Storia della medicina


Vai ai contenuti

Menu principale:


Solvay Pharmaceuticals

Pharma e Biotech > CASE FARMACEUTICHE STRANIERE (AL 2007)


SOLVAY PHARMACEUTICALS



Cronistoria


Negli anni cinquanta del novecento, con l’acquisto della Kali Chemie in Germania (ora Solvay Pharmaceuticals GmbH Germany), il Gruppo Solvay entra nel settore farmaceutico. Nel tempo la compagnia ha acquisito altre case farmaceutiche: Latema and Sarbach (in seguito fusasi con Solvay Pharma France), Duphar (ora chiamata Solvay Pharmaceuticals BV, in Olanda) e Reid-Rowell (ora Solvay Pharmaceuticals Inc., USA).
Comunque, già in precedenza, la compagnia Solvay aveva prodotto agenti farmacologici come CREON MINIMICROSPHERES, estratto pancreatico prescritto per la fibrosi cistica già dal 1900. Nel 1980 le attività farmaceutiche vengono organizzate in un settore a parte.
Nel 2005 il gruppo ha finalizzato l’acquisto della
Fournier Pharma, azienda leader nella produzione del fenofibrato.
Un’altra recente acquisizione è stata la
Neopharma ed il suo farmaco per il morbo di Parkinson, DUODOPA (levodopa + carbidopa).
Con tali acquisizioni la compagnia ha deciso di allocare le sue risorse principalmente in alcuni settori di R&D: agenti cardiometabolici, per le neuroscienze, per la gastroenterologia, l’andrologia e la ginecologia, oltre che vaccini per l’influenza ed enzimi pancreatici, specialmente per farmaci già esistenti e consolidati.

Nel 2009 la Solvay Pharmaceuticals è stata acquistata dalla Abbott diventandone una sussidiaria, con una transazione che è stata completata il 15 febbraio 2010.


Alcune Storie


Solvay: Nel 1861 il giovane chimico belga Ernst Solvay sviluppa il processo per produrre la soda. Fino ad allora, il sistema in uso era quello scoperto dal chimico francese Nicolas Leblanc nel 1789. Ernst e suo fratello Alfred Solvay formarono la Solvay & Cie. La perfezione del processo su larga scala fu più difficile della stessa invenzione al punto che l’azienda rischiò la bancarotta nel 1865. Comunque, entro il 1869 la Solvay era in grado di produrre grosse quantità di soda. Successivamente iniziò il processo di diversificazione e nel 1886 la compagnia iniziò a procedere con la produzione del cloro. La compagnia iniziò già nei primi anni settanta dell’ottocento il suo processo di espansione (Inghilterra 1872, USA 1881) e nei primi anni del novecento sbarcò anche in Italia.
Nel 1898 l'azienda iniziò a produrre la soda caustica. Il cloro venne usato per produrre l’acido idrocloridrico, il sodio ipoclorito ed in seguito derivati organici. Un’altra sostanza prodotta dalla compagnia fu il perossido di idrogeno (inizio della produzione nel 1959).
Negli anni cinquanta del novecento, Solvay inizia la produzione del polivinile cloruro (PVC) ed entra nel campo della plastica. Dopo pochi anni la presenza nel ramo dei materiali in plastica viene estesa con l’inizio della produzione del polietilene ad alta densità.

LUVOX: La fluvoxamina è un antidepressivo che funziona farmacologicamente come un inibitore selettivo del reuptake della serotonina (SSRI), e viene spesso usato per trattare i disturbi ossessivo-compulsivi. Il farmaco fu lanciato nel 1984 dalla Solvay Pharmaceuticals in Svizzera e dieci anni dopo negli USA. Nel 2002 il LUVOX venne ritirato dal mercato americano dopo che si scoprì che uno dei due autori del massacro alla scuola superiore Colombine assumeva quel farmaco, per essere poi reintrodotto nel 2007.

Tedisamil: questo farmaco sviluppato dalla Solvay Pharmaceuticals (nome commerciale programmato PULZIUM) è in fase di registrazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) come agente terapeutico per la fibrillazione ed il flutter atriale. Nel dicembre 2007 la commissione di controllo cardio-renale ha votato contro l’approvazione del tedisamil richiedendo ulteriori informazioni.

Fenofibrato: questo agente usato nel trattamento dell’ipercolesterolemia e della ipertrigliceridemia, appartenente alla famiglia dei fibrati, venduto dalla Abbott con il nome TRICOR e dalla Solvay Pharmaceuticals con il nome LIPANTHYL, venne sviluppato dal Groupe Fournier SA prima della sua acquisizione da parte della Solvay.


