L’albero di vene di Leonardo da Vinci

L’ALBERO DI VENE DI LEONARDO DA VINCI

 

figura anatomica di Leonardo che mostra il cuore ed i principali vasi (1490 ca)

Leonardo da Vinci (1452-1519) fu il primo a rappresentare l’interno del corpo umano con una serie di disegni; si trattava anche di un modo del tutto nuovo per “guardare dentro” il corpo, rompendo tra l’altro antichi tabù. Sono centinaia i disegni conservati oggi al Castello di Windsor e di proprietà della regina d’Inghilterra, che visualizzano quello che prima era soltanto descritto a parole e in modo poco chiaro. Scrisse Leonardo:

«Con quali lettere descriverai questo core, che tu non empia un libro, e quanto più lungamente scriverai alla minuta, tanto più confonderai la mente dello uditore, e sempre avrai bisogno di sponitori o di ritornare alla sperienzia, la quale in voi è brevissima e dà notizie di poche cose rispetto al tutto del subbietto di che desideri integrar notizia».

Leonardo inventò l’illustrazione anatomica; inventò anche un modo di illustrare che ancora oggi viene usato dai moderni disegnatori, la cosiddetta “immagine esplosa“: un esempio si ha guardando come Leonardo rappresentava una testa sezionata, disegnando il cranio e il cervello in sequenza in modo da mostrare come entrano l’uno dentro l’altro. Studiò le ossa, i muscoli, le arterie, le vene, i capillari; riuscì a capire le alterazioni senili e persino a intuire l’arteriosclerosi.
Gli sfuggì invece il ruolo del cuore, studiato a Roma fino al 1513:

«Tutte le vene e arterie nascano dal core, e la ragione è che la maggiore grossezza che si trovi in esse vene e arterie è nella congiunzione che esse hanno col core, e quanto più se removano dal core, più si assottigliano e si dividano in più minute ramificazioni» e questa convinzione gli deriva dall’analogia con le piante, le quali hanno le radici nella loro parte inferiore ingrossata: «è manifesto che tutta la pianta ha origine da tale grossezza, e per conseguenza le vene hanno origine dal core, dov’è la lor maggior grossezza».

Sfortunatamente, nessuno conobbe il lavoro di Leonardo dal momento che non fu mai pubblicato. L’importanza e la precisione del suo lavoro vennero alla luce dopo la sua  morte quando William Hunter nel nel 1774 richiamò l’attenzione sui disegni anatomici di Da Vinci.


riferimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.