dove collaborò con lo svedese Henrik Conrad Bolin per fondare la “Shanks & Bolin, Magasin Anglais” (Il Negozio Inglese di Shanks  e Bolin). Il negozio ebbe un successo finanziario e la famiglia Shanks condusse una vita agiata concedendo alle figlie il tempo e i mezzi per interagire con l’intellighenzia moscovita. Emily iniziò i suoi studi presso la Scuola di pittura, scultura e architettura di Mosca intorno al 1882, dove fu istruita da membri di spicco del Peredvizhniki: Vasily Polenov, Vladimir Makovsky e Illarion Pryanishnikov.


LE STUDENTESSE russe DI MEDICINA

Emily Shanks: “Ispezione dell’orecchio in un ospedale russo” (anni ’90 dell’ottocento)

Dal 1891 al 1915 Shanks espose con i Peredvizhniki in diciannove delle loro mostre. Allo scoppio della Grande Guerra, Emily e la maggior parte della famiglia Shanks tornarono a Londra. L’azienda di famiglia e la casa andarono perse durante la rivoluzione russa.

La sua opera intitolata “Ear Inspection in a Russian Hospital” fu dipinto negli anni novanta dell’ottocento. Il quadro, olio su tela, ha le dimensioni di 88,8 X 106,6 cm. Emily si era offerta come volontaria nel fare da interprete per un gruppo di medici britannici in visita negli ospedali russi: nel dipinto mostra studentesse di Medicina che esaminano una bambina.


PROGRESSI MEDICI TECNOLOGICI E SOCIALI

Scheda informativa con specchio di Clar

Le donne iniziarono a studiato Medicina presso l’Università di Mosca dagli anni settanta dell’ottocento, in modo che i villaggi che non potevano permettersi i salari dei medici maschi potessero assumere qualcuno con una formazione medica.

Lo strumento che una giovane studentessa utilizza ed un’altra tiene in mano con sè sembra essere una variante del cosiddetto “specchio di Clar“. Esso fu inventato nel 1886 dal medico termale e geologo austriaco appassionato di laringoscopia Konrad Clar (22febbraio 1844 – 13gennaio 1904).
In questo caso, una fonte luminosa, elettrica o meno, veniva riflessa attraverso lo specchio su uno speculum introdotto nel meato acustico esterno, permettendo la visione diretta del canale auricolare e della membrana timpanica.


RIFERIMENTI:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.