La Compagnia Oggi (2007)


Il Quartier Generale del Gruppo Solvay si trova a Bruxelles, Belgio. Le attività della compagnia sono organizzate in tre settori:
a) Pharmaceuticals b) Chemicals c) Plastics.
Nel 2007 il fatturato globale è ammontato a 9,6 miliardi di euro (41% Plastics, 32% Chemicals e 27% Pharmaceuticals), di cui il 56% provenienti da vendite in Europa, il 32% nelle Americhe, il 9% nell’Asia ed il 3% nel resto del mondo. La forza lavoro del gruppo è di circa 28.500 dipendenti (20.000 circa impiegati in Europa). Di questi, poco più di 9.000 lavorano nel settore farmaceutico.
Dunque il fatturato globale 2007 nel Settore Farmaceutico è stato di 2,6 miliardi di euro con circa 450 milioni di euro investiti in R&D (ricerca e sviluppo). L’area cardiometabolica ha garantito vendite per circa 720 milioni di euro, l’area della salute femminile e maschile circa 600 milioni di euro, mentre l’area delle neuroscienze circa 440 milioni di euro. Il mercato farmacologico principale è stato quello europeo (45% delle vendite), seguito da quello delle Americhe (42%). Il farmaco best-seller è stato il LIPANTHYL, che ha garantito nel 2007 incassi per 433 milioni di euro, seguito da ANDROGEL (308 milioni).
La compagnia è riuscita ad allargare il suo portfolio farmaci e la sua ricerca anche grazie ad una serie di alleanze e collaborazioni scientifiche con altre case quali
Wyeth (nel campo delle neuroscienze), Lundbeck (nel settore della schizofrenia), Bristol Myers & Squibb (nel campo dell’obesità), Petrovax (nella prevenzione dell’influenza) e Quintiles.

Il portfolio farmaci comprende prodotti quali

  • LUVOX / FLOXYFRAL / FAVERIN;
  • SERC / BETASERC / VERTISERC (betaistidina, per il trattamento delle vertigini);
  • MARINOL (dronabinol, per il trattamento dell’anoressia associata alla perdita di peso nei pazienti HIV positivi, commercializzata negli USA dalla Unimed Pharmaceuticals Inc., una sussidiaria della Solvay);
  • CREON;
  • ROWASA (mesalazina, per il trattamento delle sindromi del colon irritabile);
  • DICETEL (pinaverio bromuro, per le sindromi del colon irritabile);
  • DUSPATAL / DUSPATALIN (mebeverina cloridrato, per le sindromi del colon irritabile);
  • DUPHALAC (lattulosio, per la stipsi);
  • PANTOLOC (pantoprazolo, farmaco gastroprotettore inibitore della pompa protonica);
  • gli estrogeni PRESOMEN e ZUMENON per il trattamento dei sintomi menopausale e l’osteoporosi ad essa associata;
  • i progestinici ed estro-progestinici FEMOSTON, ZUMESTON, PRESOMEN COMPOSITUM;
  • androgeni come ESTRATEST;
  • il progesterone micronizzato PROMETRIUM;
  • DUPHASTONE (didrogesterone, per il trattamento delle carenze di progesterone); ANDROGEL (testosterone terapia);
  • TEVETEN / TEVETENZ (eprosartan, farmaco antipertensivo appartenente alla famiglia dei sartani);
  • PHYSIOTENS / MOXON / CYNT (monoxidina, agente antipertensivo centrale appartenente alla classe degli antagonisti selettivi imidazolici);
  • ACEON (perindopril erbumina, agente antipertensivo della famiglia degli ACE-inibitori);
  • OMACOR (concentrato di omega-3, prodotto per la prevenzione secondaria nell’infarto cardiaco);
  • INFLUVAC (vaccino influenzale inattivato).



La R&D (2007)


Nel 2006 i costi in R&D ammontavano a 424 milioni di euro (16% delle vendite). La R&D è focalizzata in quattro settori principali:
a) area cardio-metabolica (aritmie, insufficienza cardiaca, disturbi cardio-metabolici, ipertensione e obesità);
b) area delle neuroscienze (ansia e depressione, psicosi, malattia di Parkinson);
c) vaccini per l’influenza (nuovi sistemi di somministrazione ed adiuvanti);
d) enzimi pancreatici creati con la tecnica della bioingegneria.

Attualmente sono sotto studio nella
pipeline della compagnia una trentina di molecole, alcune delle quali nuovi composti sviluppati in alleanza con altre case farmaceutici, come per esempio SLV 319 (agente in fase di studio per il trattamento dell’obesità), sviluppato insieme alla Bristol Myers & Squibb.

I principali centri R&D del gruppo si trovano in Europa (5 siti di ricerca e sviluppo), USA e Giappone (rispettivamente 1 sito R&D).


La Compagnia in Italia


Nel settore farmaceutico il Gruppo Solvay è presente direttamente in Italia dal 1986. L’azienda, Solvay Pharma S.p.A., in Italia ha la propria sede a Grugliasco (Torino).


FONTI
Articolo tratto dai siti Solvay Pharmaceuticals, Abbott, Solvay Farmaceutica, Solvay, fundinguniverse, EPDA.
Citazioni da Wikipedia: 1) Solvay 2) Ernst Solvay 3) Soda 4) Soda ash 5) Solvay process 6) Fenofibrate 7) Eprosartan 8) Tedisamil 9) Fluvoxamine


Autore: Dott. Concetto De Luca (08/06/2008 - con aggiornamenti al 17/10/2010)


INIZIO

PHARMA e BIOTECH

Home Page | Breve cronistoria della Medicina | Protagonisti | Specializzazioni | Istituzioni | Opere che hanno fatto la Medicina | Le Riviste Mediche | Pharma e Biotech | Medicali e Diagnostica | Food and Drug Administration | Storici della medicina | Testi di storia della medicina | Galleria Immagini | Medicine Alternative | Link a Musei della medicina | Link a Storia della medicina | Contattami | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu