Cardiologia

Il cuore come pompa

Sistole VS Diastole: Il cuore come pompa Il primo sospetto sull’intenzione di William Harvey di riferirsi al cuore come una pompa si può trovare nella seguente citazione delle sue note per la Lezione Lumleiana del 17 aprile 1616, molto prima del suo De Motu Cordis: “…Il movimento del sangue avviene costantemente in un circolo, ed è determinato dal battito del cuore.… Continua a leggere Il cuore come pompa

Il controllo elettrofisiologico del cuore

Il controllo elettrofisiologico del cuore Gli antichi avevano la consapevolezza che due tipi di pesci manifestavano proprietà elettriche. Questi erano il pesce gatto elettrico ed il pesce torpedo. I Greci conoscevano queste creature e tentarono di sfruttare le loro capacità elettriche per la cura del mal di testa e nella gestione dell’epilessia o del dolore. Anche l’ambra… Continua a leggere Il controllo elettrofisiologico del cuore

I disturbi elettrofisiologici (Aritmie)

I DISTURBI ELETTROFISIOLOGICI: LE ARITMIE Le prime osservazioni dei disturbi del ritmo cardiaco furono ottenute con la sensazione tattile del polso ed in seguito osservando il battito cardiaco ad occhio nudo. Rudolph Heidenhain introdusse il termine aritmia nel 1872 per designare qualsiasi disturbo del ritmo cardiaco. Thomas Lewis fu un pioniere nelle definizione di molte forme di aritmia a livello clinico.… Continua a leggere I disturbi elettrofisiologici (Aritmie)

Esame Fisico Cardiologico

Esame Fisico Cardiologico La diagnosi fisica è quella branca della pratica medica in cui la diagnosi della malattia è fatta attraverso l’uso di uno o più dei nostri sensi: vista, olfatto, gusto, tatto ed auscultazione. L’uso dell’odorato, raramente utilizzato in medicina, se non in alcuni casi come “l’odore di ammoniaca” nei pazienti uremici, il “respiro acetonemico”… Continua a leggere Esame Fisico Cardiologico

Anomalie cardiache strutturali acquisite

Anomalie cardiache strutturali acquisite Veduta generale della patologia cardiovascolare PRIMA DEI GRECI Durante l’era pre-ellenica, specialmente tra gli Ebrei, ma anche tra gli Egizi e gli Assiro-Babilonesi, la malattia era ritenuta principalmente un’afflizione causata da divinità vendicative. Rigide leggi rituali furono stabilite ed osservate nello sforzo di propiziarsi qualunque divinità fosse in voga in quel tempo così da non attirarne… Continua a leggere Anomalie cardiache strutturali acquisite

Anomalie congenite cardiache 

Anomalie congenite cardiache  È comunemente accettato il fatto che Aristotele sia stato il primo embriologo. Il punctum saliens, le vene vitelline ed allantoidee furono descritte da lui. La prima descrizione di destrocardia è attribuita ad Alessandro Benedetti, di Padova (1460-1525). Hieronymus Fabricius (Acquapendente, 1537 – Padova, 21maggio 1619) amplificò il lavoro di Aristotele con i suoi studi sullo sviluppo dei pulcini nell’uovo. … Continua a leggere Anomalie congenite cardiache 

Anatomia del cuore e dei vasi sanguigni

Esordi I più vecchi miti concernenti la conformazione anatomica del cuore e dei vasi risalgono all’uomo primitivo e poggiano le loro basi sulle credenze piuttosto che sull’osservazione. Inoltre queste credenze avevano un sapore mistico e i religiosi sfidavano e rigettavano ogni tentativo di analisi razionale. Descrizioni anatomiche del cuore si possono trovare anche nella Bibbia e nel Talmud … Continua a leggere Anatomia del cuore e dei vasi sanguigni

Alcuni approcci storici alle malattie delle arterie coronarie 

L’anatomia normale dei vasi coronarici è stata descritta ancor prima che avanzasse il progresso scientifico. La correlazione clinico-patologica avvenne in seguito nel XIX secolo, un era di sviluppo tecnologico, in cui le ricerche laboratoristiche aiutarono a comprendere che il ridotto apporto sanguigno era la chiave di volta per la spiegazione della sindrome clinica che variava… Continua a leggere Alcuni approcci storici alle malattie delle arterie coronarie 

A(r)terosclerosi e storia del Test da Sforzo

A(r)terosclerosi e storia del Test da Sforzo ATEROSCLEROSI (ARTERIOSCLEROSI) Il termine “arteriosclerosi” fu introdotto nel 1833 da Johann Friedrich Lobstein (8maggio 1777 – 7marzo 1835), chirurgo e patologo franco-tedesco. Nel 1904 Felix Jacob Marchand (Halle, 22ottobre 1846 – Lipsia, 4febbraio 1928) , patologo tedesco, presentò un articolo al 21° congresso di Medicina Interna, tenutosi a Lipsia, in cui raccomandava l’adozione del… Continua a leggere A(r)terosclerosi e storia del Test da Sforzo

Le onde di Einthoven

LE ONDE DI EINTHOVEN L’interesse del cardiologo olandese Willem Einthoven per l’elettrocardiografia fu stimolato, durante i suoi studi, dall’illustre fisiologo Franciscus Donders (Tilburg, 27maggio 1818 – Utrecht, 24marzo 1889), che a quel tempo studiava l’azione delle correnti del cuore. Questa era parte del suo smisurato e duraturo interesse verso l’intera disciplina delle scienze fisiche. Un anno… Continua a leggere Le onde di Einthoven