La Clinica del dr Gross

la clinica del dott. gross

The Gross Clinic (1875)

The Gross Clinic, o The Clinic of Dr. Gross, è un dipinto del 1875 dell’artista americano Thomas Eakins (1844-1916). È in olio su tela e misura 8 piedi (240 cm) per 6.5 piedi (200 cm). Thomas Eakins nel 1889 comporrà un altro celebre quadro a carattere medico, “The Agnew Painting. Il settantenne chirurgo Samuel David Gross (Easton, 8 luglio 1805 – Filadelfia, 14 febbraio 1884) viene mostrato in posizione eretta, vestito di nero con un bisturi tenuto dalla mano sporca di sangue, mentre opera davanti a studenti dell’Università di Filadelfia.
Si nota il dottor Gross mentre sta operando la coscia un paziente. Il nero predomina in questo quadro e rispetto all’opera del 1889 il realismo sembra essere molto più forte, così come la mancanza di asepsi. La mano del dr Gross ostenta la chirurgia, la mano della donna ostenta la paura. La figura dell’anestesista che tiene un “panno soporifero” invece risalta dietro il volto nascosto del paziente. In una recensione comparsa sul sito del “New York Times” il 28 maggio 2020 l’opera viene completamente riabilitata rispetto alle critiche ricevute circa 145 anni prima.


LA RECENSIONE DEL NEW YORK TIMES ALL’OPERA

Autoritratto di Thomas Cowperthwait Eakins (Filadelfia, 25 luglio 1844 – Filadelfia, 25 giugno 1916)

Ma chi ha detto che l’arte dovrebbe essere una fuga, un conforto, un anestetico? L’arte è più dura e potente di così – e per alcuni dei più grandi pittori del passato, il materiale artistico risiedeva nel caos della vita reale. Thomas Eakins (1844-1916) era ancora un giovane artista quando completò “The Gross Clinic“, una rappresentazione in azione e aggiornata dell’avanguardia della medicina americana del momento storico.

Alto otto piedi, “The Gross Clinic” mostra un vero e proprio eroe nel suo chirurgo posto al centro dell’opera. Ma il dipinto non ha nulla del mito della ritrattistica precedente. Al contrario, l’artista ci immerge nella sanguinosa realtà della sala operatoria e dipinge in un nuovo stile franco e persino spietato che mette in primo piano i fatti nudi della malattia e della guarigione. Ma i critici lo stroncarono quando fu esposto per la prima volta, ed Eakins dovette venderlo per una miseria. Ecco quanto scrisse allora il “Times“: “Così terribile che il pubblico può essere ben scusato se si volta dall’altra parte per l’orrore.


il dott. Gross

Il dott. Samuel Gross

Il protagonista del dipinto è Samuel Gross: chirurgo, educatore e autore del principale libro di testo medico dell’epoca. Notare come si inclina, quasi come il capitano di una nave con il mare mosso. E notare cosa indossa: un pesante cappotto intriso di sangue. Sono ancora lontani anni in cui arriveranno i ‘surgical scrubs‘.

La sua testa è coronata da un alone di capelli bianchi arricciati. Si scopre il forte contrasto di tra i capelli e la fronte illuminati rispetto allo spazio dietro di lui: è come un faro di conoscenza nel teatro oscurato.


il bisturi del dott. gross

particolare dell’opera: Il bisturi impugnato dal dott. Gross.

Un bisturi giace nella sua mano destra, che tiene pronto anche se si è ritirato dal campo dell’operazione. Gross sta afferrando lo strumento con destrezza come un pennello. La chirurgia, come l’arte, era una questione di cervello e corpo. Niente guanti. Il sangue macchia le sue dita carnose; si può anche notare come il sangue sia penetrato nel letto ungueale del pollice destro. Ma ovviamente questo non è sangue; è olio rosso. Il realismo di Eakins ha ridotto a quasi nulla la distinzione tra carne e pittura. E il corpo dipinto nel dolore, che gli artisti avevano raffigurato in ogni sorta di tortura nei santi martiri, diventa immediato come una vera ferita nella carne umana.


L’intervento

I nostri sguardi vengono rapidamente attratti dall’eroico dottore verso il corpo sul tavolo: sangue senza volto, indifeso e zampillante. Maschio o femmina, vecchio o giovane è il paziente sottoposto all’intervento? Non si può dirlo: Eakins ha lasciato una strana, spaventosa assenza nel cuore dell’immagine. Il viso è oscurato sotto un panno intriso di etere: non la forma più avanzata di anestesia, ma molto meglio di niente. Puoi vedere la stessa tintura nei letti ungueali dell’assistente principale di Gross. E il sangue macchia la manica bianca e la giacca grigia di un altro assistente, che tiene in mano il morsetto che espone la ferita.


riparazione al posto dell’amputazione

Il paziente soffre di un’infiammazione al femore, un disturbo spiacevolmente comune nell’America del XIX secolo. All’epoca, i dottori spesso amputavano l’arto malato. Gross sta insegnando al pubblico come estrarre l’osso necrotico – una nuova tecnica che metterebbe fine alla macelleria della chirurgia pre-moderna. Con un pò di pazienza e alcune escissioni precise, si sarebbero potute evitare le amputazioni. E per Eakins, che ha firmato il suo nome sul tavolo operatorio, questa precisione era una virtù comune sia alla scienza che all’arte.


LA DONNA ED IL TERRORE DELLE sue MANI

Seduta dietro il dr Gross c’è una sola donna nell’anfiteatro. Indossa un indumento nero con un colletto inamidato, ma il suo volto non è visibile. Non si può dire quale sia la sua età così come quella del paziente. Possiamo pensare che sia la madre della paziente? Non è improbabile: nel diciannovesimo secolo, i membri della famiglia dovevano presenziare agli interventi chirurgici ed acconsentire ai passi più difficili e raccapriccianti. Cosa intendeva Eakins includendola in quel ruolo e posto? La donna stringe le sue mani come in una lotta per guardare o meno. La si può liquidare come uno stereotipo di emozioni femminili che fa da contrasto alla cifra maschile del dr Gross? 


EAKINS

“Carrying a woman” foto di Thomas Eakins.

Gran parte della grandezza di “The Gross Clinic” sta qui: tra il fatto del dolore e il desiderio di conoscenza, tra il sangue della chirurgia e la sublimità dell’arte. Eakins studiò anatomia, non solo arte, a Filadelfia e Parigi. Insegnò la materia presso la “Pennsylvania Academy of Fine Arts“, insieme a disegno.

Egli incoraggiava i suoi studenti d’arte a frequentare le dissezioni. Li fece anche posare nudi in compagnia, per disegnare la vita e per fare fotografie. Grande, grande scandalo nella Filadelfia del XIX secolo. Ciò gli sarebbe costato il suo posto accademico. Ma cosa scioccava davvero le persone? Non era la carne nuda: i nudi erano dappertutto nei musei e nelle gallerie.


IL REALISMO DI EAKINS

Il problema era il suo realismo. Eakins aveva portato la pittura dal mito e dalla storia nell’arena della vita contemporanea. La carne supplicava e la vernice era sangue. E questo era un altro tipo di scandalo: era uno scandalo mostrare ciò che non dovrebbe essere mostrato, guardare direttamente ciò che dovrebbe essere visto solo a distanza. E per le grandiosità di Filadelfia, ciò era intollerabile. Una cosa era fare studi dall’osservazione medica, oltre che dalla fotografia, una nuova tecnologia di cui Eakins è ossessionato; ma tradurre quegli studi direttamente in arte, senza ornamenti, era insostenibile.


Bisturi e matite

In “The Gross Clinic“, ci sono quattro oggetti appuntiti in uso: due bisturi e due matite. I bisturi sono al centro della scena e sono facili da individuare. Le matite sono nascoste, ma sono altrettanto importanti: una appartiene allo stenografo che annota la lezione di Gross per i posteri. L’altra matita è più difficile da vedere; è all’estremità destra del dipinto, nella mano di uno degli spettatori, seduto nell’ombra. Il giovane guarda la scena insanguinata, e non sussulta. E’ Eakins in persona: poco più di 30 anni, e con i capelli ancora folti. I suoi occhi, se riusciamo a distinguerli, sembrano rivolti su Gross. La sua matita è una quasi una replica del bisturi del dott. Gross. Questa è una visione del progresso in cui l’arte e la medicina hanno obiettivi comuni; e quando maneggi il pennello come un bisturi, devi essere preparato per il sangue.


vedi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *