Una diagnosi differenziale fatta circa due secoli fa. E la diagnosi si conclude al tavolo autoptico.

Una diagnosi differenziale fatta circa due secoli fa. E la diagnosi si conclude al tavolo autoptico

Nell’idrotorace essenziale, non complicato, l’aspetto [del paziente] è pallido, stanco, emaciato, senza gonfiore; gli occhi sono offuscati e languidi, le labbra pallide e sottili. Nell’idrotorace la sede toracica coinvolta è piena e rigonfia …
Nelle malattie cardiache e dei grandi vasi non si nota niente di simile; talvolta si può vedere un aneurisma che solleva la parete toracica e ne produce una protrusione, ma ciò accade solo in un singolo punto e non occupa l’intera regione toracica. Inoltre, l’ovvia pulsazione di questa regione nel caso dell’aneurisma impedisce la confusione tra le due patologie …
Nelle malattie cardiache la parete toracica non è edematosa a meno che non sia in uno stato avanzato che procede verso l’anasarca generalizzato …
Nelle malattie cardiache la posizione del paziente non è mai orizzontale; se i pazienti vengono distesi sul dorso tendono a sollevare il torace e la testa, mentre altri resistono interamente nella loro posizione e si accovacciano in avanti. È raro vederne qualcuno ruotare su un lato eccetto quando sono vicini alla morte …
Nelle malattie cardiache il cadavere è rigonfio, violaceo e presenta infiltrazioni; le vene cervicali sono spesso prominenti; la parete addominale è distesa dalle effusioni nella cavità; tutti i tegumenti del corpo sono rigonfi di infiltrazioni, specialmente nelle estremità superiori ed inferiori; la quantità di acqua effusa nel torace solitamente è scarsa, mentre se è presente un idrotorace secondario, evento raro, questo si accompagna ad effusioni sierose dell’addome e ad anasarca generalizzato; i polmoni sono violacei e distesi per la quantità eccessiva di sangue; il cuore presenta sempre evidenza di una qualche lesione.


  • tratto da:

    I Metodi per distinguere le Lesioni Organiche del Cuore dall’Idrotorace“, del dott.  Jean-Nicolas Corvisart des Marets(Dricourt, 15 febbraio 1755 – Parigi, 18 settembre 1821), medico personale di Napoleone Bonaparte.


ritratto di Jean-Nicolas Corvisart des Marets (1755-1821) eseguito da Gabriel Lemmonier.

NB: Il termine idrotorace indica una condizione clinica caratterizzata dalla raccolta patologica di liquido sieroso (non infiammatorio) che si accumula nel cavo pleurico.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.